Mantenere la classe di merito dopo un incidente

mantenere la classe di merito

Alcune volte, in caso di incidente, può essere conveniente la derubricazione del sinistro: ovvero rimborsare la somma pagata per l’incidente provocato evitando, in questo modo, lo scatto del Malus e il conseguente aumento del premio assicurativo. Quando si provoca un incidente (con colpa superiore al 50%), infatti, la classe Bonus-Malus peggiora di ben due classi e, al momento del rinnovo, la tariffa da pagare sale notevolmente.

Quando scatta il Malus

Il Malus scatta solo se viene riconosciuta una responsabilità cumulata (la somma di tutti i sinistri degli ultimi cinque anni) superiore al 50%. Quindi se un automobilista o un motociclista viene coinvolto in un incidente stradale con una colpa inferiore o uguale al 50% non verranno aumentati né il premio assicurativo né la classe di merito di ben due classi come previsto in caso di incidenti stradali.

Secondo quanto ha stabilito la legge Bersani n. 40 del 2007, in caso di incidente con concorso di colpa paritario la classe di merito non viene modificata, viene solo annotato nell’attestato di rischio la quota di corresponsabilità paritaria dei conducenti. Trascorsi i cinque anni dalla prima annotazione, se il grado di responsabilità del sinistro supera la quota complessiva del 51% la compagnia di assicurazione assegnerà il Malus al primo risarcimento pagato. Trascorsi i cinque anni tutte le quote di corresponsabilità paritaria annotate verranno cancellate.

Mantenere la classe di merito dopo un incidenteMantenere la classe di merito dopo un incidente http://bit.ly/1MEks4F via @6sicuro

Come si calcola la classe di merito Bonus-Malus

Per il calcolo del Bonus-Malus nelle RC auto, il sistema premiante progressivo attraverso il quale viene stabilito annualmente il costo della polizza di responsabilità civile, puoi trovare una guida dettagliata nel nostro articolo dedicato al Bonus-Malus.

Quando conviene il riscatto

Questa decisione non deve essere presa al momento del sinistro stradale. Basta infatti richiedere alla propria compagnia d’assicurazione poco prima della scadenza l’importo dei danni effettivamente pagati, confrontarlo con l’aumento del premio di rinnovo e decidere se conviene o meno rimborsare la somma pagata dalla compagnia per il risarcimento del danno.

Se il danno è già stato pagato dall’assicurazione mediante la procedura di risarcimento diretto è necessario rivolgersi alla Consap, la società che ha per oggetto principale l’esercizio in regime di concessione di servizi assicurativi pubblici, nonché l’espletamento di altre attività e funzioni di interesse pubblico affidatele sulla base di disposizioni di legge, concessioni e convenzioni. In questo modo la compagnia di assicurazione non potrà applicare una maggiorazione del premio RC auto.

Per il riscatto sono necessarie le condizioni di polizza dove ravvisare i coefficienti di premio assegnati dalla compagnia ad ogni classe di merito e il premio RC auto dell’anno in cui è avvenuto il sinistro. Va inoltre verificata la classe di merito assegnataria a seguito dello scatto bonus/malus.

Facciamo un esempio: Nel 2011 hai causato un sinistro di cui sei il principale o l’unico responsabile. La tua è la classe di merito n. 9 e col sistema del Bonus-Malus nel 2012 passeresti alla classe di merito 11 (come già ricordato, in caso di incidente con colpa maggiore al 50% la classe di merito aumenta di ben 2 classi).

Il costo del riscatto del sinistro alla compagnia ammonta a 500 euro. A questo punto è doveroso verificare se l’aumento del premio assicurativo è superiore al riscatto. Tieni presente che i vantaggi del riscatto (non aumentare di classe) si estendono anche agli anni successivi; per tornare all’attuale classe 9 dovrai aspettare il 2014 se non riscatti. È importate sapere che questa possibilità esiste qualora, alla scadenza della polizza, l’assicurato decida di cambiare compagnia, presentandosi alla nuova assicurazione con un attestato di rischio privo del sinistro.

È inoltre importante sapere che sono riscattabili solo i sinistri liquidati e contabilizzati totalmente per i quali non risultino pendenti di danno.

Non lo sono i sinistri con collisione tra più di due veicoli, i sinistri con solo danno a persone o cose, i sinistri con collisione con ciclomotore non munito di targa ai sensi del D.P.R. n. 153 del 6.3.2006 (ciclomotori con cilindrata pari o inferiore a 50cc sprovvisti di targa), i sinistri dove la Compagnia non abbia aderito alla Card (Convenzione tra Assicuratori per il risarcimento diretto), i sinistri dove la polizza assicurativa preveda una franchigia. In questi ultimi casi sarà cura dell’assicurato rivolgersi alla propria assicurazione per capire se sarà possibile comunque effettuare il riscatto.

Come procedere al riscatto

La richiesta di riscatto del sinistro varia a seconda della procedura di risarcimento:

  • se il danno è stato risarcito dall’assicurazione del danneggiato occorre rivolgersi alla Consap per conoscere l’ammontare del sinistro pagato e procedere al rimborso;
  • se il danno è stato risarcito direttamente dalla propria compagnia, la richiesta va presentata a quest’ultima.

Garanzie accessorie “salva classe” di merito

Esistono alcune garanzie accessorie della polizza RC auto che consentono all’assicurato, nonostante sia stato l’artefice di un sinistro stradale, di mantenere inalterata la classe di merito. È bene sapere però che il “salva classe” di merito si riferisce solo alla classe interna e non alla classe universale che vedrà comunque l’applicazione del Malus.

Salvatore Russo

Responsabile Marketing di 6sicuro dal 2011, ideatore del blog e coordinatore generale dell’intera squadra di blogger e giornalisti che scrivono per 6sicuro. Mi occupo di Digital Marketing Strategy, Consulenza Aziendale e Formazione dal 1998. Ho partecipato alla progettazione, sviluppo e gestione di importanti portali e piattaforme di e-commerce italiani.

Commenti Facebook

2 Commenti

  1. Avatar
    Gianni Bertellini agosto 01, 2017

    Salve chiederei un’informazione se non le dispiace. Mia moglie in auto in una via periferica della nostra città è stata investita su una fiancata da un ragazzino in bicicletta che è uscito sparato da una pista ciclabile. Grande spavento ma per fortuna il ragazzino non si è fatto nulla, salvo una botta alla caviglia e un fanale rotto. Denunciamo regolarmente il sinistro, secondo noi abbiamo ragione al 100%. Dopo 3 mesi scopriamo che il liquidatore della nostra Compagnia ha pagato 200 euro al ragazzino in concorso di colpa al 50%, cosa secondo me che non doveva fare. Malauguratamente 4 anni fa mia moglie aveva avuto un altro microsinistro (roba da 50 euro) dunque ci scatta il malus. Io non sono affatto d’accordo con i 200 euro pagati dal nostro liquidatore, c’è qualcosa che possiamo fare per contestare questa decisione? Poi posso sempre riscattare i 200 euro però non mi va giù che ci sia stato dato torto! Grazie.

    Rispondi
    • Avatar
      Giovanni Bizzaro agosto 09, 2017

      Ciao Gianni,
      Bisogna intentare un’azione legale nei confronti della compagnia. Se devi riscattare un sinistro, ti conviene sicuramente quello da 50 euro così intanto non hai lo scatto di CU. Se la compagnia rivede la sua decisione su quello da 200 sei a posto del tutto.

      Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*