Assicurazione auto: le compagnie non possono imporre l’officina

L'assicurazione auto non può imporre l'officina convenzionata. Questo è quello che emerge da due sentenze del Tribunale di Torino. Vantaggio o svantaggio per il cliente?

assicurazione auto carrozzerie convenzionate

Le assicurazioni non possono imporre l’officina convenzionata: questo è quello che emerge da due recenti sentenze del Tribunale di Torino. La scelta dovrebbe spettare unicamente al consumatore.

Preventivo assicurazione auto

Assicurazione auto e officine: l’imposizione è da abolire

Quando una clausola non è stabilita da entrambe le parti, ma è imposta, tale clausola diventa vessatoria. Ed è questo il principale nodo sul quale insistono i magistrati di Torino. Sarebbe, quindi, da eliminare questo escamotage, utilizzato dalle compagnie assicurative per evitare truffe e risarcimenti gonfiati.

Del resto, in Italia esiste il libero mercato. E questo cambiamento, andrebbe proprio ad agevolare sia i consumatori sia le officine che non rientrano tra quelle convenzionate e scelte dalle assicurazioni.

Questo scenario, attualmente, è previsto solo se a bordo dell’automobile è presente la scatola nera. Viceversa, in caso di incidente, per essere rimborsati, siamo obbligati a rivolgerci al carrozziere della nostra compagnia assicurativa.

Assicurazione auto: le compagnie non possono imporre l'officinaAssicurazione auto: le compagnie non possono imporre l’officina http://bit.ly/2qBI0gM via @6sicuro

Cosa cambia per il futuro?

Oggi, se tu dovessi essere coinvolto in un incidente stradale, l’iter da seguire sarebbe il seguente: hai ragione? Ti basta denunciare l’accaduto alla compagnia, e portare la tua autovettura presso una delle officine convenzionate.

Semplice e diretto. Anche se, a tal proposito, la classe artigiana dei carrozzieri è “costretta” a sottostare alle regole imposte (e al prezzo, soprattutto) dalla compagnia assicurativa.

Questo aspetto, inoltre, diminuisce drasticamente il numero di officine attive sul mercato, e sai benissimo quanto sia importante avere una possibilità di scelta. Ciò nonostante, una buona fetta di automobilisti dichiara di non essere affatto dispiaciuta ad affidarsi ciecamente alla propria compagnia. E il motivo è presto detto: avere un pensiero in meno, oltre accorciare le inutili lungaggini burocratiche.

Insomma, non resta che attendere e vedere se le cose cambieranno, con queste due sentenze del Tribunale di Torino. Nel frattempo, massima attenzione quando sei al volante e cerca di non fare incidenti.

Giovanni Amato

Classe '82, laureato in Filosofia e Scienze Etiche, ho da sempre coltivato la passione per la scrittura. Adesso che sono 'cresciuto' ho fatto di questa passione la mia professione. Studiare, per acquisire maggiore consapevolezza dei propri mezzi e per ampliare il proprio bagaglio di esperienze, è la chiave per il successo.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*