Bonus videosorveglianza 2016: cos’è e come funziona

Non devi avere più paura per la tua casa, ci pensa il bonus videosorveglianza a tenere lontani i ladri dall'amata abitazione. Vediamo cosa prevede la legge di stabilità 2016.

bonus videosorveglianza

Bonus videosorveglianza 2016: casa sicura

Con la Legge di stabilità 2016 hai la possibilità di ottenere questa agevolazione: il bonus videosorveglianza o anche chiamato bonus sorveglianza.

Il Governo ha istituito un credito d’imposta per l’acquisto di sistemi di sicurezza da parte dei privati cittadini.

Fino all’anno scorso, le spese per la sicurezza di casa facevano parte del capitolo “agevolazioni per ristrutturazione casa” e prevedevano la detrazione fiscale al 50% in caso di spese antifurto. Potevano essere comprati:

  • porte blindate;
  • vetri antisfondamento;
  • casseforti a muro;
  • cancelli e recinzioni;
  • grate e saracinesche alle finestre;
  • antifurti;
  • telecamere a circuito chiuso collegate con la vigilanza.

Ora, grazie al “pacchetto sicurezza” si aggiunge il bonus videosorveglianza.

È un credito d’imposta che viene riscosso nel caso in cui vengano comprati impianti di videosorveglianza o siano stipulati contratti con istituti di vigilanza.

Attenzione! Solo fino ad esaurimento dei 15 milioni di euro stanziati dallo Stato per questo bonus per la sicurezza delle nostre abitazioni.

verisure antifurto

Bonus videosorveglianza: cos'è e come funzionaBonus videosorveglianza: cos’è e come funziona http://bit.ly/1V5VfTd via @6sicuro

Bonus videosorveglianza 2016: come funziona

Ad oggi non è stato ancora emesso il decreto attuativo dell’emendamento e quindi di certo sappiamo solo:

  1. Spese oggetto del bonus videosorveglianza: installazione di sistemi di videosorveglianza digitale (telecamere, registratori video o audio) o allarme e contratti stipulati con aziende che forniscono servizi di vigilanza;
  2. Soggetti beneficiari bonus sorveglianza: l’utilizzo è previsto per i cittadini che non esercitano attività commerciali o posseggono partita IVA;
  3. Riscossione bonus: avviene attraverso la compilazione del modello 730/2017 presentando le fatture d’acquisto.

Attendiamo il Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze che definirà il campo preciso di applicazione e fornirà risposta anche ad alcuni dei dubbi che ci poniamo:

  • Quant’è l’importo massimo erogabile applicato al bonus videosorveglianza?
  • Che operazioni devono essere effettuate per avere il bonus sorveglianza?
  • Sopralluoghi, progetti, installazioni delle videocamere o dei registratori, rilasci delle certificazioni conformi alla legge sulla privacy ci rientreranno?
  • Quali delle spese presenti nella detrazioni fiscali IRPEF al 50% per impianti d’allarme verranno tagliate?
  • Criteri e procedure in caso di illegittimo utilizzo?

Il 1 aprile avremmo dovuto già sapere qualcosa in merito al bonus videosorveglianza. Aspettiamo fiduciosi, nel frattempo, ci piaceva l’idea di informarti in merito.

Se stavi pensando di installare un antifurto per la tua casa attendi ancora qualche giorno, avrai anche modo di risparmiare riuscendo a prendere i classici “due piccioni con una fava”: recupero fiscale, bonus videosorveglianza e ladro in fuga.

verisure

Giovanni Bizzaro

Assistente web marketing di 6sicuro, coordino blogger e giornalisti gestendo e pianificando il calendario editoriale. Mi occupo inoltre di strategie sui social network per aziende e privati.

Commenti Facebook

1 Commento

  1. Avatar
    Caliendo Gaetano agosto 10, 2016

    Buongiorno, si sa qualche novità in merito all’emendamento del credito d’imposta relativo al bonus videosorveglianza che il Governo ha tanto pubblicizzato? I 90 giorni sono passati da un bel pò di mesi. Mi fa sapere gentilmente qualche novità in merito? Grazie

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*