Matrimonio: in arrivo una polizza per evitare rischi

Per alcuni è il giorno più bello della vita, per altri l’inizio di una lunga cattività. A ben vedere, forse una cosa non esclude l’altra, ma questo discorso ci porterebbe lontano. Comunque la pensiate, stiamo parlando del vostro matrimonio. Un evento speciale, organizzato in tutti i minimi dettagli: tutto deve filare liscio.

Non ci si deve concedere la minima distrazione. La parola imprevisto è bandita. Poi, siccome sappiamo che la realtà è ben diversa dai nostri progetti, ecco che non tutto va come stabilito.

Ecco perché molti scelgono di tutelarsi in anticipo contro ogni tipo di contrattempo che potrebbe mandare a monte matrimonio, cerimonia o viaggio di nozze, sottoscrivendo apposite polizze assicurative: una moda, questa, nata in Inghilterra – terra evidentemente molto sensibile alla tematica sposalizio – e da pochissimo approdata anche da noi.

La polizza assicurativaSposami del Gruppo Filo Diretto è stata pensata proprio per fare in modo che il giorno fatidico e il periodo successivo possano essere vissuti con la massima tranquillità. L’annullamento dell’aereo dello sposo, un qualsiasi inconveniente che impedisce l’arrivo in tempo per partecipare alla cerimonia, il ristorante che fa le bizze e serve un menù decisamente inferiore alle aspettative e a quanto pattuito. Fino ad arrivare a situazioni grottesche – ma non per questo meno possibili – come il tappo di champagne che, per errore, centra un vaso costoso o, peggio, un invitato.

La polizza prevede un pacchetto base, detto Wedding, e una versione personalizzata. Grazie a questa soluzione le neo-coppie potranno tutelarsi contro l’annullamento della cerimonia, vedersi rimborsare eventuali caparre o penali dovute alle mancanze di un fornitore. A tutto questo si aggiunge la clausola che, per un anno dalla fatidica data, garantisce assistenza agli sposi e alla casa. Completano l’offerta il rimborso causato dall’annullamento della luna di miele (costi di gestione e tasse aeroportuali non rimborsabili compresi), la liquidazione dell’80% dello stipendio per un massimo di sei mesi nel caso in cui si perda il posto di lavoro e una copertura contro gli infortuni degli sposi.

Piero Babudro

Giornalista pubblicista, consulente, social media strategist, community manager, docente. Scrive di nuove tecnologie e comunicazione di massa, studiando da vicino i cambiamenti sociali e di consumo introdotti dai media interattivi.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*