Assicurazione viaggi: per gli italiani non è indispensabile

L'assicurazione viaggi è una polizza che prevede la copertura di sinistri, infortuni, smarrimenti e rinunce durante il nostro itinerario. La sorpresa è che, per molti italiani, non è indispensabile.

assicurazione viaggio

Assicurazione viaggii: gli italiani non sono propensi a farla

Quando ci si reca all’estero per vacanza o per lavoro è bene pensare alla possibilità di stipulare un’assicurazione viaggio a protezione di alcune situazioni che potrebbero capitare. Gli italiani sembrerebbero non essere molto avvezzi a tale tipologia di polizza, proposta spesso anche dagli stessi operatori turistici. Stando ai risultato di alcuni sondaggi il popolo nazionale pare non temere particolarmente gli atti terroristici, in quanto soltanto il 6% ha deciso di accettare la stipula di un contratto assicurativo a copertura di questa eventualità.

assicurazione viaggi

Assicurazione viaggii: le percentuali

Gli italiani sono più inclini a pensare alla protezione della propria auto o moto, dato che ben uno su tre ha deciso di stipulare un’assicurazione contro i danni subiti dal mezzo di trasporto, soprattutto se la destinazione è un luogo di vacanza. Un’altra tipologia di assicurazione viaggio possibile è quella che garantisce risarcimento in caso di incidenti di mezzi pubblici in località turistiche: questa situazione preoccupa il 30% degli italiani soggetti a sondaggio. Minore è invece la percentuale di italiani che provvede a contrarre una polizza di assicurazione viaggio per la casa lasciata incustodita per il periodo vacanziero: la percentuale non arriva al 30%.

Il 25% si copre invece da possibili smarrimenti di bagagli, oggetti personali, documenti, durante la vacanza o durante il trasporto in aereo o treno: capita spesso di smarrire un bagaglio oppure di perdere i documenti alla stazione ferroviaria. La polizza viaggio può essere stipulata con questa opzione di protezione.

C’è la possibilità di stipulare la polizza di assicurazione viaggio in agenzia (lo fa il 30% dei viaggiatori) oppure direttamente presso la propria agenzia assicurativa di riferimento (e rappresenta il 29% dei casi).

Assicurazione viaggi: copertura sanitaria e cancellazione dell’itinerario

Ben il 44% delle persone non rinuncia alla copertura sanitaria durante la stipula della assicurazione viaggio, utile soprattutto se si viaggia all’estero, dato che spesso ci si imbatte in un sistema sanitario differente dal nostro e quindi soggetto a pratiche e costi maggiormente elevati.

È un’opzione della polizza di assicurazione viaggio anche riservarsi il diritto di cancellazione di viaggi e degli alloggi, possibilità contratta dal 36%.

È importante innanzitutto, prima di stipulare l’assicurazione viaggio, determinare bene il luogo dove ci si reca, il tempo e avere un’idea di cosa si intende fare: una vacanza itinerante necessita probabilmente di una polizza viaggio molto più che una vacanza “sedentaria”, fatta di albergo e spiaggia.

Assicurazione viaggi: per gli italiani non è indispensabileAssicurazione viaggi: per gli italiani non è indispensabile http://bit.ly/29cxPYo via @6sicuro
Giovanni Bizzaro

Assistente web marketing di 6sicuro, coordino blogger e giornalisti gestendo e pianificando il calendario editoriale. Mi occupo inoltre di strategie sui social network per aziende e privati.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*