Carrozzieri in rivolta per il risarcimento in forma specifica

Carrozzieri in rivolta per il risarcimento in forma specifica

Risarcimento in forma specifica

I carrozzieri d’Italia sono sul piede di guerra. Tutti pronti ad opporsi all’approvazione del pacchetto di riforme che andrebbe a disciplinare il mercato dell’Rc Auto. Le associazioni di settore (CNA, Confartigianato e CasArtigiani) si schierano contro l’idea di rendere obbligatorio, in caso di sinistro stradale, il risarcimento in forma specifica, ovvero rendere disponibile la riparazione del mezzo incidentato solo attraverso le carrozzerie convenzionate con la compagnia assicuratrice con cui è stata sottoscritta la polizza assicurativa.

Nuove norme per il settore Rc Auto

Andiamo con ordine. Il Governo Letta, accogliendo le sollecitazioni delle associazioni dei consumatori, ha dato via a delle manovre che nel breve periodo fossero in grado di abbassare i prezzi delle polizze assicurative per i veicoli. La dematerializzazione del tagliando auto, le nuove tabelle per il risarcimento danni, il nuovo tetto massimo per denunciare un sinistro, la riparazione in forma specifica e tante altre piccole riforme che hanno in comune l’obiettivo di ridurre al minimo le truffe ai danni della compagnie assicurative. Norme erroneamente etichettate come pro-assicurazione, ma che effettivamente vanno a tutelare gli automobilisti corretti.

I carrozzieri sul piede di guerra per il risarcimento in forma specifica
I carrozzieri sul piede di guerra per il risarcimento in forma specifica http://bit.ly/1fgY6RP @6sicuro

 

Il no dei carrozzieri al risarcimento in forma specifica

In tutte le regioni d’Italia si sono registrati presidi di carrozzieri che si mobilitano contro il risarcimento in forma specifica che – secondo i dati delle associazioni di settore – metterebbe in ginocchio due terzi delle imprese di carrozzeria indipendenti. Il timore più grande è che i rapporti di forza dettati dalle compagnie assicurative, che detengono grosse fette di mercato, possano gravare sui guadagni delle piccole e medie realtà o addirittura tagliarle completamente fuori.

Altra caratteristica da considerare è che la stipulata di una polizza assicurativa contenente l’obbligo di servirsi esclusivamente di carrozzerie convenzionate non rispetta quanto stabilito dalla Corte Costituzionale (n.180 del 19 giugno 2009) che definisce come sistema alternativo a quello tradizionale il risarcimento in forma specifica. Verrebbe meno la libertà del consumatore e allo stesso tempo si favorirebbe un sistema a scapito di un altro.

Cosa fare?

Il “risarcimento diretto” permetterebbe di velocizzare i tempi e di ridurre al minimo gli sprechi di fondi volti a coprire le truffe. Fondi che nel breve periodo dovrebbero portare al “livellamento” europeo delle polizze Rc Auto italiane, quindi giovare alle tasche degli italiani. Un fine nobile, ma bisogna considerare anche i posti di lavoro messi in pericolo. Quante carrozzerie sarebbero costrette a chiudere? Quante non potrebbero stringere rapporti con le compagnie assicurative? Non sarebbe opportuno mantenere vivi i due sistemi di risarcimento, ma avviare controlli più serrati quando si apre una pratica di richiesta risarcimento? Voi cosa ne pensate?

Francesco Del Franco

Social media specialist, community manager, consumatore di cultura audio-video-testuale. Vede la comunicazione in ogni prodotto, parola, gesto e gli piace osservare e scrivere di quelle accezioni sempre un po’ nascoste.

Commenti Facebook

5 Commenti

  1. Avatar
    Renato dicembre 18, 2013

    Che problema c’è se il perito si accorda sul risarcimento con un carrozziere
    che non è convenzionato con la Compagnia risarcitrice?
    La truffa dovrebbe essere concordata tra perito e carrozziere.
    A questo punto se non ci si può fidare neppure del perito,il problema non lo risolveranno mai.

    Rispondi
    • Avatar
      Salvatore Russo dicembre 18, 2013

      Ciao Renato,
      oltre alle truffe, l’uso dei carrozzieri convenzionati porterebbe considerevoli ottimizzazioni dei costi dei pezzi di ricambio che incidono più del 60% nella spesa totale della riparazione.

      Rispondi
  2. Avatar
    Luca dicembre 18, 2013

    **accogliendo le sollecitazioni delle associazione dei consumatori**
    DELLE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI, NON DEI CONSUMATORI!

    Rispondi
  3. Avatar
    Bubu dicembre 19, 2013

    I pezzi di ricambio di tutte le auto sono uguali da Bolzano a Canicattì. C’è un preciso listino prezzi stabilito da tempo anche con ANIA. Quello che cambia è la paga oraria concessa ai riparatori e il tempo che ci mettono alla riparazione. Anche questa abbastanza normalizzata con il tempario di ANIA. Non è il costo delle riparazioni che è caro, ma se le riparazioni sono EFFETTIVAMENTE eseguite e se i malori denunciati dall’autista e passeggeri sono veri.

    Rispondi
  4. Avatar
    Mox dicembre 24, 2013

    Sono d’accordo su questa cosa,fanno bene,se solo sapeste le truffe che combinano i carrozzieri a danno delle assicurazioni…fanno bene a fare questo.I carrozzieri onesti non esistono…e lo dice uno con 10 anni di esperienza in carrozzeria.

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*