Energia elettrica seconda casa: bollette alle stelle

Energia elettrica più cara per chi possiede una seconda casa: questo è uno degli effetti della riforma delle bollette voluta dal governo su direttiva europea.

energia elettrica

La riforma delle bollette d’energia elettrica premia chi consuma di più, in particolare i residenti e i nuclei famigliari numerosi. Il rovescio della medaglia è che se possiedi una seconda casa, la bolletta sarà molto salata.

Energia elettrica: brutte notizie se hai una seconda casa

Hai una seconda casa? Da quest’anno pagherai una bolletta dell’energia elettrica molto salata.

La riforma delle bollette perfezionata dall’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico recepisce la direttiva europea, su indicazione del governo.

Alla base delle novità c’è il passaggio ad un sistema a maggiore consumo di energia elettrica il cui principio ha lasciato molti osservatori perplessi: chi consuma meno spende di più. L’obiettivo è favorire l’utilizzo di energia rinnovabile, promuovendo anche l’uso di elettrodomestici a maggiore consumo.

Ma veniamo al dunque: quanto pagheranno in più i proprietari di seconde case? Ref Ricerche ha condotto un’indagine per il Sole 24 Ore. I risultati salienti sono due:

  • per le seconde case si pagherà anche il 50% in più rispetto a prima;
  • le abitazioni con consumi alti avranno diritto ad uno sconto del 12% sulla bolletta dell’energia elettrica.

In termini concreti, mettiamola così: se consumi 1200 kWh, la tua bolletta aumenta del 54%.

Energia elettrica seconda casa: bollette alle stelleEnergia elettrica seconda casa: bollette alle stelle http://bit.ly/2sPekyI via @6sicuro

La riforma è già in vigore

Le novità sono attive dal 2016 ma è quest’anno che gli effetti si fanno sentire. È aumentata soprattutto la “quota fissa sugli oneri di sistema”. Si tratta della porzione di bolletta dedicata a ripagare i costi degli incentivi alle energie rinnovabili a allo smantellamento dei sistemi nucleari. Tale quota ha raggiunto i 135 euro più iva all’anno. Nel secondo e terzo trimestre è stata poi ridotta a 127,5 euro.

Ma consideriamo ancora qualche numero:

  • tra il primo ottobre 2016 e il 31 marzo2017, come abbiamo visto, chi ha consumato 1200 kWh ha pagato una bolletta aumentata del 54%;
  • nell’attuale trimestre, da giugno a settembre, la bolletta dovrebbe arrivare  al 30% in più rispetto allo stesso trimestre 2016, ovvero 104 euro su base annua rispetto al 2016;
  • quest’anno, per chi ha consumato 2700 kWh, da gennaio l’aumento è stato del 40% nel primo trimestre, l’incremento si è poi ridotto nel secondo per risalire nel terzo.

Si può risparmiare sull’energia elettrica?

Le decisioni del Governo e dell’Autorità per l’energia devono essere assorbite dagli operatori e, di conseguenza, anche dai consumatori.

Confronta tariffe luce

Dunque le nuove direttiva vanno semplicemente accettate, non puoi farci molto. Ma la scelta della migliore tariffa è tutta nelle tua mani: puoi scegliere tra le varie offerte dei fornitori confrontandole online.

Francesco Candeo

Dalla passione per i media agli studi in Comunicazione e Strategie di Comunicazione all'Università di Padova. Il mio lavoro è dare vita digitale alle migliori idee per raccontare in rete le persone e le loro attività. Realizzo i progetti di persona, oppure offro consulenze specifiche. Mi piace occuparmi anche di ciò che rende interessante il web: i contenuti.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*