Assicurazione auto: la truffa delle compagnie fantasma

Assicurazione auto contraffatte. L’IVASS, dopo aver individuato altre due compagnie fantasma, mette in guarda gli italiani.

assicurazione auto truffa compagnie fantasma

Il rischio di stipulare un’assicurazione auto con una compagnia fantasma è, se non si fa attenzione, altissimo. Non a caso l’IVASS ha di recente scovato altre due compagnie e continua a mettere in allerta gli italiani.
Preventivo assicurazione auto

Assicurazione auto fantasma e le polizze inesistenti

Quello dell’assicurazione auto fantasma è un problema da non sottovalutare. Sono migliaia infatti gli italiani che, negli ultimi anni, hanno stipulato contratti online con compagnie assicurative da cui hanno subito truffe non indifferenti.

L’IVASS lo sa bene ed è per questo che si impegna assiduamente nella ricerca e nella denuncia delle assicurazioni fuorilegge. Le ultime due scovate, in ordine di tempo, sono state la Tuir e la Nadejda.

Da quanto emerso, si tratta di gruppi assicurativi stranieri con sede nell’Europa dell’est (le ultime sono una polacca e una bulgara), Malta e a Cipro.

La cosa non stupisce più di tanto, perché in questi luoghi i controlli sono superficiali e le occasioni di accaparrarsi clienti italiani per poi truffarli, maggiori.
A fare cadere gli automobilisti nella trappola sono le tariffe, fin troppo convenienti.

Assicurazione auto: la truffa delle compagnie fantasmaAssicurazione auto: la truffa delle compagnie fantasma http://bit.ly/2gD9Z0i via @6sicuro

Come difendersi: i consigli dell’IVASS

Per difendersi e allontanare il rischio di stipulare una polizza inesistente, l’IVASS consiglia di:

  • diffidare dai prezzi eccessivamebte bassi;
  • consultare l’elenco dei casi di contraffazione o società non autorizzate sul sito;
  • chiamare il numero verde messo a disposizione per i consumatori (800 486661) e fare le verifiche necessarie.

L’Istituto, inoltre, invita gli utenti ad accertarsi che i siti web degli intermediari assicurativi indichino sempre:

  • i dati identificativi dell’intermediario;
  • l’indirizzo della sede, il recapito telefonico, il numero di fax e l’indirizzo di posta elettronica;
  • il numero e la data di iscrizione al Registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi – nonché l’indicazione che l’intermediario è soggetto al proprio controllo.

Come vedi, difendersi è possibile. Basta solamente essere prudenti, controllare, consultarsi e, soprattutto, diffidare da offerte troppo vantaggiose.

Giovanni Amato

Classe '82, laureato in Filosofia e Scienze Etiche, ho da sempre coltivato la passione per la scrittura. Adesso che sono 'cresciuto' ho fatto di questa passione la mia professione. Studiare, per acquisire maggiore consapevolezza dei propri mezzi e per ampliare il proprio bagaglio di esperienze, è la chiave per il successo.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*