Calcolo bollo auto: come conoscere l’importo da pagare

Il calcolo bollo auto si basa su due fattori chiave: la potenza e la classe ambientale. Ma come sapere quanto si andrà a pagare? Ecco le indicazioni per farlo con targa, senza targa e scoprire gli arretrati.

calcolo bollo auto

Devi fare il calcolo del bollo auto? Ecco come conoscere l’importo da pagare. Ogni proprietario di auto deve ogni anno pagarlo nei tempi, ma soprattutto calcolarne il costo, cosa non sempre così semplice.

I parametri che influenzano la quota da versare sono legati a due valori: potenza del veicolo e della classe ambientale (Euro 0, 1, 2, 3, 4, 5 e 6, per intenderci). Bisogna ricordare che molte Regioni prevedono importi diversi, esenzioni o agevolazioni per le vetture green (elettriche, ibride, GPL, metano) e che quando consideriamo i mezzi ibridi va tenuto conto solo dei kW offerti dal motore termico.

Calcolo bollo auto

Per calcolarlo dobbiamo basarci sui seguenti dati base:

  1. Potenza in kW: la si trova sulla carta di circolazione alla voce P.2 o dividendo per 1,35962 il valore della potenza in CV . Attenzione! Le vetture con potenza superiore a 185 kW sono soggette al superbollo: 20 euro (da aggiungere al bollo normale) per ogni kW eccedente la soglia. Euro che diventano 12 superati i cinque anni dalla data di costruzione del veicolo, 6 dopo dieci anni e 3 dopo quindici. Dopo venti anni il superbollo decade.
  2. Classe ambientale, riportata sulla carta di circolazione alla voce V.9. Al variare della classe coincide anche una variazione di costo:
  • Euro 4, Euro 5 o Euro 6: l’importo del bollo è pari a 2,58 euro per ogni kW fino a 100 kW e di 3,87 euro per ogni kW oltre quota 100;
  • Euro 3: l’importo del bollo è pari a 2,70 euro per ogni kW fino a 100 kW e di 4,05 euro per ogni kW oltre quota 100;
  • Euro 2: l’importo del bollo è pari a 2,80 euro per ogni kW fino a 100 kW e di 4,20 euro per ogni kW oltre quota 100;
  • Euro 1: l’importo del bollo è pari a 2,90 euro per ogni kW fino a 100 kW e di 4,35 euro per ogni kW oltre quota 100;
  • Euro 0: l’importo del bollo è pari a 3,00 euro per ogni kW fino a 100 kW e di 4,50 euro per ogni kW oltre quota 100.

Calcolo bollo auto con targa

Per il calcolo bollo auto con targa è possibile semplificare utilizzando il sito dell’Agenzia delle Entrate. Una volta collegati basterà seguire le voci menù dedicate, seguendo questo ordine:

  • “Cosa devi fare”;
  • “Calcolare”;
  • “Bollo Auto”;
  • “Calcolo bollo auto in base alla targa”
  • Dopo aver scorso l’intera pagina “Accedi al servizio”.

Fatto ciò inserisci il tipo di veicolo (Autoveicolo) e la Targa e fai clic su “Calcola importo”.

Riceverai così le informazioni fondamentali sul veicolo (auto o moto) inserito: regione di residenza, potenza in kw, Direttiva Euro, tipo di Alimentazione, cavalli, portata massima, peso e data della prima immatricolazione. Un servizio rapido, capace di informare in maniera esaustiva sul proprio mezzo.

Calcolo bollo auto: come conoscere l'importo da pagareCalcolo bollo auto: come conoscere l’importo da pagare http://bit.ly/1YwKgBc via @6sicuro

Calcolo bollo auto senza targa

Se, invece, sei sprovvisto di targa del veicolo è possibile utilizzare i Servizi fiscali senza registrazione e attivare il percorso per il calcolo bollo auto senza targa attraverso le seguenti voci menù:

  • “Calcolo bollo”;
  • “Controllo dei pagamenti effettuati”;
  • “Calcolo bollo in base alla potenza del veicolo”.

Dovrai poi inserire delle informazioni aggiuntive:

  • Tipo di veicolo (auto, moto, scooter o rimorchio);
  • Regione di residenza;
  • Direttiva Euro;
  • Eventuale impianto GPL/Metano;
  • Potenza del veicolo in kw o Cavalli.

Concluso l’inserimento di tutti i dati basterà cliccare su “Calcola importo“.

Calcolo bollo auto arretrato

Il sito dell’ACI permette di realizzare controlli e verifiche anche sui bolli arretrati e non pagati.

Requisito essenziale per il calcolo (online e offline) è la targa, fondamentale per capire caratteristiche e situazione del veicolo, a cui andrà aggiunta l’indicazione del periodo temporale da prendere in esame. Il lasso ad oggi controllabile va dal 2016 al 2010.

Giusto per aiutarti, ecco un piccolo ripasso riguardo le sanzioni sui ritardi di pagamento del bollo auto:

  • Entro 14 giorni
    sanzione pari allo 0,1% per ogni giorno di ritardo + interessi legali;
  • Dal 15° al 30° giorno
    sanzione pari all’1,5% dell’importo originario della tassa automobilistica + interessi legali;
  • Dal 31° al 90° giorno
    sanzione pari all’1,67%  dell’importo originario della tassa automobilistica + interessi legali;
  • Dal 91° giorno a 1 anno
    sanzione pari al 3,75% dell’importo originario della tassa automobilistica + interessi legali;
  • Oltre 1 anno
    sanzione pari al 30% della tassa dovuta oltre gli interessi moratori da calcolare per ogni semestre di ritardo (fino al 30/06/2003 2,5%, dal 01/07/2003 al 31/12/2009 1,375% e dal 01/01/2010 1%);

Hai risparmiato con il calcolo bollo auto? Pensa agli accessori

Se hai acquistato una nuova auto e hai scoperto che il bollo auto non è caro, puoi valutare l’acquisto di qualche accessorio utile da portare durante i tuoi viaggi. Ecco alcuni consigli per te:

Matteo Pogliani

Toscano di nascita ma lombardo di adozione, ho cominciato a parlare prestissimo non ho più smesso. Oltre ad essere blogger mi occupo di comunicazione web, in particolare in ambito social media

Commenti Facebook

3 Commenti

  1. Avatar
    Moreno febbraio 09, 2017

    Se non si paga più cosa si va incontro?

    Rispondi
    • Avatar
      Alex febbraio 27, 2017

      Niente, se continui a non pagare e non hai nulla inte-STATO.

      Rispondi
    • Avatar
      Antonio marzo 10, 2017

      dopo tre anni ti arriva l’ingiunzione di pagamento

      Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*