Bollo auto km 0: chi lo paga?

Chi deve pagare il bollo auto km 0: il concessionario o l’acquirente? Chiariamo i termini di pagamento del primo bollo e sui bolli degli anni successivi.

bollo auto km 0

Andare in concessionaria e acquistare un’auto a km 0 è un’idea allettante per molti: spesso ci si accaparra una macchina nuova a un prezzo vantaggioso. Ma chi è che deve pagare il bollo per le auto a km 0?

Bollo auto km 0: chi paga?

Per capire chi deve pagare il primo bollo nel caso di acquisto di un’auto a km 0 è utile chiarire cosa sono le auto a km 0. Si tratta di veicoli di proprietà dei concessionari, già immatricolati e dotati di targa, che vengono venduti alla clientela dopo aver percorso pochi chilometri.

L’elemento che bisogna conoscere per sapere a chi spetta il pagamento del bollo è la data di immatricolazione dell’auto.

La regola generale ci dice che il primo bollo auto va pagato entro la fine del mese di immatricolazione. Se l’immatricolazione avviene negli ultimi 10 giorni del mese, la scadenza è prorogata alla fine del mese successivo.

Tieni conto che questa è una regola generale ma, dato che il bollo auto è un tributo regionale, ci possono essere delle eccezioni. Controlla sempre la normativa regionale per verificare le regole che si applicano.

Bollo auto km 0: quando paga il concessionario

Il primo bollo è quindi a carico di chi risulta proprietario il giorno in cui termina la scadenza successiva all’immatricolazione. Nella maggior parte dei casi, dunque, il primo bollo è a carico del concessionario.

Facciamo un paio di esempi: se l’auto a km 0 viene immatricolata il 14 dicembre, il bollo va pagato entro il 31 dicembre. Se al 31 dicembre il concessionario non ha venduto l’auto, è a lui che spetta il pagamento della tassa di circolazione.

Se invece l’auto viene immatricolata il 29 dicembre, il termine per il pagamento del bollo slitta al 31 gennaio. Se il concessionario risulta ancora proprietario in quella data sarà lui a pagare il primo bollo, mentre se nel frattempo ha venduto l’auto sarà l’acquirente a dover pagare.

Bollo auto km 0: chi lo paga? Bollo auto km 0: chi lo paga? http://bit.ly/2ozExmY via @6sicuro

Bollo auto km 0: quando paga l’acquirente

L’unico caso in cui a pagare il bollo auto km 0 è l’acquirente è quando l’acquisto avviene entro il mese di immatricolazione dell’auto (o entro il mese successivo se l’auto è immatricolata negli ultimi 10 giorni).

Riepilogando, se il passaggio di proprietà si è concluso e risulta proprietario l’acquirente nel giorno in cui scade il termine per pagare, è lui a dover versare il primo bollo auto. In caso contrario, il pagamento spetterà al concessionario.

Bollo auto km 0: come pagare i bolli successivi al primo

Per i bolli successivi al primo si applicano le normali regole previste per le auto. La tassa di circolazione andrà pagata sempre entro la fine del mese successivo a quello di scadenza, versando quanto dovuto alla propria regione di residenza.

L’importo da pagare varia a seconda della potenza del mezzo e cambia da regione a regione. Scopri come calcolare il bollo auto con la nostra guida.

Luana Galanti

Ho una laurea specialistica in Consulenza e direzione aziendale e, da sempre, un legame indissolubile con le parole scritte. Le mie due anime – quella creativa e quella pragmatica – si confondono nel mio lavoro di web writer e business writer freelance.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*