Assicurazioni estere: posso usarle per circolare in Italia?

assicurazione estera

Parenti, amici, conoscenti te l’hanno consigliato non appena hanno saputo che la tua assicurazione stava per scadere o che stavi per comprare un nuovo veicolo: “Perché non fai una delle assicurazioni estere?”

Da lì in te si è insinuato il dubbio: “Potrò mai circolare con un’assicurazione estera? Cosa comporta? Mi conviene davvero? E cosa devo assolutamente sapere?”. Proviamo a rispondere in questo post a tutte le domande.

Circolare con un’assicurazione estera in Italia

La globalizzazione non ha risparmiato neanche il mercato delle RCA pertanto la prima risposta è sì, è possibile circolare con una propria auto, con targa italiana e scegliere, anziché una compagnia italiana, una di origine estera. Possibilità dunque legale e verso cui molte persone propendono in ottica di risparmio, ma sono tante sono le cose che bisogna sapere prima di optare per questa scelta.

Prima cosa: se ti decidi per una RCA estera, dovrai subito accertarti che questa sia legittima ossia regolarmente autorizzata dall’IVASS (Istituto per la Vigilanza Assicurativa).

Le compagnie autorizzate sono quelle che, operando appunto anche nel nostro Paese, si sono adeguate alle norme e alle condizioni previste in Italia per gli assicurati come ad esempio i massimali e le variabili che determinano il calcolo del premio assicurativo come regione di residenza, età ecc…   Questo per garantire la giusta concorrenza tra le compagnie assicurative e soprattutto garantire il cittadino che sceglie di circolare con un’assicurazione estera.

Assicurazioni estere: quali differenze?

Inoltre, devi sapere che non tutte le assicurazioni estere operano in Italia allo stesso modo.
Si distinguono essenzialmente in: imprese operanti in Stabilimento (ossia operanti in Italia e con una sede in Italia) e in imprese che operano in Libera Prestazione di Servizi (LPS), di cui alcune appartenenti a grandi Gruppi Assicurativi Italiani. Per quest’ultime deve essere indicato il rappresentante “per la gestione dei sinistri per le imprese operanti in LPS.

Questo rappresentante deve risiedere in Italia ed è incaricato della gestione dei sinistri e della liquidazione dei relativi risarcimento. Inoltre, come si legge sul sito dell’IVASS, rappresenta l’impresa nelle controversie che “dovessero insorgere in materia di risarcimento dei danni” (art. 25 del Codice delle Assicurazioni)

Assicurazioni estere: posso usarle per circolare in Italia? Assicurazioni estere per circolare in Italia: cosa devi sapere http://bit.ly/1MoLue0 via @6sicuro

Sul sito dell’Ivass trovi l’elenco, costantemente aggiornato, con le compagnie estere autorizzate in Italia e suddiviso tra chi è operante nel nostro Paese e chi opera in LPS. La maggior parte di queste assicurazioni estere, come potrai vedere, viene dalla Gran Bretagna e molte sono abbastanza note nel mercato assicurativo.

Cosa succede se l’assicurazione non è valida in Italia?

Se la compagnia che ti aveva fatto un’ottima offerta non è in elenco, il nostro consiglio è di lasciar perdere. Altrimenti la tua polizza non ti garantirà l’effettiva copertura in caso di incidenti stradali o sinistri di vario genere oltre a tutti i risvolti civili e penali nei quali potreste incorrere.

Inoltre, circolare senza assicurazione o risparmiare per averne una che non è valida in Italia, può davvero costarti caro: la multa può arrivare a quasi 4mila euro oltre a dovere subire il sequestro del veicolo. Per sapere quanto costa e in cosa incorri, clicca qui.

Consigli

Prima di scegliere un’assicurazione straniera fai tutti i controlli del caso e se ritardi il tuo acquisto di qualche mese rispetto a quando hai effettuato i tuoi controlli, ritorna sul sito dell’IVASS per verificare la situazione e avere informazioni dettagliate e aggiornate in merito. Con queste cose non si scherza: oltre a mettere in pericolo te e i tuoi familiari, metti in pericolo chiunque circoli in strada.

Alla luce di quello che abbiamo detto stai pensando di scegliere una compagnia italiana ma quello del risparmio è il tuo chiodo fisso? Ecco un decalogo per risparmiare mentre nel nostro comparatore puoi trovare subito l’offerta che fa per te.

Hai avuto esperienze con assicurazioni estere non autorizzate? Raccontaci la tua esperienza: la tua testimonianza può essere preziosa anche per tutti.

Cristina Maccarrone

Giornalista e content manager, con una passione per il mondo del lavoro e per l'economia. Leggo di tutto (dalle scritte sui muri ai commenti nelle discussioni social, dai libri agli e-book) e amo le riviste che spaccio poi ad amici e colleghi. Amo chiacchierare a voce e sui social, in particolare Twitter dove mi trovi come @cristinamacca.

Commenti Facebook

6 Commenti

  1. Avatar
    ALDO gennaio 06, 2017

    BE NON E’ COSI DEL TUTO CI SONO MODI APPOSITAMENTE
    STUDIATI PER RIUSCIRE A GIRARE SENZA AVERE PROBLEMATICHE

    Rispondi
    • Avatar
      Roberto ottobre 26, 2017

      Aldo tipo? Io risiedo a Benevento è non riesco a fare assicurazione (1200 euro annuali per una,seicento) e non la fanno neanchee a rate

      Rispondi
  2. Avatar
    Jean Louis ottobre 01, 2017

    Buon giorno nel periodo che scadrà la mia assicurazione dell’auto sarò all’estero con l’auto per altri tre o sei mesi, posso stipulare assicurazione nel paese dove mi trovo al momento?
    Jean Louis Verona

    Rispondi
    • Avatar
      Giovanni Bizzaro ottobre 03, 2017

      Ciao,
      No, sul veicolo può essere attiva solo una assicurazione alla volta.

      Rispondi
  3. Avatar
    Maria novembre 10, 2017

    Buongiorno, per verificare se un’automobile è coperta da assicurazione esiste il portale l’automobilista, queste assicurazioni estere risultano su tale portale?
    Mi spiego meglio ,se una macchina è assicurata con una di queste Assicurazioni estere risulta sul portale dell’automobilista?
    Grazie

    Rispondi
    • Avatar
      Giovanni Bizzaro dicembre 04, 2017

      Ciao Maria,
      Se sono abilitate ad operare in italia, sì. Altrimenti no, ma è anche illegale circolare con un’assicurazione non abilitata ad operare in italia.

      Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*