Certificato di Proprietà e Carta circolazione: ecco il documento unico

Certificato di Proprietà e Carta circolazione: ecco il documento unico

Il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Maurizio Lupi ha apostrofato come inaccettabile l’attuale duplicazione tra il certificato di proprietà (CdP) e la carta di circolazione delle automobili. Un “duplicato” che richiede agli automobilisti italiani un doppio esborso, ma tutto potrebbe cambiare velocemente con una riforma di semplificazione.

Certificato di Proprietà e Carta di circolazione accorpati in un unico documento

Secondo la promessa del Ministro, entro la fine giugno il CdP e la carta di circolazione (comunemente nota come libretto di circolazione o semplicemente libretto) verranno accorpati in un unico documento. L’unificazione delle informazioni in un solo documento apporterà una riduzione dei costi a carico degli automobilisti, ma anche una maggiore chiarezza sulla documentazione necessaria alla guida di un veicolo.

La dichiarazione di una prossima semplificazione è stata bene accolta dall’ACI che attraverso la voce del presidente Angelo Sticchi Damiani sottolinea come questa iniziativa possa garantire una piena flessibilità del proprio sistema informatico, capace di fornire immediatamente un documento unico in cui siano comprese sia le caratteristiche tecniche dei veicoli che le informazioni sulla proprietà. La modifica strutturale della documentazione non richiederà, per ammissione del presidente, nessun esborso di denaro pubblico e la copertura territoriale sarà garantita delle sedi ACI.

Certificato di Proprietà e Carta di circolazione: arriva il documento unico
Certificato di Proprietà e Carta di circolazione: arriva il documento unico http://bit.ly/1sDBtOJ @6sicuro

Cosa significa questa semplificazione?

L’unione del CdP e del libretto è la prima azione pratica dell’annunciata unificazione tra PRA (Pubblico Registro Automobilistico) e Motorizzazione. Un’attuazione parziale della spending review annunciata, dal Presidente del Consiglio, in ambito ACI-Motorizzazione Civile che in molte occasioni si sovrappongono. Una “duplicazione di competenze” il cui costo va a gravare sulle tasche degli italiani e che il Ministro Lupi promette di alleggerire con questa riforma. Si tratta di un primo passo, ma a cui dovranno seguirne tanti altri prima che la questione ACI-Motorizzazione Civile venga sciolta. Chiarezza, semplificazione e separazione delle competenze è ciò che meritano gli automobilisti italiani nel più breve tempo possibile.

Il risparmio economico dovuto al documento unico

Ad oggi l’automobilista che acquista un nuovo veicolo è richiesto un versamento di 9€ al Ministero delle Infrastrutture, effettuato tramite Motorizzazione Civile, per ottenere la Carta di Circolazione ed un esborso di 27€ al PRA per iscrivere il veicolo al registro nazionale. Il documento unico promette di abbattere questi costi, non è ancora chiaro in che misura visto che non è stato ancora scelto l’organo che gestirà il rilascio della nuova documentazione, ma si potrebbe fare di più.

Digitalizzando e dematerializzando i documenti non solo si abbatterebbero i costi di gestione e archiviazione dei dati ma si offrirebbe agli automobilisti una maggiore accessibilità alle informazioni riguardanti la proprietà del veicolo e alla sue caratteristiche.

Certificato di Proprietà e Carta di circolazione: arriva il documento unico
Salvatore Russo

Responsabile Marketing di 6sicuro dal 2011, ideatore del blog e coordinatore generale dell’intera squadra di blogger e giornalisti che scrivono per 6sicuro. Mi occupo di Digital Marketing Strategy, Consulenza Aziendale e Formazione dal 1998. Ho partecipato alla progettazione, sviluppo e gestione di importanti portali e piattaforme di e-commerce italiani.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*