Scadenze fiscali novembre 2017: tasse per 55 miliardi

Novembre è un mese di fuoco per società, lavoratori autonomi e dipendenti. Ecco le scadenze fiscali più importanti del mese alle porte.

scadenze fiscali novembre 2017

Sono tante le scadenze fiscali che si concentreranno nel mese di novembre. Nelle prossime settimane società, lavoratori autonomi e dipendenti verseranno nelle casse dell’Erario 55 miliardi di euro.

Le scadenze fiscali di novembre 2017

Il calendario delle scadenze fiscali per il mese di novembre è particolarmente fitto. Tra la metà e la fine del mese ci saranno otto versamenti in scadenza:

  • l’acconto IRES;
  • l’IVA;
  • le ritenute per i lavoratori dipendenti e per i collaboratori;
  • l’acconto IRPEF;
  • l’IRAP;
  • le ritenute per lavoro autonomo;
  • l’addizionale comunale IRPEF;
  • le ritenute sui bonifici presentati per ottenere detrazioni IRPEF.

Secondo le stime fatte dal Centro studi della CGIA di Mestre questi adempimenti costeranno a società, autonomi e lavoratori dipendenti 55 miliardi di euro.

Scadenze fiscali novembre 2017: tasse per 55 miliardiScadenze fiscali novembre 2017: tasse per 55 miliardi http://bit.ly/2gWIuz4 via @6sicuro

Novembre è il mese delle tasse

Le scadenze sono così tante che novembre è considerato il mese delle tasse. Si parte il 16, quando dovranno essere versati l’IVA (mensile o trimestrale), le ritenute IRPEF per dipendenti e collaboratori e i contributi previdenziali. Questa prima ondata di scadenze porterà nelle casse dello Stato quasi 24 miliardi di euro.

Entro il 30 novembre dovranno essere versate invece tutte le altre imposte. La più pesante è l’IRES: l’imposta sui redditi delle società garantirà da sola un gettito di 14 miliardi. Altri 14 miliardi arriveranno dal versamento dell’IRAP e dell’acconto IRPEF.

Altri due miliardi e mezzo arriveranno dai versamenti dei lavoratori autonomi, dalle addizionali IRPEF e dalle ritenute sui bonifici per detrazioni IRPEF.

Come ha ricordato il coordinatore del Centro studi della CGIA di Mestre, Paolo Zabeo, il gettito fiscale complessivo è di 490 miliardi di euro. Di questi, più dell’80% sono incassati dallo Stato centrale.

Ancora una volta, le aziende italiane risultano le più tartassate d’Europa. La CGIA ha infatti rilevato che nel 2015 i versamenti delle imprese italiane hanno rappresentato quasi il 15% del gettito totale, mentre in media nell’UE le tasse delle imprese sono state pari all’11,5% del gettito.

Luana Galanti

Ho una laurea specialistica in Consulenza e direzione aziendale e, da sempre, un legame indissolubile con le parole scritte. Le mie due anime – quella creativa e quella pragmatica – si confondono nel mio lavoro di web writer e business writer freelance.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*