Cam car: la “scatola nera” che registra la strada

Cam car

L’avete mai visto il video della ragazza che si addormenta sullo scooter e nonostante l’impatto con un camion si salva? Ha fatto il giro del web. Un incidente a lieto fine che è possibile rivedere grazie a una delle numerosissime camera car installate sulle automobili russe. Quello delle cam car, delle “scatole nere”, pare sia un fenomeno diffuso in Russia ed è facile intuirlo se si fa una ricerca in Rete di video di incidenti stradali. 

Il fenomeno può essere spiegato in diversi modi. Innanzitutto non sembra sia un obbligo installarle, ma una scelta dell’automobilista. Le compagnie di autotrasporti le utilizzano per controllare la condotta dei propri autisti, i privati per tutelarsi con l’assicurazione in caso di incidente o per documentare eventuali abusi degli agenti di polizia.

Qualunque sia il motivo, questa diffusione delle cam car sta generando una massiccia produzione di video di incidenti stradali, spesso macabri altre volte spettacolari, che stanno destando molto interesse online e che hanno portato addirittura a delle playlist o a canali dedicati su Youtube.

Ovviamente le cam car non riprendo soltanto gli incidenti ma tutto quello che avviene sulla carreggiata, come questa serie di ripicche tra automobilisti che si conclude con il classico “muro d’acqua”.

A questo punto a qualcuno sarà venuta voglia di installare una cam car nella propria auto. E allora vediamo insieme 5 modelli di “scatola nera” (i prezzi sono da ritenersi indicativi, cercando online è sempre possibile trovare un’offerta migliore):

  1. Car Recorder Camera. Alta risoluzione e funzione di rilevamento del movimento. Prezzo 54 euro.
  2. CarCam VD-08. Telecamera posteriore e anteriore, 2 ore di autonomia, accensione e spegnimento automatico sotto tensione, ottica 120 gradi. Prezzo 85 euro.
  3. Videocamera DVR per auto HD 720P. Doppia camera, schermo da 2.8 pollici LCD, 2 ore di autonomia. Prezzo 99 euro.
  4. Car Cam Sentry. Visione notturna, monitor pieghevole e sdoppiabile, visione di due telecamere nella stessa schermata, possibilità di visionare filmati in auto. Prezzo 146 euro.
  5. SIV M9 GPS. DVR grandangolare, doppia camera, sensore GPS. Prezzo 180 euro.

A questo elenco aggiungiamo un dettaglio: è possibile attraverso delle specifiche applicazioni trasformare in camera car il proprio smatphone senza acquistare ulteriori strumenti. Potrebbe essere un elemento determinante in caso decideste di cambiare telefono.

Michela Calculli

Dagli studi professionali tra Milano e Torino al blog personale, passando per un'esperienza televisiva che ha segnato la svolta. Tre grandi passioni: la scrittura, il fisco, la semplicità. Sempre in equilibrio tra famiglia e professione tra comunicazione e aggiornamento fiscale.

Commenti Facebook

1 Commento

  1. Avatar
    Giovanni Caluri marzo 24, 2016

    Salve,
    Sono un camperista con un Motorhome ed ho già cablata una videocamera posteriore che mi funge da retrovisore in modalità “marcia” ed una seconda telecamera che “guarda in basso” per parcheggiare al meglio (la visibilità della prima è fino a circa 3m. dal paraurti posteriore, la seconda visualizza il paraurti e copre poco oltre i 3m.), i due segnali video arrivano su un commutatore che invia il segnale ad un monitor da 7″ sul cruscotto. Vorrei completare l’impianto con una dash cam anteriore e contemporaneamente registrare quanto “visto” dalla telecamera posteriore (I pericoli arrivano anche da dietro, considerato che preferisco velocità limitate a non oltre i 100-110 ed il rischio tamponamento è concreto)
    Le domande:
    Esiste un dvr statico (SD da 64 GB ad es.) che io possa utilizzare?
    Esiste la possibilità di registrare in modo da dimostrare la sincronizzazione degli eventi (anteriori e posteriori)?
    Credo con questa domanda di aver aperto un settore ancora inesplorato.
    Sono socio di uno dei club di camperisti più anziani e numerosi in Italia (La Granda-Italia) e di queste cose si parla ogni tanto nei raduni, ma mi accorgo di essere un poco “fuori tempo” rispetto ai miei coetanei.
    Il camperista medio ha una certa età e di solito poca pratica con l’informatica e l’elettronica in generale,
    si affida per lo più a montatori o ai rivenditori di accessori per camper.
    Personalmente ho alle spalle una lunga esperienza sia di elettronica che di informatica, ho cominciato a programmare i computers di II generazione nel 1969, e dal 1970 ho lavorato in un centro studi che si occupa di telecomunicazioni.
    tutti i lavori di questo genere, in casa e sul motorhome, cablaggi compresi, li ho fatti da solo.
    Guardando in rete, tuttavia mi sono trovato molto dubbioso su prestazioni dichiarate, ma specifiche tecniche incomplete:
    Di un modello manca la specifica del’autonomia, un altro non specifica se è dotato di batteria tampone, l’altro non indica i limiti della SD installabile (ammesso che indichi con precisione le altre proprie caratteristiche)
    Mi piacerebbe avere le idee un po’ più chiare

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*