Reddito famiglie: crescono potere d’acquisto e risparmio

Buone notizie per il reddito famiglie. Potere d'acquisto in crescita e miglioramento della propensione al risparmio. A rilevarlo l'ISTAT che ha pubblicato i dati relativi al secondo trimestre 2016.

reddito famiglie

Reddito famiglie: potere d’acquisto in aumento

L’ISTAT rende noti i dati dei conti sul secondo trimestre 2016. Rispetto al trimestre precedente, le famiglie consumatrici hanno visto crescere il reddito disponibile dell’1,3%, i consumi sono invece cresciuti dello 0,2%.

Ma il dato più interessante riguarda il potere di acquisto, che per la prima volta torna a livelli pre 2007, l’anno di inizio della crisi economica.
Sul quotidiano la Repubblica, il commento di Loredana Federico, capo della ricerca economica sull’Italia di Unicredit:

“Oggi si conferma un miglioramento dei fondamentali, ma i consumi mostrano che qualcosa è successo tra primo e secondo trimestre e va tenuto d’occhio”

E ancora:

“il miglioramento del mercato del lavoro – superiore alle attese nella prima parte dell’anno – ha portato a un recupero del reddito disponibile nominale. Quest’ultimo – in un contesto di bassa inflazione – si è trasmesso in un rapporto di uno a uno sulla crescita del potere d’acquisto”

L’ISTAT registra poi un lieve calo della pressione fiscale, che con un 42,3% segna un calo dello 0,4% rispetto al secondo trimestre del 2015.

Reddito famiglie: crescono potere d'acquisto e risparmioReddito famiglie: crescono potere d’acquisto e risparmio http://bit.ly/2drscc8 via @6sicuro

Reddito famiglie: migliora la propensione al risparmio

Sempre nel secondo trimestre 2016, in salita anche la propensione al risparmio, con un +0,9% rispetto al primo trimestre dell’anno in corso. Anche in questo caso citiamo le osservazioni di Loredana Federico:

“dal secondo trimestre dell’anno il maggior reddito disponibile si è trasformato in un aumento della propensione al risparmio”.

Tra le cause di questo nuovo atteggiamento dei consumatori, si cita l’incertezza internazionale, con l’avvento della Brexit e la reazione dei mercati finanziari.

È indubbio che l’aumento del risparmio ha come risvolto negativo la contrazione dei consumi, che da soli rappresentano il 60% del PIL. Si prospetta insomma un’ulteriore frenata dell’economia del Paese. Conclude, infatti, Federico:

“tutti gli elementi straordinari, che fin qui hanno sostenuto i consumi, lasceranno spazio a un ritorno alla normalità: rivedremo l’inflazione e l’occupazione – in assenza di una spinta economica vera e propria – perderà slancio”

Michela Calculli

Dagli studi professionali tra Milano e Torino al blog personale, passando per un'esperienza televisiva che ha segnato la svolta. Tre grandi passioni: la scrittura, il fisco, la semplicità. Sempre in equilibrio tra famiglia e professione tra comunicazione e aggiornamento fiscale.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*