Bonus cultura: finalmente i 500 euro per i 18enni

Al via, dopo una lunga attesa, il bonus cultura per i neo 18enni: 500 euro da spendere in libri, concerti, mostre e spettacoli. Il credito sarà gestito tramite l'applicazione 18App.

bonus coltura

Bonus cultura: è quasi certo il debutto a settembre

Ci siamo, oggi debutta ufficialmente il tanto atteso bonus cultura. il credito di 500 euro offerto dal governo ai neo 18enni. La data di lancio era stata fissata al 15 settembre: quel giorno sarebbe iniziata la distribuzione del credito bonus e e sarebbe stata lanciata “18App”, l’applicazione che permette di monitorare gli acquisti fatti e il credito residuo. Ma i tempi tecnici e burocratici hanno prodotto delle lungaggini e il tutto è stato rinviato a oggi, 3 novembre.

L’app, scaricabile dai principali store digitali o dal sito internet dedicato, è lo strumento attraverso il quale gestire gli acquisti e consultare il saldo del bonus. Il provvedimento, annunciato con il DL Scuola, sarà rinnovato ogni anno e premierà i ragazzi in occasione del loro 18° compleanno.

 Bonus cultura: finalmente i 500 euro per i 18enniBonus cultura: finalmente i 500 euro per i 18enni http://bit.ly/2bPZcu5 via @6sicuro

Bonus cultura: per cosa può essere speso

Il cosiddetto bonus cultura è a disposizione di tutti i ragazzi che compiono 18 anni nel 2016. Oltre ai ragazzi italiani, sono ammessi all’incentivo anche i ragazzi stranieri residenti in Italia e in possesso del permesso di soggiorno.

Il credito sarà disponibile a partire dal giorno del compimento del 18° anno e potrà essere speso entro un anno, fino alla fine del 2017. Il bonus di 500 euro offerto dal governo può essere usato per l’acquisto di:

  • libri, scolastici o extrascolastici;
  • biglietti per il cinema;
  • biglietti di ingresso ai musei e alle aree archeologiche;
  • biglietti per assistere a spettacoli teatrali;
  • biglietti per assistere a concerti;
  • biglietti di ingresso per i parchi naturali.

Importante: il bonus potrà sì essere speso liberamente dai ragazzi, ma solo per quegli spettacoli e per quelle attività convenzionate con il progetto.

L’obiettivo dell’iniziativa del Governo è quello di incentivare i ragazzi a consumare cultura, scoprendo tematiche e realtà che possono appassionarli, al di là di quanto non venga loro insegnato nel contesto scolastico. L’intervento vuole anche sostenere i consumi delle famiglie a più basso reddito, per le quali risulta spesso difficile ritagliare un budget da destinare all’acquisto di prodotti culturali.

Per l’accesso al sistema è richiesto l’uso del PIN associato al Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID). Il Sistema in futuro dovrebbe rappresentare lo standard d’accesso a tutti i servizi pubblici online. Digitando il nome utente e la password associati al proprio account si ha accesso all’insieme dei servizi pubblici a disposizione. Accedendo all’app si entra in una sorta di marketplace nel quale si può consultare l’elenco delle iniziative accessibili e si può iniziare a spendere il proprio bonus. Ogni acquisto nel marketplace genera un voucher che può essere speso in uno store digitale o in un punto vendita fisico.

In totale, nel 2016 il bonus cultura assegnerà un credito di 500 euro a oltre mezzo milione di neo 18enni. L’investimento da parte dello Stato per l’anno in corso è pari a 290 milioni.

Bonus cultura: confermato per il 2017

La Legge di Bilancio 2017, varata nello scorso mese di ottobre, ha confermato il bonus cultura anche per i ragazzi classe 1999, che compiranno dunque 18 anni nel 2017. A copertura di questo prolungamento, sono stati stanziati ulteriori fondi pari a 270 milioni di euro.

Michela Calculli

Dagli studi professionali tra Milano e Torino al blog personale, passando per un'esperienza televisiva che ha segnato la svolta. Tre grandi passioni: la scrittura, il fisco, la semplicità. Sempre in equilibrio tra famiglia e professione tra comunicazione e aggiornamento fiscale.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*