Condono Equitalia 2017: la cartelle rottamate

La proposta di condono Equitalia 2017 è inserita nella Legge di Bilancio varata dal Governo. Un condono che andrebbe ad inserirsi nella riforma dell'ente di riscossione.

condono equitalia 2017

Condono Equitalia 2017: le nuove regole

Nuovo condono delle cartelle Equitalia in vista. Il decreto fiscale, varato a margine della Legge di Bilancio 2017, prevede un piano di smaltimento delle cartelle, quindi non un’eliminazione di un intero debito.

Ad essere condonati saranno sanzioni, interessi di mora e oneri di riscossione, come l’aggio. Il condono poi riguarderà esclusivamente i debiti erariali e previdenziali, sono dunque escluse le multe.

Il contribuente dovrà pagare esclusivamente l’importo mai pagato e gli interessi di ritardato pagamento, null’altro. Sebbene circoli l’ipotesi di definire un forfait, da individuare tra il 3 ed il 6%, che vada a remunerare comunque gli oneri di riscossione sostenuti da Equitalia.

In sostanza chi non ha pagato, ad esempio l’IRPEF, anni addietro, potrebbe versare l’imposta depurata di sanzioni e oneri come se non avesse saltato la scadenza. Una sorta di “perdono” nei confronti dei contribuenti morosi.

Il condono riguarderà le cartelle ricevute entro il 31 dicembre 2015. Si potranno chiudere anche i debiti già parzialmente pagati e i versamenti potranno avvenire sia in un’unica soluzione che a rate (per un massimo di 36 mensilità).

Condono Equitalia 2017: uno sconto fino al 50%

Secondo le simulazioni su importi reali, l’abbattimento di sanzioni e oneri di riscossione porterebbero ad un risparmio del 50%.

Lo sconto è notevole poiché le sanzioni, soprattutto sull’evasione contributiva, possono raggiungere addirittura il 200% dell’importo non versato. Si tratta dunque di un taglio importante ai debiti dei contribuenti morosi. Non dovrebbe poi esserci un tetto massimo agli importi da rottamare.

La proposta di rottamazione delle cartelle giungerà all’inizio del 2017 direttamente da parte di Equitalia, probabilmente sarà l’ultimo atto dell’ente prima della chiusura definitiva. In Parlamento però, gli emendamenti al decreto potrebbero ampliare la platea degli aventi diritto: si potrebbe allargare il condono anche a chi non ha ancora un debito conclamato, ma ha semplicemente ricevuto un avviso bonario dall’ente creditore.

Condono Equitalia 2017: la cartelle rottamateCondono Equitalia 2017: la cartelle rottamate http://bit.ly/2dsvV7W via @6sicuro

Condono Equitalia 2017: il nodo della riforma dell’ente

Il condono di fatto potrebbe andare a risolvere uno dei principali problemi della transizione da Equitalia ad Equientrate, il nuovo ente di riscossione che sarà un ramo dell’Agenzia delle Entrate, dunque meno autonomo rispetto all’attuale e, nell’idea del legislatore, più vicino ai contribuenti.

Il condono potrebbe andare a coprire l’interregno, che se non governato, porterebbe alla prescrizione di molti degli attuali debiti dei contribuenti, con grave danno per le casse dello Stato. Si stima, infatti, che questo condono porterebbe maggiori entrate fiscali per 2 miliardi di euro.

La situazione come si suol dire è “fluida”, potrebbero esserci molte novità nei prossimi giorni. Continua a seguirci per tutte le novità sul condono Equitalia 2017 nella Legge di Bilancio.

Michela Calculli

Dagli studi professionali tra Milano e Torino al blog personale, passando per un'esperienza televisiva che ha segnato la svolta. Tre grandi passioni: la scrittura, il fisco, la semplicità. Sempre in equilibrio tra famiglia e professione tra comunicazione e aggiornamento fiscale.

Commenti Facebook

3 Commenti

  1. Avatar
    francesco ottobre 23, 2016

    le vecchie cartelle della spazzatura (2000/2010),sono già prescritte o verranno rottamate? attendo risposta in merito. SALUTI

    Rispondi
  2. Avatar
    lucio giannotta ottobre 25, 2016

    Perchè dobbiamo essere sempre negativi in tutto, se l’ente viene soppresso e si da la possibilità ai contribuenti morosi di pagare in 36 rate senza tutte quelle sanzioni che arrivano ad aumentare sino al 200% il dovuto. Perchè qualche volta non dobbiamo credere che si possa fare qualcosa di buono per aiutare i contribuenti . Anche se i politici hanno fatto perdere la speranza e non sono più credibili?????

    Rispondi
  3. Avatar
    piero ottobre 30, 2016

    Piero Poso 26 ottobre 2016

    Nel 2012 l’Inps non mi ha spedito il CUD inerente la pensione mi è sfuggito di segnalarlo al consulente adesso mi è arrivato l’avviso di omissione redditi dichiarati nel 2013 per l’anno d’imposta 2012 l’agenzia delle entrate mi ha conteggiato il 15% di sanzione e a dir loro mi hanno agevolato di contro le cartelle equitalia vengono totalmente esentate da sanzioni e varie mi conviene aspettare forse che mi mandino la cartella esattoriale? boh, ma in che stato viviamo?

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*