Lockpicking: cos’è e come difendersi dallo scassinamento

Molti ladri padroneggiano il lockpiking, una tecnica per aprire le serrature senza lasciare segni. Ma allora come difendere le nostre proprietà? Scopriamo le migliori tecnologie per la sicurezza di case e negozi.

lockpicking

Con il lockpicking un malintenzionato può aprire le tue porte e finestre senza lasciare alcun segno ma, per fortuna, ci sono tecnologie e sistemi per mantenere la sicurezza in casa o in negozio. Scopriamole.

Cos’è il lockpicking?

Se guardi le serie televisive in inglese avrai sentito parlare di questa tecnica. Si tratta di un’arte manipolatoria che fa leva sui meccanismi delle serrature. Di fatto è la capacità di aprire i lucchetti, o le toppe di porte finestre, senza utilizzare la chiave originale. In pratica si agisce sulle meccaniche dei serramenti, più precisamente sui pistoncini interni al meccanismo, con piccoli strumenti di metallo.

L’utensile più utilizzato per questa tecnica è il grimaldello, ovvero un ferro ritorto su una estremità. In realtà è possibile usare un qualsiasi oggetto metallico oblungo delle giuste dimensioni, l’importante è padroneggiare la tecnica. Ti stai chiedendo se si può aprire una serratura usando le graffette, come hai visto nei film? Sì, è possibile.

Per alcuni il lockpicking è addirittura un passatempo, ma per i ladri è il modo miglior per entrare nelle case senza lasciare segni di effrazione. Scassinare una serratura è molto più veloce e più facile, ma decisamente rumoroso. Ecco perché i malintenzionati più scaltri preferiscono armeggiare in silenzio con i grimaldelli ed entrare indisturbati nelle abitazioni o nei negozi.

Ti senti al sicuro ora che sai che qualcuno potrebbe entrare in casa tua senza lasciare tracce?

VERISURE

Come difendersi dal lockpicking

In teoria tutte le serrature meccaniche sono vulnerabili al lockpicking, dipende dall’abilità e dall’esperienza di chi prova ad aprirle. Ma allora com’è possibile mettere in sicurezza le proprie abitazioni o negozi?

Se il lockpicking ha una lunga storia, è anche vero che la tecnologia dell’antifurto moderno ha permesso di arrivare a soluzioni innovative e molto efficaci. Vediamo quali accorgimenti possiamo attuare per difenderci dai malintenzionati.

Videosorveglianza contro il lockpicking

I sistemi di videosorveglianza più aggiornati sono efficacissimi per stanare i ladri ancor prima che questi riescano ad entrare in casa.

Le telecamere hanno una risoluzione molto alta e una qualità delle immagini ottimale per identificare gli eventuali malintenzionati. Non solo: questi modernissimi sistemi sono connessi alle centrali operative dove gli operatori avvertono in tempo reale le forze dell’ordine quando succede qualcosa di sospetto.

Le registrazioni video vengono inviate sul “cloud” e lì restano per 3 giorni, lontane dalle mani dei ladri, ma a disposizione degli inquirenti. Se trovi interessante il mondo della videosorveglianza, ti consiglio il nostro articolo Videosorveglianza: 8 italiani su 10 vogliono sentirsi sicuri.

Lockpicking: cos'è e come difendersi dallo scassinamentoLockpicking: cos’è e come difendersi dallo scassinamento http://bit.ly/2tRIH7K via @6sicuro

Sensori d’apertura

Supponiamo che un malintenzionato sia abile nel lockpicking e riesca a sbloccare le serrature dei tuoi infissi. Innanzitutto sarebbe stato scoperto dalle telecamere, ma facciamo finta di nulla e proseguiamo con l’esempio. Il ladro, per entrare in casa, deve comunque aprire l’anta della porta o della finestra, non può certo passarci attraverso.

Ecco che la protezione perfetta sono i sensori di apertura. Si tratta di dispositivi, dal design davvero discreto, posizionati proprio su porte e finestre. Questi sensori avvertono l’eventuale apertura e fanno scattare l’allarme. I migliori sistemi sono in grado di segnalare la presenza di un intruso prima che questo tenti di aprire la porta o la finestra.

Puoi leggere i dettagli di questo sistema nell’articolo Sensori di apertura: protezione intelligente della tua proprietà.

Sensori di movimento

Anche il più abile esperto di lockpicking deve comunque muoversi in una proprietà per potervi accedere. Con i migliori sensori di movimento verrebbe scoperto molto presto e non avrebbe modo di esercitare la sua “arte” sulle serrature.

Questi sensori lavorano sia all’interno che all’esterno degli ambienti domestici o dei negozi e sono in grado di distinguere i normali movimenti di fronde o animali in giardino, dai malviventi che si avvicinano con cattive intenzioni.

Il loro funzionamento è davvero interessante e ti rimando all’articolo Sensori di movimento: cosa sono, funzionamento e installazione.

Combinare i sistemi di sicurezza

Come hai visto, i migliori sistemi sicurezza lavorano con tecnologie molto efficaci e il lockpicking spaventa molto meno ora che li conosciamo.

Abbinando tra loro i sistemi che abbiamo visto, la sicurezza della tua casa aumenta esponenzialmente. Prova a pensare se al sistema di videosorveglianza fosse abbinata una rete di sensori d’apertura e di movimento. La copertura della tua proprietà sarebbe davvero fitta e il livello di difficoltà che il ladro si troverebbe ad affrontare sarebbe proibitivo.

verisure italia antifurto casa

Salvatore Russo

Responsabile Marketing di 6sicuro dal 2011, ideatore del blog e coordinatore generale dell’intera squadra di blogger e giornalisti che scrivono per 6sicuro. Mi occupo di Digital Marketing Strategy, Consulenza Aziendale e Formazione dal 1998. Ho partecipato alla progettazione, sviluppo e gestione di importanti portali e piattaforme di e-commerce italiani.

Commenti Facebook

1 Commento

  1. Avatar
    Michele Messina - Vice Presidente Vicario AIPROS - consulente della sicurezza luglio 05, 2017

    Prima di suggerire l’installazione di impianti di allarme e rivelatori di apertura e di movimento (giusta integrazione della sicurezza meccanica o passiva), mi sembra più opportuno informare i lettori che esistono in commercio serrature a cilindro di sicurezza certificate in conformità alla norme UNI EN 1303 da Enti e laboratori accreditati presenti in quasi tutti i paesi europei (in Italia l’Ente di certificazione è ICIM ed il laboratorio l’istituto Giordano di Bellaria) e che sono in grado di resistere agli attacchi condotti da ladri esperti sia con il trapano sia con i grimaldelli e le chiavi piatte. Tali serrature si possono sostituire nella quasi totalità delle porte esistenti che già montano simili dispositivi di riferma ad un costo accessibile ed in maniera estremamente facile.

    AIPROS (Associazione Italiana Professionisti della Sicurezza)

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*