Terremoto: la casa è assicurata?

Assicurazione terremoto e atti vandalici

L’assicurazione sulla casa copre il rischio terremoto?

Non dite che non ci avete pensato, specie in quest’ultimo periodo, con l’Italia battuta da fastidiose (e per fortuna non troppo forti) scosse telluriche. Bene, è il caso di sapere che la polizza standard sugli immobili – quella comunemente associata alle nostre abitazioni – non copre i danni causati da una sisma.

Negli ultimi tempi le compagnie hanno registrato un aumento di richieste di tutela contro eventi sismici, e si può supporre che le recenti scosse avvertite in diverse zone della Pianura Padana abbiano contribuito all’aumento della domanda. Tuttavia, ogni volta la risposta che i proprietari si sentono dire è questa: la polizza casa non vi protegge da un terremoto.
L’assicurazione standard sugli immobili, è bene ricordarlo, copre l’incendio, gli eventi socio-politici e atmosferici. Il che vuol dire poter stare tranquilli (si fa per dire) se la nostra abitazione va a fuoco, se pioggia, vento o grandine la danneggiano, oppure se è oggetto di vandalismo. O meglio, alcuni tipi di vandalismo: nessuno si sogni di pensare che un graffito fatto dai “writer”venga risarcito.

Non tutto è perduto. Infatti, estendere la copertura a questo tipo di danni costa un centinaio di euro l’anno, cifra calcolata per un immobile del valore di circa 300 mila euro.

Valore teorico, questo, che può aumentare se si abita in zone sismiche o comunque a rischio. In questi casi, la clausola “terremoto” potrebbe costare più del doppio.

In ogni caso, è bene non farsi troppe illusioni: il terremoto è classificato al pari di maremoti e alluvioni. Eventi eccezionali (fortunatamente), contro ai quali ci si può assicurare solo per quanto riguarda danni minori.

Nel malaugurato caso che uno stabile venga danneggiato in modo significativo, per non dire distrutto, l’assicurazione difficilmente potrà fare qualcosa. In queste situazioni, è chiamato a intervenire direttamente lo Stato.

Fonte: La Provincia di Como

Piero Babudro

Giornalista pubblicista, consulente, social media strategist, community manager, docente. Scrive di nuove tecnologie e comunicazione di massa, studiando da vicino i cambiamenti sociali e di consumo introdotti dai media interattivi.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*