Rate Equitalia scadute: ecco cosa fare

Sono circa 88.000 i contribuenti “decaduti” che possono richiedere la rateizzazione delle cartelle Equitalia. Si hanno 60 giorni di tempo per chiedere il frazionamento del rimborso.

rate equitalia scadute

Rate Equitalia scadute

Può capitare. Una dimenticanza, una temporanea difficoltà economica e saltano le rate delle cartelle Equitalia. Ma la regola dice che se si saltano otto rate, anche non consecutive, non si ha più diritto alla relativa rateizzazione con le relative conseguenze. Ma ci sono buone notizie per tutti coloro che hanno visto decadere le proprie rateizzazioni: si può recuperare.

Equitalia riapre i termini per la rateizzazione delle cartelle

Il decreto Enti Locali riapre i termini per la rateizzazione delle cartelle Equitalia dei cosiddetti contribuenti “decaduti”. Si tratta dei contribuenti che avevano già richiesto una dilazione nei pagamenti e che, alla data del 1° luglio 2016, avevano perso i benefici della dilazione a causa di ritardi nel rimborso del proprio debito fiscale. Dal 22 agosto si apre una finestra di 60 giorni per richiedere una nuova rateizzazione.

La domanda per l’accesso a un nuovo piano di rimborso a rate deve essere presentata entro il 20 ottobre. Il provvedimento dovrebbe riguardare circa 88.000 contribuenti, che potranno accedere di nuovo alle dilazioni concesse da Equitalia senza dover versare le rate scadute del precedente piano di rimborso.

Nuove rateizzazioni Equitalia fino a 72 mesi

Equitalia dà una seconda possibilità ai contribuenti che avevano richiesto in passato di poter saldare a rate il proprio debito e che risultano aver accumulato dei ritardi nei pagamenti. Il nuovo programma di rateizzazioni permette di dilazionare i versamenti per un massimo di 72 rate, cioè per 6 anni. L’unica eccezione riguarda i piani già approvati in precedenza per un periodo di tempo superiore.

Chi accede al programma di rateizzazioni può godere di diversi vantaggi:

  • non deve versare le rate scadute al momento della presentazione della domanda;
  • non risulta più inadempiente verso i debitori;
  • dopo il pagamento della prima rata può richiedere la sospensione degli eventuali provvedimenti di fermo dei mezzi che ha subito;
  • se ha un debito di importo inferiore a 60.000 euro non deve attestare nella domanda di trovarsi in una condizione di obiettiva difficoltà economica;
  • le imprese possono partecipare a gare e appalti, dal momento che possono ottenere il DURC e il certificato di regolarità contributiva.

Si stima che saranno circa 88.000 i contribuenti che aderiranno al programma. Secondo le previsioni, lo Stato dovrebbe recuperare una cifra pari a 3,7 miliardi di euro.

Rate Equitalia scadute: ecco cosa fare Rate Equitalia scadute: ecco cosa fare http://bit.ly/2cZKUbb via @6sicuro

Rate Equitalia scadute: come fare istanza

Per la riammissione alla dilazione, è necessario che il precedente piano sia decaduto entro il 30 giugno 2016.
La domanda va inoltrata ad Equitalia utilizzando il modello RR1, disponibile sul sito dell’ente di riscossione. L’istanza va compilata e consegnata all’ente di riscossione recandosi direttamente presso la sede più vicina, oppure inviando una raccomandata con ricevuta di ritorno, nel secondo caso bisogna allegare copia di un documento di identità.

È possibile richiedere la riammissione anche per più di un piano di ammortamento decaduto, la domanda lascia infatti spazio per l’indicazione di più cartelle esattoriali. In relazione a ciascun piano, c’è l’opportunità di richiedere un numero differente di rate, tenendo presente le seguenti soglie:

  • massimo 72 rate per i piani ordinari;
  • massimo il numero di rate concesse originariamente per i piani straordinari, quelli cioè che in alcune occasioni particolari concedono al contribuente una dilazione anche fino a 120 rate.

Una volta ottenuta la riammissione, bisogna fare però attenzione alle scadenze. Basta saltare soltanto 2 rate, a differenza delle 8 rate concesse nei piani originari, per far decadere il nuovo piano senza alcuna possibilità ulteriore di un pagamento rateale. Questo significa che Equitalia pretenderà il versamento del debito in un’unica soluzione, facendo scattare le misure esecutive in caso di mancato pagamento.

Come funziona la rateizzazione?

Quando riceviamo una cartella esattoriale dobbiamo fare due cose, anzi tre:

  • verificare che il debito iscritto a ruolo sia dovuto, potrebbe sempre trattarsi di un errore, anche semplicemente di un F24 pagato ma compilato male che dunque l’Amministrazione Finanziaria non ha recepito correttamente;
  • pagare l’intero importo entro i termini di legge, i famosi 60 giorni dal ricevimento della raccomandata (segnatevi la data di ricevimento sin agenda o sul calendario);
  • fare domanda di rateizzazione per gli importi che non riusciamo a sostenere finanziariamente nell’immediato.

È possibile richiedere una dilazione di pagamento fino a 72 rate mensili, 120 in alcuni casi particolari. Da qualche mese è anche possibile inoltrare la domanda di dilazione direttamente online senza doversi recare fisicamente presso la sede Equitalia più vicina. Ricordiamo che Equitalia non concede rate inferiori a 100 euro mensili.

Il diritto alla rateizzazione del debito può però decadere. Se il contribuente salta otto rate anche non consecutive, non avrà più diritto alla dilazione e dovrà versare l’intero importo, pena l’avvio degli atti esecutivi come il fermo auto, il pignoramento dei beni, l’iscrizione ipotecaria o la richiesta di cessione del quinto dello stipendio.

Michela Calculli

Dagli studi professionali tra Milano e Torino al blog personale, passando per un'esperienza televisiva che ha segnato la svolta. Tre grandi passioni: la scrittura, il fisco, la semplicità. Sempre in equilibrio tra famiglia e professione tra comunicazione e aggiornamento fiscale.

Commenti Facebook

9 Commenti

  1. Avatar
    franca agosto 28, 2015

    Si può di nuovo raetizzare per non avere il fermo per problemi economici e di salute dopo un infarto?

    Rispondi
    • Avatar
      Michela Calculli novembre 02, 2015

      Ciao Franca,
      purtroppo non ho tutti gli elementi per risponderti.

      Rispondi
  2. Avatar
    alessandro settembre 04, 2015

    Buongiorno. ..
    Volevo sapere se c’è in previsione un nuovo decreto milleproroghe da parte dello stato.
    Grazie mille

    Rispondi
    • Avatar
      Aziz ottobre 06, 2015

      Buongiorno. ..
      Volevo sapere se c’è in previsione un nuovo decreto milleproroghe da parte dello stato.
      Grazie mille

      Rispondi
      • Avatar
        Michela Calculli novembre 02, 2015

        Ciao,
        per le rate scadute hai tempo fino al 21 novembre 2015 per chiedere una nuova dilazione.

        Rispondi
  3. Avatar
    Alessio Talone ottobre 08, 2015

    Salve siccome avrei bisogno del DURC e ho alcune cartelle esattoriali scadute volevo sapere se lo stato prevede un nuovo Milleproroghe per poter avere una nuova rateizzazione

    Rispondi
    • Avatar
      Michela Calculli novembre 02, 2015

      Ciao,
      per le rate scadute hai tempo fino al 21 novembre 2015 per chiedere una nuova dilazione.

      Rispondi
  4. Avatar
    Alfredo Guerrini novembre 11, 2015

    Avrei una situazione che da solo, non riesco a risolvere. Nel corso degli anni di lavoratore autonomo, incappando in società sbagliate ed altri errori, mi sono trovato un debito con Equitalia di 33.000,00 Euro che poi in realtà nel conteggio diventano circa 52.000,00. Ho provato a rateizzare una prima volta ma x 72 rate ed avendo anche un mutuo la cifra era troppo onerosa. Pensavo che potessi avere almeno la possibilità di provare a rateizzare una parte per poi piano piano riuscire con il lavoro a superare il problema. Equitalia dice niente da fare, devi rateizzare tutto anche ora con le solite 72 rate….chiaramente non ce la farò mai. Mah….mi sembra che non diano neanche la minima possibilità di recuperare. Esistano dei Fiscalisti idonei a consigliare come superare questa cosa?

    Rispondi
  5. Avatar
    laura maggio 05, 2016

    salve, mi chiamo laura ho un problema creatomi dal mio ex marito, e riuscito a farmi un debito di 1100€ con equitalia, il 4/05/16 sono andata da loro per fare una rateizzazione e ho scoperto che non possono farla poiché il mio ex marito senza dirmi nulla il 28/10/2014 e andato da loro e ha fatto una rateizzazione di 710€. non mi e possibile pagare tutta la somma ho provato ad accordarmi con un saldo e stralcio ma nulla. come devo comportarmi? come posso fare ad avere una nuova rateizzazione? posso precompilare dei bollettini postali e pagarli io mensilmente?

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*