Attestato di Rischio Elettronico

Che cos’è l’attestato di rischio?

E’ il documento che certifica la presenza o l’assenza di incidenti negli anni, nonché la classe CU (Bonus/Malus) maturata in base alla sinistrosità. Sull’attestato di rischio è sempre riportata anche la classe di provenienza e la classe di assegnazione interne della compagnia, ma per calcolare correttamente un preventivo bisogna sempre fare riferimento alla CU.  L’attestato di rischio ha una validità di 5 anni, si potranno  fare preventivi , sul  sito 6sicuro.it, con l’ultima classe di merito acquisita anche dopo una lunga interruzione.

Che cos’è l’attestato di rischio elettronico?

Dal 1° luglio 2015, come previsto dall’art. 134 del Codice delle Assicurazioni (decreto legislativo n. 209/2005) l’attestato di rischio è stato dematerializzato. Non verrà più spedito un originale cartaceo dalle compagnie di assicurazione ai propri clienti,  ma viene messo a disposizione, almeno 30 giorni prima della scadenza annuale, nell’apposita “area cliente” sui siti delle varie compagnie. Per accedere a tale “area cliente è necessario eseguire la registrazione ed l’inserimento dei propri dati, tra cui l’indirizzo email.

Cosa comporta la dematerializzazione dell’attestato di rischio?

  • L’attestato è a disposizione di tutti gli “aventi diritto” quindi non più solo al contraente di polizza. Ad esempio se il proprietario del veicolo fosse una persona differente dal contraente della polizza, l’attestato di rischio potrà essere richiesto da entrambi.
  • Non ci sarà più l’obbligo di inviare l’attestato di rischio in originale alla nuova compagnia. Le compagnie di assicurazioni depositeranno l’attestato di rischio  in una nuova banca dati gestita dall’ANIA, l’associazione delle compagnie sotto il controllo dell’IVASS (autorità di vigilanza sulle assicurazione), in modo da permettere, a tutte  le compagnie,  la sua acquisizione diretta. Quindi nel caso in cui dovessi decidere di cambiare assicurazione, non dovrai più inviare, come nel passato, l’attestato di rischio in originale  alla nuova compagnia.
  • Sarà comunque possibile richiedere una copia cartacea.

Cosa succede se non risulta in Banca Dati l’attestato?

Se dovesse succedere, in stipula del nuovo contratto, di non trovare la posizione assicurativa in Banca Dati, la nuova assicurazione acquisirà i dati dell’ultimo attestato presente e richiederà al cliente una dichiarazione scritta che permetta di ricostruire la corretta posizione assicurativa del periodo residuo.

Salvatore Russo

Responsabile Marketing di 6sicuro dal 2011, ideatore del blog e coordinatore generale dell’intera squadra di blogger e giornalisti che scrivono per 6sicuro. Mi occupo di Digital Marketing Stategy, Consulenza Aziendale e Formazione dal 1998. Ho partecipato alla progettazione, sviluppo e gestione di importanti portali e piattaforme di e-commerce italiani.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*