Bollo auto sulle accise benzina: la nuova proposta di legge

Abolire il bollo auto, una recente proposta di legge chiede di inserirlo nelle accise della benzina. Quali sono i vantaggi e svantaggi?

bollo auto accise benzina

Bollo auto abolito con aumento delle accise sulla benzina

Una proposta di legge depositata alla Camera dei Deputati prevederebbe la sostituzione del bollo auto con un aumento delle accise sulla benzina. Che cosa significa?

Come sai, il costo della benzina è composto da più voci e solo meno della metà è relativo al prezzo effettivo del carburante, tutto il resto sono tasse e maggiorazioni vari, alcune assurde risalenti a 50 anni fa.

Il prezzo della benzina al dettaglio è comprensiva di accise sulla Guerra in Abissinia del 1935, sul disastro del Vajont del 1963, sull’alluvione di Firenze del 1966, terremoti vari (come quello dell’Irpinia del 1980), un paio di missioni militari (Libano e Bosnia) e il rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004.  A tutto questo va aggiunta l’Iva.

Insomma, ogni volta che lo Stato ha bisogno di fondi e non sa dove prenderli, mette una tassa sulla benzina e risolve il problema.

L’aumento proposto dal movimento di Flavio Tosi Fare! è di 15 centesimi, che si andrebbero ad aggiungere al costo attuale della benzina, che come sai non è mai stabile, ma oscilla a causa delle fluttuazione del prezzo del barile.

Certo, in cambio di 15 centesimi in più sul costo del carburante potremmo evitare di pagare (e ricordarci le scadenze) il bollo auto, che porta nelle casse dello Stato circa 6,5 miliardi di Euro all’anno. In questo modo, essendo le accise sui carburanti un’imposta sui consumi, andrebbe pagata da chiunque acquisti della benzina sul territorio italiano, quindi anche auto immatricolate all’estero che si trovano nel nostro Paese per lavoro o per vacanza (o per furbizia), che ovviamente non sono tenute a pagare il bollo in Italia.

Bollo auto sulle accise benzina: la nuova proposta di leggeBollo auto sulle accise benzina: la nuova proposta di legge http://bit.ly/1SC1Qjn via @6sicuro

Bollo auto sulla benzina: quali sarebbero i vantaggi?

  • Risolverebbe il problema dell’evasione di questa tassa automobilistica che ammonta a circa 500 milioni l’anno. Inoltre con questa mossa, secondo i firmatari, si allargherebbe la base imponibile, infatti pagherebbero anche i circa 3,5 milioni di automobili circolanti in Italia, ma immatricolate all’estero, nonché i turisti stranieri e i camion e Tir che trasportano merci da e per l’Italia.
  • Eliminerebbe costi dello stato per la gestione del pagamento del bollo auto e semplificherebbe la vita dei cittadini
  • Le famiglie che percorrono pochi chilometri avrebbero un immediato risparmio.

Bollo auto sulla benzina: quali sarebbero gli svantaggi?

Tutto molto bello, non credi? Beh, ci sono però delle controindicazioni da tenere in considerazione

  • A risparmiare sarebbero solo quelli che viaggiano poco in auto come già detto, e che quindi non avvertirebbero l’aumento del prezzo della benzina. Ma chi con l’auto ci lavora? Il rapporto tra quello che avrebbe pagato di bollo e l’aumento annuo del costo del carburante forse sarebbe svantaggioso.
  • Il bollo auto è una Tassa Regionale, una delle poche rimaste alle amministrazioni locali per poter far cassa e far fronte all’erogazione dei servizi essenziali ai cittadini, eliminando questa imposta alle Regioni cosa andrebbe? Un problema che abbiamo già indicato quando abbiamo parlato della proposta di Matteo Renzi di abolire il bollo auto.

E tu, cosa ne pensi? Raccontacelo nei commenti e discutiamone insieme.

Salvatore Russo

Responsabile Marketing di 6sicuro dal 2011, ideatore del blog e coordinatore generale dell’intera squadra di blogger e giornalisti che scrivono per 6sicuro. Mi occupo di Digital Marketing Strategy, Consulenza Aziendale e Formazione dal 1998. Ho partecipato alla progettazione, sviluppo e gestione di importanti portali e piattaforme di e-commerce italiani.

Commenti Facebook

87 Commenti

  1. Avatar
    Franco Fellicò aprile 30, 2016

    Abolire una tassa è una cosa sacrosanta e giusta, vista all’erorme pressione fiscale a cui siamo sottoposti; ma dire di aver abolita una tassa, sostituendola con un’altra che ha un nome diverso è solo una stupida tecnica dell’ultimo Governo, che come già ha fatto in altri casi pubblicizzerà ogni giorno l’abolizione e poche volte parlerà della tassa sostitutiva. Quindi a me pare che il cambiamento mirerebbe soltanto a far sì che il Governo possa sbandierare ai quattro venti di aver eliminata una tassa. E allora è meglio lasciar perdere, perché siamo stanchi di essere presi …per i
    fondelli!

    Rispondi
    • Avatar
      Franco Toscano maggio 18, 2016

      Come al solito ogni occasione è buona per sparare sul Governo in attesa che arrivi Babbo Natale e ci dimezzi le tasse, ci raddoppi lo stipendio e le ferie, ecc.. Nessuno ha mai sottaciuto che il bollo sarebbe stato “sostituito” e quindi “non abolito”. Piuttosto sarebbe interessante capire chi e come ha determinato l’importo dell’aumento dell’accise. Spero che tramite le aziende petrolifere abbiano avuto i dati complessivi annuali dei consumi di carburanti e poi abbiano diviso i 6,5 mld per quel numero. Diversamente, sì, sarebbe una presa in giro.

      Rispondi
  2. Avatar
    Alessandro maggio 02, 2016

    Sarebbe ora che si attuasse: a me risulta che quasi tutti gli stati abbiano una simile tassazione; è giusto che chi più usa più paghi; non è normale che paghi tanto chi fà qualche migliaio di chilometri l’anno e chi usa le strade ogni giorno e per decine di migliaia di chilometri.

    Rispondi
    • Avatar
      Enrico maggio 18, 2016

      SI potrebbe pensare che facendo poche migliaia di chilometri all’anno, allora sarebbe conveniente (10000 km all’anno corrisponderebbero ad una tassa di circa 120 euro).
      Tuttavia è da considerare che il rincaro della benzina determinerà a valanga il rincaro dei prezzi di tutti i beni (in Italia in trasporto avviene maggiormente su ruota). Quindi quello che risparmierebbero alcuni di noi ce lo vedremmo azzerato (se non peggio) dai rincari sulla spesa alimentare.

      Rispondi
    • Avatar
      carlo dalla maggio 18, 2016

      Sì, ma negli altri stati – più civili – la benzina non costa come da noi (salvo qualche paese dove, però vi sono infrastrutture e servizi efficienti e non da quarto mondo come da noi

      Rispondi
    • Avatar
      Giorgio maggio 18, 2016

      Non dimentichiamoci, la velocità con cui, il Governo, dopo essere entrati in Europa, ha trasformato la tassa di circolazione, a tassa di proprietà….singolare, e pensare che tanti pensavano che sarebbero stati aboliti i bolli, in quanto cittadini Europei!!

      Rispondi
    • Avatar
      Marcello Colica maggio 19, 2016

      Inserire il bollo nel costo del carburante sarebbe una giustizia sociale, perché è giusto che paghi di più chi usa di più le strade percorrendo più chilometri e paghi di più chi possiede auto di grossa cilindrata che consumano più carburante. Inoltre consentirebbe di dilazionare il pagamento del bollo.

      Rispondi
  3. Avatar
    Luciana maggio 18, 2016

    Potrebbe essere un’idea intelligente anche perché chi viaggia per lavoro, normalmente scarica il costo del carburante. Sarebbe svantaggioso per chi è un pendolare, anche se forse in questo modo si potrebbe incentivare l’utilizzo del car sharing. Si potrebbe nel frattempo eliminare quelle che sono le accise non più utilizzabili e pertanto illegali. Anche i furbetti odiosissimi che girano con targhe straniere pur essendo residenti in Italia, smetterebbero almeno sul bollo di pesarci sulle spalle. Sarebbe poi bello che per questi si trovasse il modo di fargli pagare le multe, visto che essendo auto di residenti all’estero fanno molto quel che gli pare.

    Rispondi
  4. Avatar
    Fausto maggio 18, 2016

    Abolire il bollo auto sarebbe una cosa buona giusta, e spostare il costo sul carburante non sarebbe una cattiva idea, cosi sarebbe una tassa di circolazione e consumo piuttosto che una tassa di possesso. Però metterei delle condizioni per attuare tutto questo. 1) Togliere le vecchie accise “Guerra in Abissinia del 1935, sul disastro del Vajont del 1963, sull’alluvione di Firenze del 1966, terremoti vari (come quello dell’Irpinia del 1980), un paio di missioni militari (Libano e Bosnia) e il rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004”, che ormai non servono più a pagare le guerre, le missioni o altro, ma solo per pagare gli abusi e sprechi di questo stato, e ridurre l’accisa da 15 centesimi a 10 centesimi. Noi italiani ormai cominciamo ad essere stanchi di questi continui abusi dello stato che si inventa di tutto per farti pagare, senza agevolare il cittadino..

    Rispondi
  5. Avatar
    anton maggio 18, 2016

    Ottima scelta degna di nota! Ma ci sono o ci fanno? Aumentando il carburante i prezzi al consumo ( in Italia la maggior parte dei trasporti e’ su strada) salirebbero ancora di più…. È una scelta poco sensata. Il bollo si potrebbe togliere attuando misure senza pietà sull evasione fiscale.

    Rispondi
  6. Avatar
    GIOVANNI PAPPONE maggio 18, 2016

    Io, come molti altri DISABILI, sono esentato dal pagamento della t. di possesso:.
    Se venisse approvata questa norma, mi vedrei gravato di una esosa tassa, che graverebbe NON POCO su di una misera pensione.

    Rispondi
  7. Avatar
    giuliano maggio 18, 2016

    Sicuramente chi trarrebbe vantaggio sarebbero i possessori di auto di lusso con un’infinità di HP che si vedrebbero allineati nell’importo con chi ha auto povere ma che hanno magari consumi simili o che semplicemente usano di più l’auto.
    Un altro caso ve lo pongo con un esempio semplice: prendo uno scooter 125cc che paga circa 20 Euro di tassa, con 0,15 Euro/lt spenderebbe di più se supera i 2500/3000 km/anno di percorrenza. mi sembra abbastanza assurdo.

    Rispondi
  8. Avatar
    Livio maggio 18, 2016

    Per tutti i disabili che usufruiscono dell’esenzione in base alla legge 104, come andrà a finire?

    Rispondi
  9. Avatar
    Luigi maggio 18, 2016

    La trovo una proposta indecente così chi ha le disponibilità economiche continua a pagare di meno e chi invece deve usare l’auto per lavoro sarà costretto a pagare di più. Invece di abolire il bollo devono far pagare di più a chi possiede un auto di grossa cilindrata e non soltanto il bollo, metterei il prezzo della benzina in base all’auto che hai, per esempio chi possiede grossi suv (e inquina di più) gli farei pagare il carburante 1,5 in più tanto se lo possono permettere. Così si aiuta l’ambiente, si aiuta chi possiede un veicolo di piccola cilindrata e gli stranieri che vengono in italia pure loro con auto di grossa cilindrata pagherenno pure loro per la manutenzione delle strade, l’inquinamento ecc.

    Rispondi
  10. Avatar
    lorena maggio 18, 2016

    Insomma tolgono una tassa che esce dalla porta per rientrare appesantita dalla finestra..sicuramente c’è l’evasione.. Ma il problema è che ci sono sempre meno soldi in tasca agli italiani ..non c’è la facciamo più… Ma questo ..i politici..lo capiscono o no!!! Alla fine andremmo a fondo con loro…

    Rispondi
  11. Avatar
    filippo casomaro maggio 18, 2016

    Trovo giusto questa proposta. Visto che in Italia circolano un sacco di macchine che non pagano il bollo, per non parlare di quello che non hanno mai pagato.

    Rispondi
  12. Avatar
    antonio maggio 18, 2016

    Secondo me la tassa auromobilistica come il cabine rai e una tassa ingiusta meglio nettere 15 centesimi in piu sul lotto di.benzina che pagare 300 euro di bollo auto l anno sono d accordissimo Su questa proposta di legge …

    Rispondi
  13. Avatar
    curzio maggio 18, 2016

    Chi usa il mezzo per lavoro, la benzina la scarica dalle tasse!

    Rispondi
  14. Avatar
    LUIGI maggio 18, 2016

    salve per me devo dire la mia il bollo auto fanno bene ad abbolirlo ,anzi dovevano farlo tanto tempo prima…perche il bollo come tante altre tasse inutili servono solo ad incassarsi i soldi per servire la mafia…si si la mafia …..non mi dite che non e un pizzo legalizzato…..RAGAZZI FINIAMOLA….SVEGLIAMOCI

    Rispondi
  15. Avatar
    matteo maggio 18, 2016

    E chi ha un qualunque tipo di esenzione tipo legge 104 per invalidi?

    Rispondi
  16. Avatar
    Mario maggio 18, 2016

    Fatto due conti, supponendo di pagare un bollo di 150€, se vero accisa di soli 15 centesimi, occorrono solo 1000 km per raggiungere tale cifra. Ogni altro commento è inutile. Fumo negli occhi.

    Rispondi
    • Avatar
      fra maggio 20, 2016

      ma cosa dici te 1000 km li puoi fare con anche con 100 euro di benzina e su 100 euro sono 15 euro a 0,15 cent a litro…. che calcoli 1km per 0,15 cent ahhahahahah che te fa 1km a litro?? cavolo hai il jumbo jet?? fai un calcolo di 8 euro al giorno di benzina diviso 0,15 cent ti viene 1,20 di tassa che x 365 viene sulle 400 euro….. ma poi ci stanno milel variabili sia di consumi ecc…

      Rispondi
  17. Avatar
    angelo sbicca maggio 18, 2016

    Sarebbe una cosa buona,e per questo non si farà

    Rispondi
  18. Avatar
    nicoletta maggio 18, 2016

    la penso anche io come Alessandro chi piu usa piu paga e ovvio mi sembra.

    Rispondi
  19. Avatar
    Maurizio maggio 18, 2016

    La trovo giusta perchè lo Stato avrebbe sicuramente maggiori introiti e coloro i quali circolano con targa straniera, e ce ne sono tanti in Italia, pagherebbero anche loro

    Rispondi
  20. Avatar
    roberto maggio 18, 2016

    Sono assolutamente d’accordo con l’eliminazione del bollo auto tramite un accisa sulla benzina.

    Si disicentiverebbe così l’uso dell’auto e per quanto riguarda chi con l’auto lavora non dimentichiamoci che hanno già agevolazioni.

    Sarebbe una cose molto importanti che questo governo potrebbe fare.

    Non sarebbe ,come qualcuno vuol far credere una nuova tassa.Chi va al bar ,in auto ,per l’aperitivo potrebbe ripensarci.

    Rispondi
  21. Avatar
    andrea maggio 18, 2016

    Sono perfettamente d’accordo sull’abolizione della tassa di proprietà e di inserirlo sul costo della benzina. Chi più viaggia più inquina e quindi è giusto che paghi di più. Se posso permettermi un’auto di grossa cilindrata che consuma molto posso tranquillamente pagare qualche centesimo in più anche il carburante. E finalmente non devo più ricordare le scadenze del bollo!

    Rispondi
  22. Avatar
    cosimo maggio 18, 2016

    come hanno fatto con il canone si puo fare con il bollo ma secondo voi e giusto se uno ha un auto piccola deve pagare tot uno ha un auto grossa paga tot e uno che ha l auto d epoca non paga nulla?

    Rispondi
  23. Avatar
    PAOLO maggio 18, 2016

    RITENGO L’A PROPOSTA DI LEGGE UN ATTO CIVILE ,CONSIDERANDO ANCHE CHE VIAGGIAMO IN CITTA’ CON STRADE NON FACILMENTE PERCORRIBILI A SEGUITO DI GRANDI BUCHE.

    Rispondi
  24. Avatar
    luca maggio 18, 2016

    dite và alle regioni per servizi essenziali si mà quali? pagare le assemblee regionali e tutti gli onorevoli regionali compreso il presidente , allora abolite il bollo auto.

    Rispondi
  25. Avatar
    cosimo maggio 18, 2016

    ma secondo voi e giusto se uno ha l auto piccola paga tot uno l auto grossa paga tot e uno che ha un auto d epoca non paga nulla ?anche e auto d epoca circolano sulle strade come le altre

    Rispondi
  26. Avatar
    Gianmaria maggio 18, 2016

    Tra gli svantaggi dovreste inserire anche il concetto iniquo nell’abolire in maniera assoluta (non proporzionale o relativa) tasse che in questo caso dipendono dalla macchina posseduta (o meglio dalla potenza). Cioe come per l’IMU, se mi togli una tassa di 200 euro (anche se le ripago in benzina ma questo e un altro discorso), in teoria dovrei essere contento ma stai anche eliminando una tassa di 600 euro circa a chi possiede un bolide da 250 CV !!! Quindi il favore come per l’IMU, lo stai facendo ai ricchi, a quelli che hanno bolidi e che hanno ville (nel caso dell’ IMU)!
    Aggiungo che in Australia si paga il bollo che comprende anche la parte RC. Quello che non e assolutamente obbligatorio e l’assicurazione! Il che rende le assicurazioni dei docili cani che ti propongono Kasko a poche centinaia di euro all’anno non essendo indispensabile!

    Rispondi
  27. Avatar
    Ghery Cuper maggio 18, 2016

    Ok…il mio bollo scade in Aprile e ho tempo fino al 31 maggio per pagarlo. Mettiamo il caso che la legge venga approvata a Giugno. Mi rimborsano il bollo pagato o per un anno devo ciucciarmi sia il bollo pagato che le accise?

    Rispondi
  28. Avatar
    enrico maggio 18, 2016

    buon di mi sa tanto di una trovata per fare soldi alle spalle del popolino che lavora con l’auto e non ha la possibilità di scaricare nessun euro pensiamo al trasporto su gomma altra stangata per i padroncini.e per di più visto che in lombardia il bollo sullo scooter 50 cc e microcar non si paga (attenzione si parla di 350.000 mezzi questi tornano a pagare il bollo tolto dal 2014 altra presa in giro).POTREI EESERE D’ACCORDO SE VENGONO TOLTE TUTTI GLI AUMENTI COME GUERRA D’ABISSINIA,TERREMOTI VARI,ALLUVIONI FIRENZE 1966,CONTRATTO AUTOFERRORANVIERI CON LE RISPETTIVE ACCISE COLLEGATE AGLI EVENTI.altrimenti e solo truffa

    Rispondi
  29. Avatar
    Vanni maggio 18, 2016

    Ha ragione Alessandro chi più usa l’auto più deve pagare. Pensate una persona anziana che di giri lunghi non fa deve pagare come uno che usa l’auto per lavoro. Ma tanto ci sono già I rimborsi per chi fa strada per lavoro (camionisti) e inoltre chi fa strada per lavoro hanno la scheda carburanti e quindi là scaricano l’IVA e pertanto pagano meno il carburante. Invece il vecchietto che fa poca strada paga il carburante per intero. Sarebbe una cosa equa.

    Rispondi
  30. Avatar
    Alberto Deriu maggio 18, 2016

    possiedo un grosso Suv con il quale faccio pochissimi chilometri muovendomi in prevalenza con lo scooter in città o con la utilitaria di mia moglie , e quindi sarei felice di sottrarmi all odioso bollo che nel mio caso è ingiustificato , ma la sanatoria sarebbe prevista per tutti e chi paga la sovratassa sulle auto diciamo di lusso con F24 che farebbe , se la tassa per lui rimanesse pagherebbe 2 volte …

    Rispondi
  31. Avatar
    marino maggio 18, 2016

    daccordissimo

    Rispondi
  32. Avatar
    giorgio maggio 18, 2016

    sicuramente ne guadagnerebbe il possessore di piu’ veicoli, vuoi per necessita’ vuoi per diletto o passione. Io possiedo svariate moto anche d’epoca piu’ auto piu’ furgone e lo scorso hanno hanno gentilmente ripristinato i bolli. Certo e’ che chi ci guadagna e’ lo stato che comunque ci ruba soldi con accise esagerate ad esempio anche sulle polizze, con l’iva, con la benzina. Se poi l’abolizione del bollo fa prendere qualche voto in piu’ a Renzino…

    Rispondi
  33. Avatar
    Antonello 47 maggio 18, 2016

    Ma bisogna dire anche che una Panda,Smart,etc etc la benzina la pagano come uno che ha una Ferrari,io la Panda la uso per lavoro tutti giorni,il propietario della Ferrari credi la usi tutti i giorni per andare a lavoro?

    Rispondi
  34. Avatar
    Mario maggio 18, 2016

    Siccome in italia la pressione fiscale va oltre il 40% sarebbe giusto non pagare alcuna tassa su queste cose…forse le risorse fiscali dovrebbero essere utilizzate meglio e non sprecate creando un debito pubblico come quello da record che abbiamo!

    Rispondi
  35. Avatar
    Fiorentino Antonio maggio 18, 2016

    per me è una cosa molto giusta perchè si eliminerebbero gli evasori e ciascuno pagherebbe per quanto usa la macchina.

    Rispondi
  36. Avatar
    Nico maggio 18, 2016

    Beh, questa è una delle solite trovate all’ italiana. Chi usa la macchina per necessità lavorative e percorre molti km verrebbe penalizzato e anche tanto. È sbagliato dire che è giusto che paghi di più chi usa il mezzo poiché si lavora per necessità e uno stipendio di 1000 euro a parità di lavoro, è uguale sia che lavori vicino sia che uno lavori lontano. Solita trovata per fare cassa.

    Rispondi
  37. Avatar
    Paolo P. maggio 18, 2016

    In realtà il problema lo spiega già bene il Sig. Fellicò, ma omette un’ancora peggiore situazione: il fatto che i costi andranno a triplicare (o pure peggio) a carico di TUTTI!
    Il 90% delle merci, in Italia, viaggia su ruota, ergo: l’aumento dei 15 centesimi non si ripercuote solo su chi viaggia di più, ma anche su COSA viaggia di più e cioè le merci!
    Il risultato è che le ditte di autotrasporto rincarerebbero di 15€ Cent per litro il carburante consumato arrotondato, ovviamente, per eccesso. Ciò significa che l’aumento sul singolo trasporto, ammettendo che un camion (NUOVO) consumi di media 3-4 Km con 1l (e sono ottimista), con un pieno di 400l farebbe circa 1200-1600Km. In pratica per ogni singolo trasporto (che di media sta anche sopra a tale cifra se è da/per l’estero, il solo rincaro del carburante è di circa 60,00€ NETTI! Consideriamo l’onestà della ditta che lo arrotonda a 100€ (minimo), voglio vedere quanto il sig. Alessandro voglia pagare per frutta, verdura, ma anche per OGNI altro genere (alimentare e non).

    Rispondi
  38. Avatar
    Giorgio maggio 18, 2016

    Non dimentichiamoci, di come lo stato molto velocemente, ha trasformato la tassa di circolazione a tassa di possesso, proprio perchè eravamo entrati in Europa, di nome, ma non di fatto! Credere, che un eventuale aumento delle accise sia una operazione indolore e vantaggiosa è poco credibile, forse ancora una volta i vantaggi saranno per il Governo, e non per i cittadini che “possiedono un automobile”.

    Rispondi
  39. Avatar
    Antonio maggio 18, 2016

    Sarebbe giusto pagare se però lo stato tenesse conto che le regioni sanno solo lamentarsi,perché come servizi non ti offrono niente.
    E giusto pagare,solo che lo stato gioca bene le carte, perché aumentare di 15 centesimi per litro significasse pagare questa tassa il doppio se si fanno due conti.
    Ad esempio se io faccio 10000 km in un’anno pago 150 euro se faccio 1000 km in più già vado a pagare più di quanto pago ora perciò io non sono d’accordo

    Rispondi
  40. Avatar
    Gaetano maggio 18, 2016

    Facciamo un piccolo calcolo:
    Ipotizziamo una percorrenza media di 15000km annui, con un consumo medio di 15 km/l. Ogni anno si consumano 1000 litri di carburante. Ipotizziamo che il prezzo del carburante sia 1,40€. Spesa annua 1400€. Se sommiamo anche la maggiorazione di 15 cent al litro avremmo 1,40+0,15 € = 1,55€ x 1000 litri = 1550€. Quindi 150€ in più. A chi conviene, quindi? A chi ha una macchina piccola, davvero piccola, e si muove davvero poco. E riesce a mantenersi sui 15 km/l, che medimente è già tanto (se si vive in collina si fa fatica a atare su questi consumi). A me forse ancora converrebbe, ma di pochissimo. Se facessi un paio di viaggetti in più ogni anno sarei già fuori…sono scettico, quindi…

    Rispondi
  41. Avatar
    Luciano Ciccotelli maggio 18, 2016

    Assolutamente d’accordo sarebbe un modo per snellire gli impegni ad ogni scadenza del bollo, visto che siamo pieni di scadenze.
    Poi ci sono fin troppi svelti che nemmeno lo pagano in quanto non hanno nulla da perdere.
    Vendono il veicolo ed evitano pure le ganasce fiscali.
    Ritengo che sia una ottima soluzione che più usa l’auto più debba pagare.
    Le macchine di lusso consumando di più pagheranno giustamente l’importo che gli corrisponde.
    Ma nemmeno è più sopportabile una tassazione assurda che esiste solo nel nostro paese.

    Rispondi
  42. Avatar
    Emilio maggio 18, 2016

    Penso sia un ottima idea, estendere la platea anche a chi transita in Italia aiuta a portare acqua al nostro mulino..

    Rispondi
  43. Avatar
    Gian Mario maggio 18, 2016

    Più che giusto pagare il bollo sul carburante ma bisogna anche abolire quelle accise che secondo me sono pagate e stra pagate come la guerra di abbisinia, il Vajont, la Jugoslavia e terremoti vari , allora si che sarebbe giusto e ragionevole .

    Rispondi
  44. Avatar
    Giuliano maggio 18, 2016

    Ė una modifica giustissima .

    Rispondi
  45. Avatar
    Antonio maggio 18, 2016

    In linea teorica sembrerebbe una soluzione equa, ma in realtà finirebbe per penalizzare enormemente chi usa l’auto frequentemente; insomma un’ulteriore balzello sull’auto, già abbondantemente tassata1

    Rispondi
  46. Avatar
    Massimiliano maggio 18, 2016

    Assolutamente contrario, io percorro circa 60.000 km l’anno avrei a pagare uno sproposito e già non ci basta che sul carburante già paghiamo accise per la guerra di Abissinia, per il Vajont, per l’alluvione di Firenze… Quante volte sono rientrati quei soldi? Per quanto ancora dobbiamo pagarle? Avete rotto le scatole, le auto non devono essere solo un modo per far cassa!

    Rispondi
  47. Avatar
    Enzo maggio 18, 2016

    Abolire la tassa, siii mi sta bene… ma non sostituita con un incremento delle accise sui carburanti… su questi ormai ci sono solo accise.
    Io che ci faccio 60 km al giorno per lavoro sarei ponalizzati…. i contenti sarebbero proprietari di autovetture che fanno pochi km e proprietari di grossa cilindrata.. Ferra ri.. Masera ti ecc. ecc… qui finisce come l Imu che anche i ricconi non la pagano più….

    Bye

    Rispondi
  48. Avatar
    giulio maggio 18, 2016

    e giusto piu viaggi e più paghi non e giusto se fa pocgiulioo km deve pagare poco

    Rispondi
  49. Avatar
    MARIO SPOTO maggio 18, 2016

    Certamente concorde con Alessandro, chi più usa più paga. Un signore anziano di mia conoscenza dice che dovrà rinunziare all’auto perchè usandola solo poche volte l’anno è comunque gravato di “bollo” e assicurazione, si muove con mezzi publici, usa l’auto soltanto per raggiungere la sua campagna 600 metri quadri, non raggiungibile con altri mezzi. NON SARA’ CERTAMENTE IL SOLO.

    Rispondi
  50. Avatar
    Salvatore Rotola maggio 18, 2016

    Dal mio punto di vista, sono condivisibili entrambi i commenti, in quanto, Fellicò sostiene che risulterebbe una sostituzione con tecnica truccata già dall’attuale governo; mentre Alessandro osserva che ci sono tanti possessori di auto che, oltre ad essere TARTASSATI INIQUAMENTE dalle assicurazioni, percorrono pochi KM all’anno, quindi usando poco le strade, quindi, chi percorre molte migliaia di KM è giusto che paghi proporzionalmente. Io ritengo che debbano essere abolite le accise truffa ed obsolete, compensandole fino al valore massimo dell’attuale introito della tassa di pssesso (BOLLO) 500 milioni di €!!!

    Rispondi
  51. Avatar
    Alfio maggio 19, 2016

    allora diciamo che andrebbe abolito già solo x il semplice motivo che non si può pagare una tassa chiamata di proprietà,se già quella cosa è di proprietà,in Italia tutto quello che si possiede risulta essere in affitto o addirittura in prestito da parte dello stato x che se andiamo a concludere noi non siamo padroni di nulla dato che ci deve essere sempre un obbligazione dello stato a fare pagare una tassa in ogni cosa che si intende possedere,x cui io non vedo questa idea come una buona soluzione di cambiamento,ma la vedo come uno stato attento a maggiorare la quantità di denaro x poter ancora una volta assicurarsi i privilegi e i vitalizi che si prendono.io la vedo in questa ottica,spero di non essere il solo a vederla cosi.

    Rispondi
  52. Avatar
    giuseppe maggio 19, 2016

    la proposta non sarebbe male perché io pago un bollo auto di circa 240£ io faccio l”autista di camion
    per cui percorrendo un tratto di strada di 35km la vettura sta tutta la settimana o due ferma
    la vettura ha 14 anni con circa 135mila km quindi andrebbe bene pero dovrebbero anche rivedere
    i vari aumenti nei periodi degli eventi accaduti allora cosi sarebbe giusto

    Rispondi
  53. Avatar
    Massimo maggio 19, 2016

    Sono pienamente d’accordo, aggiungerei che sempre sulle accise dovesse essere inserita anche l’assicurazione RCA salvo decidere a quale compagnia assicurativa dovrebbe andare l’importo pagato dimostrabile tramite la carta carburante, resa obbligatoria per ogni veicolo obbligando gli esercenti i rifornimenti a rilasciare lo scontrino fiscale da conservare per documentare i consumi e che riporta il codice fiscale di chi fa rifornimento. Un po come si fa con i farmaci. Chi più cammina più paga. Non i soliti fessi che pagano per tutti. Del resto, chi cammina per lavoro scarica il costo carburante e lo detrae dal proprio reddito. Così finirebbero le timbrature fasulle sulla carta carburante. Tutte le assicurazioni diventerebbero a consumo, nessuno può circolare senza assicurazione, si otterrebbero forti sconti sui servizi assicurativi non obbligatori, verrebbe incentivato il mercato dell’auto, ma sopratutto tutti gli utenti della strada sarebbero in regola semplicemente facendo rifornimento di carburante garantendo, tra l’altro, anche a chi ha un basso reddito di possedere un mezzo con cui circolare.
    Ma le cose giuste non sono comode per le lobby, quindi, speranza vana.

    Rispondi
  54. Avatar
    FABIO maggio 19, 2016

    C’è una particolarità che il movimento di Flavio Tosi nonha preso inconsiderazione, e cioè : come la mette per quelle persone che essendo invalide ed usufruiscono della possibilità di non pagare il bollo?Tutti Coloro i quali usufruiscono ” per loro sfortuna” di questa possibilità si troverebbero nuovamente a pagare una tassa che gli era stata abolita .
    Oltre che sfigati anche Tassati.

    Rispondi
  55. Avatar
    Emanuele Russo maggio 19, 2016

    Altro è eliminare un balzello a cui temo che l’amministrazione non possa rinunziare.
    Altro è caricarlo sotto altra veste su in prodotto di consumo che, ancora una volta colpisce chi più utilizza il mezzo per lavoro.
    Ennesima ingiusta sperequazione.
    Senza contare chi per motivo di disabilità è esentati dal pagamento della tassa. Perché utilizza il mezzo come elemento necessario per ogni possibilità di spostamento. Anche questi vedrebbero annullato questo piccolo riconoscimento. Ed avendo necessità di utilizzare comunque l’auto, ne sarebbero danneggiati pesantemente. Probabilmente anche al si la dell’effettivo importo dal quale oggi sono esentati.
    Insomma…
    Sarebbe l’ennesima boutade…
    Ingiusta, improvvisata, ingannevole nei contenuti e negli scopi…

    Rispondi
  56. Avatar
    elia nicola sarno maggio 19, 2016

    la sostituzione del bollo auto con un aumento delle accise sui carburanti è giusta.Chi usa l’auto di più paghi di più. Si evita la evasione del bollo, si aiutano le famiglie meno abbienti.

    Rispondi
  57. Avatar
    Raffaele maggio 19, 2016

    La proposta sarebbe valida solo nel caso in cui il costo del carburante venga prima depurato da accise assurde e ancora presenti come il costo della guerra d’ Africa dove conbatte` mio nonno nel lontano 1935!!! Senza calcolare altre accise pazzesche che nn esistono in nessuna altra parte del mondo! Solo allora la legge sarebbe equa e rispettosa del cittadino e probabilmente porterebbe ad una diminuzione del prezzo del carburante e non ad un aumento! E poi bisognerebbe quadrimezzare il costo dei passaggi di proprietà delle auto per dare un pò di vitalità ad un settore in profonda agonia!

    Rispondi
  58. Avatar
    mauro maggio 19, 2016

    Perché non si dice quanto entrerebbe allo stato aumentando le accise sul carburante?

    Rispondi
  59. Avatar
    Dans maggio 19, 2016

    Sarebbe la cosa più democratica di questo paese di burattinai pressapochisti. Se percorri tanta strada ed in proporzione consumi ed inquini di più, pagheresti di più! Se fai meno strada, consumi meno ed inquini meno… Meglio di cosi!!! I problemi verrebbero dopo… commercianti ed autotrasportatori riverserebbero subito gli eventuali costi superiori, agli utilizzatori finali, ovvero i cittadini… mentre se lo Stato non ripartisse equamente gli introiti tra le regioni, queste ultime dove pensate andrebbero a recuperare i mancati incassi dell’abolito bollo auto!??!? Sempre dai cittadini…… Ed ecco di fatto azzerati gli eventuali vantaggi dell’abolizione del bollo auto…

    Rispondi
  60. Avatar
    mauro maggio 19, 2016

    Vorrei far notare che chi, secondo la legge 104, ha in famiglia un disabile psichico grave, o problemi deambulatori, ha diritto a non pagare il bollo per un’automobile. In questo modo pero’ questo beneficio (che non compensa ai numerosi disagi che l’invalidità comporta), verrà meno, andando a gravare sul coso della benzina.
    grazie molte

    Rispondi
  61. Avatar
    domenico condoleo maggio 19, 2016

    Sono d’accordo sull’aumento della benzina, anche se la stiamo pagando più del dovuto. Anzi, proporrei lo stessso criterio per l’assicurazione auto. Non è giusto che chi esce per fare il giretto domenicale paghi anche per chi usa l’auto tutti i giorni.

    Rispondi
  62. Avatar
    Gennaro maggio 19, 2016

    In altri commenti ho letto chi viene penalizzato da questa variazione, non tralasciamo che tutto aumenterebbe, quasi tutto viaggia su gomma e l’utente finale, tutti noi, ne pagherebbe le conseguenze.
    Una categoria che nessuno ancòra ha citato è quella delle persone disabili. Loro hanno l’esenzione del bollo sul veicolo che gli permette una maggiore autonomia e quindi, già dal primo litro di carburante andrebbero penalizzati.

    Rispondi
  63. Avatar
    CARROZZO GIOVANNI maggio 19, 2016

    La trovo abbastanza giusta finalmente si abolisce una tassa odiata dagli italiani e poi e anche giusta perché a pagare sarebbero veramente TUTTI nessuno escluso

    Rispondi
  64. Avatar
    Pino 1949 maggio 19, 2016

    Vero è che la tassa auto la si paga in base alla potenza del motore, cosa giusta perché rispetta la gradualità della tassazione, è come far pagare l’IMU uguale per tutti indipendentemente dalla grandezza della casa.
    Bisogna invece perseguire i furbetti che non pagano, con adeguati sistemi.

    Rispondi
  65. Avatar
    Mariano maggio 19, 2016

    se facessi 10.000 km/anno o meno potrebbe essere conveniente, ma dato che ci lavoro con l’auto, e non ho alternative, e di km/anno ne faccio più di 50.000 non è più conveniente… è come pagare il bollo annuale il doppio rispetto alla situazione attuale… quindi per me la proposta di spostare la tassa del bollo auto sulla tassa dei carburanti è bocciata… Il bollo auto non sarebbe abolito, ma spostato su un’altra tassa e costerebbe molto di più… Potrebbe, forse, essere accettabile la proposta se prima togliessero tutte le accise aggiunte che non hanno più senso. Ma comunque se consideriamo i 15 centesimi a litro di carburante per chi fa tanti chilometri all’anno non è assolutamente conveniente, pagherebbe molto ma molto di più il bollo.

    Rispondi
  66. Avatar
    Mauro maggio 19, 2016

    Più che d’accordo, ma sarebbe anche da inglobare l’assicurazione ora obbligatoria, così non ci sarebbero più problemi con chi fa il furbetto. Inoltre sarebbe proporzionale con l’utilizzo che si fa dell’auto. sicuramente è più probabile che abbia incidenti chi percorre 60/70000 km l’anno piuttosto di chi ne percorre 5/10000.
    Per le regioni il calcolo degli erogati delle aree di servizio presenti sul territorio è subito fatto, attingendo i dati dall’ufficio delle dogane, così da ricevere la quota spettante.
    Inutili uffici potrebbero essere riconvertiti in lavori più produttivi.

    Rispondi
  67. Avatar
    Loris maggio 19, 2016

    Sono d’accordo a non pagare il bollo, non è giusto per coloro che non usufruiscono dell’auto e che percorrono pochi chilometri. Ritengo giusto invece che, chi usufruisce della rete stradale paghi il servizio, anche se in alcune zone d’Italia non sia tra i migliori, che lo stato mette a disposizione. Una proposta noi automobilisti, camionisti ecc., potremmo fare, scaricare dalla dichiarazione dei redditi il consumo di carburante consumato per lavoro o, meglio ancora, come si fa per l’agricoltura, quantificare il consumo annuo e pagarlo meno che alla pompa.

    Rispondi
  68. Avatar
    Rino maggio 19, 2016

    vorrei porre una domanda, e le auto intestate agli invalidi gravi?
    tuttora esenti dalla tassazione, dovrebbero pagare anche loro?
    direi bisognerebbe fare un riflessione

    Rispondi
  69. Avatar
    rinodr maggio 19, 2016

    semplice semplice, ho un’auto che fa 20 a litro, se faccio solo 10.000 km, pagherei 1.500€ contro 145 di tassa………….

    Rispondi
    • Avatar
      LeM maggio 25, 2016

      Sara’ meglio che cambi calcolatrice: 10.000 km a 20 al litro fanno 500 litri, per 0.15 euro al litro in più sono 75 euro in tutto, non 1500… 😀

      Rispondi
  70. Avatar
    Gianni maggio 19, 2016

    È giusto che il bollo auto sia tolto in quanto mi risulta che siamo unico stato in Europa a pagarlo. Ma Renzi non è credibile. Aveva ammesso pubblicamente che avrebbe tolto le accise sulla benzina alcune in vigore da 50 anni. E invece se ne aggiunge un’altra…. cmq sono favorevole perché tuttavia toglierebbe una scadenza in 1 sistema dove la pressione fiscale è esorbitante

    Rispondi
  71. Avatar
    Daniele maggio 19, 2016

    È un modo molto più equo rispetto a quello attuale , poi zero evasione. In più è anche un idea che incentivera a comprare o utilizzare auto che consumano sempre meno. perché chi piu consuma più inquina quindi è giusto che paghi in proporzione.

    Rispondi
  72. Avatar
    Giovanni maggio 19, 2016

    bella fregatura!!!!
    il riccone che ha 10 autovetture magari sportive e di di grande cilindrata non paga più il bollo che è molto oneroso!!!!

    CERCHIAMO DI VEDERE COSA C’E’ DIETRO ALLE NOTIZIE!!!

    Rispondi
    • Avatar
      Salvatore Russo maggio 22, 2016

      Ciao Giovanni,
      se ti riferisci a me, ho indicato i lati positivi e quelli negativi, credo di averci fatto il giro attorno alla notizia 😉

      Rispondi
  73. Avatar
    Antonino maggio 19, 2016

    Leggo, purtroppo, che nessuno sta mettendo in discussione che le auto a benzina hanno il tempo a termine. In questa realtà prossima, le accise, se la legge sarà vigente, finiranno per essere successivamente scaricate sul motore elettrico che già è in pieno sviluppo e venduto in maniera sempre più diffusa? Che fine farebbe per lo Stato il pingue biberon di tasse sulla benzina che sarà sempre meno richiesta? E il GPL e metano che fine farebbero? Aumenteranno parallelamente i prezzi alla pompa? Chi mi risponde a queste domande? (escludendo i politici che penserebbero subito ad un nuovo scrocco per non perdere nuove cospicue entrate per i loro portafogli).

    Rispondi
  74. Avatar
    salvatore maggio 20, 2016

    signori è come sempre solo una presa per i fondelli, come più avanti diceva il sig. mario, se ti fai i conti , con l’accisa che vogliono mettere si pagherà oltre dieci volte quello che si paga attualmente. esempio mettiamo che come la maggior parte di noi mediamente fa 10.000 km annui si va a pagare circa 1.500,00 euro contro le attuali 130,00 di una berlina normale – fatevi i conti e tirate le somme la solita bufala di uno che si sveglia la mattina e non sapendo cosa fare dietro a quella scrivania che non si sa come ci sia arrivato o quale amico lo ha insediato, pensa di rompere ………………ai cittadini italiani.

    Rispondi
  75. Avatar
    giampix maggio 20, 2016

    E’ il solito trucco di questo come di tutti i governi precedenti di mascherare un aumento della pressione fiscale con una maggiore equita’ fiscale. Ognuno puo’ fare i conti da se e vedere quanto pagherebbe di piu’ con questo trucco. Io personalmente con la mia Panda young-1989 se facessi piu’ di 7000 km l’anno comincerei a rimetterci. (bollo 70 euro/anno, benzina 15km/litro).
    Verificate anche per voi: risparmierete solo se dell’auto farete un uso saltuario. (Bollo/0,15=litri necessari per andare pari, moltiplicate per la percorrenza media (km/litro) della vostra auto e avrete i km per andare pari: se ne fate meno risparmiate se ne fate di piu’, molto probabile, ci rimettete).

    Rispondi
  76. Avatar
    mastro67 maggio 22, 2016

    e tutti queli ch sono esenti (auto storiche,auto ibride,ecc.) senza contare l’aumento deibeni di cosumo e poi va a finire che il povero camionista pagherà il bollo anche per il pensionato che tiene l’auto in garage.

    Rispondi
  77. Avatar
    Daniele maggio 22, 2016

    In italia come sempre prima delle elezioni ti promettono la luna ma poi la realtà sarà ben diversa. Oggi pago il bollo e la cifra e quella, togliendo il bollo e mettendo una ulteriore accisa si rischia che nel prossimo futuro ci siano dei continui ritocchi,e senza nessun controllo, MEDITATE GENTE lo stato con una mano ti da ma poi con due ti toglie.

    Rispondi
  78. Avatar
    Roy maggio 23, 2016

    Possiedo 4 auto per le quali pago tasse di circolazione per un totale di circa 1.500 euro.
    Nel 2015 con queste 4 auto ho percorso un totale di circa 25.000Km con circa 1.800lt tra benzina e gasolio, costo circa euro 3.000.
    Se il bollo auto fosse abolito introducento la tassa di 0,15 al litro, i 1.800lt mi costerebbero 270euro in più (0,15cent x 1800lt.) ma mi risparmierei i circa 1.500euro di bolli.
    Apprezzo molto, ma non credo sia la cosa giusta.

    Rispondi
  79. Avatar
    francesco de sanctis maggio 25, 2016

    il bollo auto è uno strumento distorsivo che penalizza gli anziani e gli amanti delle auto storiche. Benchè io sia di sinistra non amo questo “stupido” dirigismo che spinge chiunque faccia pochi chilometri a vendersi una auto perfetta ma con una importante “potenza” per comperarsi una vecchia “caffettiera” con pochi cavalli.

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*