Decreto del Fare: diventa più facile pignorare le auto

Decreto del Fare: diventa più facile pignorare le auto

Il Decreto Legge di riforma della giustizia [DL 132/2014] ha ottenuto la fiducia al Senato ed è passato con 161 voti favorevoli e 51 contrari e introduce, tra le altre cose, la novità del pignoramento facile di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi.

Diventerà di fatto simile al pignoramento degli immobili.

La trafila prevede:

  • l’ufficiale giudiziario notifica al debitore un atto di pignoramento
  • nell’atto sono indicati gli estremi identificativi del mezzo
  • il veicolo e i documenti di proprietà dovranno essere consegnati entro 15 giorni all’IVG (Istituto Vendite Giudiziarie)

Trascorsi i 15 giorni, se il proprietario non ha consegnato il mezzo, potrà intervenire la Polizia, autorizzata a fermare il veicolo e al ritiro della carta di circolazione e dei documenti che attestano la proprietà. Le stesse forze dell’ordine dovranno quindi consegnare il veicolo pignorato all’IVG.

Nel frattempo il creditore dovrà trascrivere l’atto di pignoramento al PRA e, depositando la nota di iscrizione a ruolo e le copie dei documenti dell’esecuzione, dovrà intraprendere la procedura di pignoramento entro 30 giorni, pena la perdita di efficacia del pignoramento stesso.

Decreto del Fare: diventa più facile pignorare le auto
Decreto del Fare: diventa più facile pignorare le auto http://bit.ly/1scxTZW via @6sicuro

Il maxi emendamento del DL in questione è entrato in vigore il 23 ottobre. Le nuove regole saranno valide per i procedimenti iniziati dal trentesimo giorno successivo all’entrata in vigore della conversione del decreto.

Recupero dei crediti e anagrafe tributaria

A questa novità se ne aggiunge anche un’altra che permette al creditore di richiedere all’ufficiale giudiziario il controllo dell’anagrafe tributaria. Andare alla ricerca di beni da pignorare si tradurrà più facilmente nel riuscire ad individuare in tempi brevi eventuali veicoli intestati al debitore. E ciò potrebbe comportare un recupero del credito più facile e veloce.

E se con l’auto ci lavoro?

Attenzione: se il debitore dimostra entro 30 giorni che il veicolo, su cui pende una richiesta di pignoramento, è strumentale (ovvero è indispensabile per esercitare la propria attività o professione e non è sostituibile con altri beni posseduti), il pignoramento è limitato ad un quinto del suo valore e in più può essere eseguito se e solo se il debitore non ha altri beni su cui ci si possa rifare per ottenere il credito dovuto.
Ma cosa si intenda esattamente per bene strumentale e come si possa dimostrare l’appartenenza a questa categoria, non è chiaro. Di fatto, in base a quanto letto nel Decreto Legge, si può intuire che si parla di bene strumentale nel caso, ad esempio, del camion di un autotrasportatore o l’auto di un rappresentante.
In quest’ultimo caso il pignoramento ha validità di 360 giorni e la vendita all’asta non può avvenire prima di 300 giorni dalla notifica del pignoramento. In altre parole: il debitore rimane custode indiscusso del veicolo e può continuare ad utilizzarlo come sempre.

Sì, ma… chi paga?

Dulcis in fundo. Nel DL si è anche parlato di spese di soccombenza: il vecchio “chi perde paga” funziona sempre meno. Si restringono infatti i casi in cui i giudici possono decidere che ognuno dei contendenti paghi il suo avvocato, anche se si tratta del vincitore della causa.
In questo modo, anche chi ha torto può decidere di sfidare la sorte, il creditore, l’avvocato e i giudici e sperare fino alla fine di ridurre il danno almeno sulle spese.

Cinzia Di Martino

Blogger e Web Developer, si occupa di web e comunicazione online per professionisti e imprese. Stanca di tradurre in codice binario il linguaggio degli uomini, ha preferito invertire la rotta e deciso di occuparsi di dinamiche umane sui social.

Commenti Facebook

3 Commenti

  1. Avatar
    giorgio settembre 07, 2015

    Ho una P.IVA straniera. ho portato le auto e cambiato proprietà intestandole alla ditta.
    Non pago più il bollo, l’assicurazione costa circa 100€ ad auto e corro tranquillamente per l’Europa.
    alla faccia della compagnia RENZI, BOSCHI ecc ecc,

    Rispondi
  2. Avatar
    Francesco gennaio 21, 2016

    Grande

    Rispondi
  3. Avatar
    Francesco gennaio 21, 2016

    Scusate ma auto vecchie per esempio un auto del 1997 che potrebbero fare dato che non valgono nulla?

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*