Equitalia, novità per i consumatori e dubbi: chiuderà questa estate?

Equitalia, novità per i consumatori e dubbi: chiuderà questa estate?

Le novità di Equitalia

Equitalia è una parola che non vorremmo mai sentir nominare. La letterina bianca con le bande azzurre è una delle cose che più temiamo di ricevere a casa. Ma quali sono le ultime notizie dall’ente di riscossione? Come sta cambiando? Cosa accade di curioso o bizzarro in quegli uffici o sulle cartelle che giungono nelle case degli italiani?

Accordo con i consumatori

L’amministratore delegato di Equitalia, Benedetto Mineo, e il presidente nazionale di Adiconsum, Pietro Giordano, hanno siglato un protocollo d’intesa a livello nazionale finalizzato alla cooperazione sul territorio, in modo da rendere più semplice e rapido il rapporto con i contribuenti.
L’accordo prevede la sottoscrizione di convenzioni a livello territoriale per l’attivazione di sportelli telematici a cui gli associati potranno rivolgersi per ottenere una consulenza dedicata e la possibilità di fissare un appuntamento presso le sedi locali per risolvere le situazioni più complesse e delicate.

Il 40% dai grandi debitori

Nei primi sei mesi del 2014, sono rientrate nelle casse dello Stato tasse, imposte e sanzioni non pagate dai contribuenti per oltre 3,7 miliardi di euro. Equitalia annuncia che dalla fine del 2006 a oggi sono stati recuperati circa 59 miliardi, quasi 8 miliardi all’anno. Come si compone la popolazione dei debitori dello Stato?
Il 40% dei contribuenti in debito con il Fisco è rappresentato da chi ha debiti al di sopra dei 500.000 euro, i grandi debitori appunto. La percentuale sale a circa il 66% se si considerando i debiti superiori a 50.000 euro. Il 70% delle domande di rateizzazioni, invece, riguarda i piccoli debitori, coloro cioè che devono al Fisco meno di 5.000 euro.

475 miliardi da recuperare

Fin qui quanto riscosso da Equitalia, ma a quanto ammonta il potenziale di riscossione?
Il sottosegretario all’Economia, Enrico Zanetti, nel corso di un question time in commissione Finanze alla Camera, snocciola le cifre: 474,5 miliardi di euro, praticamente un quinto del debito pubblico italiano. Gran parte di questo importo deriva dall’evasione fiscale e il 25% dello stesso è praticamente andato perduto, poiché si tratta di debiti fiscali a carico di soggetti o società fallite.
In sostanza considerando persone fisiche, società di capitali, società di persone ed enti non commerciali, in media ogni contribuente italiano deve al Fisco quasi 12.000 euro.

Equitalia, novità e dubbi: chiuderà questa estate?
Equitalia, novità e dubbi: chiuderà questa estate? http://bit.ly/1qitxAi @6sicuro

La cartella da 7 centesimi

Per la serie cartelle pazze o quantomeno bizzarre, ecco una notizia da Pesaro: la titolare di una piccola azienda metalmeccanica ha da poco ricevuto una cartella esattoriale della cifra di 7 centesimi di euro, un Colosseo più una Mole antonelliana insomma.
L’imprenditrice racconta la sua strana vicenda al Resto del Carlino: “Ho ricevuto una lettera di Equitalia all’inizio di luglio. Ho deciso di andare allo sportello, dove mi hanno consegnato la cartella per cui mi avevano scritto ed è stato lo stesso impiegato di Equitalia a dirmi che avrei dovuto pagare immediatamente l’importo dovuto, perché altrimenti sarebbero saliti gli interessi, calcolati in quella cartella fino al giorno stesso in cui l’ho ritirata. Sul momento però non ho guardato l’importo – prosegue – ma ho deciso di andare in azienda, dove poi avrei effettuato il bonifico per il pagamento, come faccio abitualmente per i pagamenti della mia azienda”. Giunta a casa ecco la sorpresa e la beffa “Se il debito è di sette centesimi le spese di diritti e notifiche ammontano a 67 euro e 94 centesimi. Questa storia ha davvero dell’incredibile”.

La fine di Equitalia

Ad ogni modo questa potrebbe essere l‘ultima estate di Equitalia. No, non vuol dire che tutti i nostri debiti con il Fisco verranno condonati, ma che l’ente di riscossione verrà riformato e pare riassorbito all’interno dell’Agenzia delle Entrate.
Il Parlamento, infatti potrebbe approvare la proposta di legge per la riforma della riscossione contenuta all’interno della delega fiscale. La legge prevede che i compiti adesso attribuiti all’agente della riscossione passino direttamente sotto il controllo dell’Agenzia delle Entrate; a partire dal 2015 avremmo la Direzione Centrale per la Riscossione, all’interno della quale verrebbe trasferito almeno il 50% dei dipendenti di Equitalia. In termini economici, per i debitori del Fisco, significa che il famoso aggio di riscossione di Equitalia, non verrebbe più applicato e sarebbe sostituito da un interesse pari al tasso Euribor.
La riforma prevede inoltre la nascita del cosiddetto “mini-ruolo” che riguarderà le piccole somme, fino a 1.000-2.000 euro. Il nuovo esattore userà una linea più morbida sui debiti di piccola entità: non arriveranno immediatamente le cartelle come avviene oggi, ma un call center solleciterà il pagamento verbalmente, poi si passerà ad inviti bonari e solo in caso di necessità partirà la cartella e scatteranno le procedure esecutive della riscossione. Il debito continuerà ad esserci ma potrebbe generare meno ansia nei piccoli contribuenti.

Michela Calculli

Dagli studi professionali tra Milano e Torino al blog personale, passando per un'esperienza televisiva che ha segnato la svolta. Tre grandi passioni: la scrittura, il fisco, la semplicità. Sempre in equilibrio tra famiglia e professione tra comunicazione e aggiornamento fiscale.

Commenti Facebook

8 Commenti

  1. Avatar
    Carmelo Russo luglio 31, 2014

    Sono un pensionato, al fisco devo poco, ma quel poco me lo fanno pesare una tonnellata. Ecco una mia proposta: poiché ciascun contribuente ha un identificativo, non dovrebbe essere diffifficile installare per ogni comune, una o più macchinette per riscossioni. Ciascun contribuente può decidere di versare dieci o cento euro, a seconda della propria disponibilità, purché completato nel corso dell’anno di riferimento. Non ci sarebbero più le angosce, le paure che ti attanagliano e che non ti fanno dormire tranquilli. All’inizio dell’anno successivo, se non pagato o completato l’importo dovuto, tramite raccomandata, verrá invitato in ufficio, dove si dovrá chiarire la discrepanza. Potrebbe essere un errore del fisco o del contribuente, l’importante risolvere il problema. Le tasse bisogna pagarle; tutti dobbiamo pagarle. Non si può applicare l’intesa con il grosso contribuente facendogli sconti e poi rivalersi sul piccolo, facendogli pagare più tasse(interessi+penali) dell’importo pattuito. Certo, la mia, è una idea da aggiustare, ma il concetto, credo, possa essere questo.

    Rispondi
  2. Avatar
    Ignazio luglio 31, 2014

    figuriamoci che guadagno avra chi cadra nelle loro grinfie,si stanno mettendo insieme il gatto e la volpe.il problema non è che ne esistano uno ho due di enti che riscuotono le tasse.privati o no, ma chi opera all’interno di essi.e se lo fa eticamente. ma questo non è possibile perche, lo sapevate che i direttori delle agenzie e c’è ne sono alcuni che per i soldi sono spregiudicati aiutati da una legge che glielo consente possono riaprire cartelle esattoriali di persone che devono pagare ma che in precedenza avevano raggiunto accordi per il pagamento e l’importo.vi chiederete come mai.Perchè questi dirigenti vengono spostati di sede in sede appositamente, prendono una percentuale sulle cartelle esattoriali che riaprono aumentando l’importo che si doveva pagare prima dell’accordo che l’evasore aveva fatto con il precedente dirigente e stabilito da un’altra legge dalla legge.E la percentuale è sul 30 per cento quindi piu alta e la cifra e piu i dirigente incassano.fate voi le conclusioni di quanto sopra esposto sono dei ………………………………………………………………

    Rispondi
  3. Avatar
    claudio luglio 31, 2014

    se i soldi non ce lo prima faccio laspesa per mangiare .che mettano tutti li stipendi dei politici a 2000 euro poi si ragiona

    Rispondi
  4. Avatar
    alina luglio 31, 2014

    Sono veramente curiosa in che percentuale si trova quelli come mio marito che e obbligata a pagare la multa dell ex proprietario della nostra macchina!!!!!

    Rispondi
  5. Avatar
    Clemente agosto 01, 2014

    Agenzia delle Entrate e Equitalia come le percepiamo noi sono due Enti che in teoria dovrebbero garantire a tutti i cittadini di pagare il corretto tributo in tasse secondo le regole previste dalle leggi dello Stato Italiano.
    Quando per alcune ragioni ti trovi a confrontarti con loro ti accorgi che :
    La loro STRTEGIA è: Fare la guerra a piccoli imprenditori che non possono permettersi avocati importanti, per saccheggiarle con l’obiettivo di distruggerle chiedendo subito pagamenti in unica rata di cifre che non possono pagarle senza possibilità di dilazionarle secondo le loro effettive condizioni economiche del momento, lasciando spazio solo ai grossi complessi dei centri commerciali, Cooperative, Aziende multinazionali ecc. che non vanno mai a controllare o non vogliono controllare, costringendo alla chiusura una grande quantità di piccole imprese con gravi problemi per l’occupazione

    Rispondi
  6. Avatar
    antonio agosto 01, 2014

    mi fanno ridere, sanno esattamente la somma da recuperare e non sanno a chi appartiene.
    se la prendono solo per pensionati e impiegati statali che purtropo non possono evadere.
    mentre GIOIELLIERI, COMMERCIALIST, IMPRENDIDORI, AVVOCATI, NOTAI ecc. ecc. che il reditto se l’ho fanno loro dichiarono meno di un 5 livello di stipendio. 1 domanda nasce spontanea tutti questi “SPECIALISTI”, CHE PER IL LORO LAVORO HANNO LO STUDIO IN AFFITTO SPENDONO più del reditto di un 5 livello dipentente della Pubblica Ammonistrazione.

    Rispondi
  7. Avatar
    Giovanni agosto 01, 2014

    Equitalia ha fatto tanto casino e terrorizzato i cittadini, usando delle forme incomprensibili. Però i furbetti devono pagare le loro tasse, loro usano con l’ausilio dei commercialisti tutte le strategie, per pagare il minimo e se possibile non pagare proprio. Il problema che fregando lo stato fregano noi pensionati e lavoratori dipendenti, ai quali vengono spalmate le tasse, la stessa cosa avviene con le assicurazioni ecc. ecc. Lasciamo stare perchè in Italia c’è tutto da rivedere. Prendiamo per esempio: Vogliono eliminare il senato, fanno votare i senatori! che senso ha, è il popolo che dovrebbe votare. C’è da decurtare anche la camera, perchè sono in troppi i papponi. Salve.

    Rispondi
  8. Avatar
    voltonascosto2008 settembre 18, 2014

    ho avuto problemi seri di salute, ho lavorato poco e male. come si fa a tenerne conto?

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*