APE social: ecco l’anticipo pensionistico gratuito – novità pensioni

Ecco i requisiti per l’accesso all’APE social, la versione gratuita dell’anticipo pensionistico. È possibile richiederlo anche se si guadagna più della soglia limite, scopri come.

ape social

APE social: i requisiti per l’accesso

Uno dei pilastri della riforma delle pensioni in fase di approvazione è il cosiddetto APE social, la versione dell’anticipo pensionistico prevista per alcune categorie svantaggiate di lavoratori. A differenza dell’APE volontaria, nell’APE social si può andare in pensione fino a 3 anni e 7 mesi prima del termine previsto dalla legge, senza dover restituire il denaro riscosso nel periodo di uscita anticipata dal lavoro. Sarà infatti lo Stato a farsi carico del rimborso.

La legge di Bilancio presentata dal Governo fissa i requisiti per l’accesso all’APE social, sgombrando il campo dai dubbi della vigilia. In particolare, erano due i punti sui quali ci si aspettava chiarezza: le categorie che avranno il diritto di richiedere l’anticipo pensionistico gratuito e i requisiti di reddito da rispettare.

A poter richiedere l’anticipo pensionistico social sono due macrocategorie di lavoratori:

  • chi ha svolto lavori considerati gravosi: impiegati nel settore edile, insegnanti della scuola dell’infanzia, infermieri, macchinisti, facchini, scavatori, autisti di mezzi pesanti e marittimi;
  • chi si trova in una situazione svantaggiata: disoccupati di lungo corso, disabili, invalidi e persone che assistono un familiare disabile di 1° grado.

Il Governo ha fissato un reddito limite di 1.500 euro lordi per individuare le persone che possono andare in pensione a 63 anni senza alcun costo. Mentre il limite reddituale è uguale per tutti gli interessati all’APE social, è diverso il requisito legato agli anni contributivi.

Chi rientra nella categoria dei lavoratori con mansioni gravose può accedere all’APE social solo se ha già maturato almeno 36 anni di contributi; per chi è disoccupato, invalido, disabile o assiste un familiare disabile è sufficiente avere 30 anni di contributi.

APE social: ecco l'anticipo pensionistico gratuitoAPE social: ecco l’anticipo pensionistico gratuito http://bit.ly/2eQOC9u via @6sicuro

APE social: trattenute minime per chi supera il limite di reddito

Che succede se si rientra in una delle categorie individuate dal Governo e si rispetta il numero di anni contributivi ma si ha un reddito maggiore rispetto alla soglia limite di 1.500 euro lordi al mese? Succede che si può comunque accedere all’APE social, con una piccola trattenuta calcolata in base alla quota di reddito superiore al limite.

Chi ha maturato una pensione superiore a 1.500 lordi al mese può quindi uscire comunque subito dal mercato del lavoro e andare in pensione in anticipo. Quando arriverà a 66 anni e 7 mesi e scatterà dunque la pensione vera e propria, l’assegno mensile sarà leggermente ridotto per poter rimborsare parte del prestito pensionistico ricevuto. Se per l’APE volontaria la percentuale trattenuta oscilla attorno al 4,5% per ogni anno di anticipo, nell’APE social l’incidenza della rata sarà di molto inferiore.

Luana Galanti

Ho una laurea specialistica in Consulenza e direzione aziendale e, da sempre, un legame indissolubile con le parole scritte. Le mie due anime – quella creativa e quella pragmatica – si confondono nel mio lavoro di web writer e business writer freelance.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*