Drone: cos’è, modelli e prezzi per acquistare in sicurezza

Impazza sempre di più la moda dei droni: in questo articolo troverai tutto ciò che c’è da sapere sull'argomento, cos'è un drone, a cosa serve, se richiede permessi di volo e quanto costano i migliori modelli.

drone

Cos’è un drone?

Partiamo dalle definizioni: quello che (in modo improprio) chiamiamo drone è un aeromobile a pilotaggio remoto. Ciò vuol dire che si tratta di un velivolo in grado di librarsi in aria, ma che non necessita di pilota a bordo.

Per manovrare un drone si ricorre a sistemi di controllo remoto: un telecomando dedicato permette al pilota di avere un controllo completo sul drone, e di guardare la visuale dinanzi al velivolo attraverso apposita videocamera. Oggi come oggi, infatti, i droni vengono utilizzati soprattutto per riprese aeree, potendo contare su una videocamera integrata di alta risoluzione: un drone registra video ad alta definizione.

Infatti, in principio i droni venivano sfruttati per scopi militari, ma anche come ausilio durante le ricerche di dispersi in seguito a calamità naturali, ma oggi come oggi viene ampiamente sfruttato per le riprese aeree.

Com’è fatto un drone

Con alte probabilità hai avuto modo di imbatterti in un drone durante eventi particolari all’aperto, a un matrimonio dalla location particolare, oppure mentre un appassionato provava il suo gioiellino. Se non hai mai avuto la possibilità di vederne uno da vicino, devi sapere che un drone è un quadricottero, ovvero una struttura a quattro eliche, chiamate rotori, in grado di levarsi in aria e restare sospeso un po’ come un elicottero. Al di sotto del dispositivo, quattro piedini svolgono una funzione di appoggio nelle operazioni di atterraggio oppure, a seconda del modello, si possono trovare delle varianti adatte a planare sull’acqua.

I droni degni di questo nome sono leggeri, ma solidi e ben strutturati, e possono essere smontati per essere trasportati in giro, dal momento che spesso i dronisti si cimentano in spettacolari riprese aeree raggiungendo cime difficili e meravigliose.

Tenere il tutto in una pratica custodia aiuta negli spostamenti dell’attrezzatura, che può essere dotata di un telecomando con supporto per inserire lo smartphone, sfruttato come display per visionare la zona ripresa dal drone. In questo modo puoi usare un drone con iPhone, iPad o dispositivo Android compatibile.

Cosa sapere per pilotare un drone

Non tutti, però, sanno che un drone è considerato a tutti gli effetti un aeromobile, e in quanto tale è soggetto alle regolamentazioni dell’ENAC, cioè dell’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile. Per questo motivo, anche se i droni radiocomandati vengono guidati a distanza, bisogna rispettare delle regole ben precise:

  1. L’aeromobile deve essere regolarmente immatricolato, con iscrizione al registro aeronautico nazionale;
  2. Deve aver ottenuto il certificato di navigabilità;
  3. Deve presentare tutti i permessi di volo in regola.

Tutti questi accorgimenti sono necessari per regolare il traffico aereo dei droni, per essere certi che i velivoli che si spostano sopra le nostre teste siano sicuri e non rischino di creare danni involontari a cose o persone.

Comprare un drone: sì o no?

Perché dovresti comprare un drone?

  1. Se hai bisogno delle riprese aeree per lavoro;
  2. Se fai parte di un ente al quale potrebbe fare davvero comodo un dispositivo in grado di analizzare il territorio dall’alto;
  3. Se sei un appassionato che ha voglia di provare l’ebbrezza del volo radiocomandato, e quindi non puoi che iniziare dall’acquisto di un drone.

Esistono svariate fasce di prezzo dedicate ai droni, ognuna delle quali corrisponde a caratteristiche più o meno di qualità del prodotto finale. Puoi trovare droni con prezzi a partire da circa 30 euro, che si rivelano essere poco più che giocattoli, ma che potrebbero darti la possibilità di prendere confidenza con i radiocomandi, e di farti abituare alle manovre aeree.

A quel punto, potrai passare a una fascia intermedia di qualche centinaio di euro, con la certezza, però, di non sfasciare il drone con una manovra maldestra. Infine, la fascia più alta dei droni rispecchia un uso professionale, e può raggiungere e superare anche i mille euro. Scopriamo subito i migliori droni tra i più richiesti ed apprezzati del momento.

Drone: cos'è, prezzi e modelli per acquistare in sicurezzaDrone: cos’è, modelli e prezzi per acquistare in sicurezza http://bit.ly/2abI8z8 via @6sicuro

I 5 migliori droni

Nella seguente classifica sono stati raccolti alcuni dei modelli più diffusi e richiesti dai dronisti appassionati, sia per qualità tecniche che per ottimo rapporto qualità-prezzo, ognuno con caratteristiche proprie e vantaggi differenti. Puoi trovare alcuni di questi droni su Amazon, per valutarne in modo più approfondito caratteristiche ed esperienze d’uso, e acquistare su un sito sicuro e preciso come quello del noto e-commerce.

Parrot Bebop 2

Parrot Bebop 2

Uno dei più amati droni Parrot è senza dubbio il Bebop 2, che si presenta leggero con i suoi soli 500 grammi, e con una buona autonomia di circa 25 minuti in volo, grazie alla batteria di 2700 mAh.
Questo drone è dotato di una videocamera con sensore da 14 megapixel e una risoluzione video da 1080p, con Fish eye integrato per aumentare l’ampiezza delle riprese panoramiche.
Le sue otto eliche sono sicure e dotate di un sistema che riesce a bloccarle non appena incontrano un ostacolo, per evitare sia di danneggiare oggetti o persone poco accorte, che di rovinare le eliche stesse.

DJI Phantom 4

DJI Phantom 4

Al secondo posto un altro drone tra i più gettonati, ma destinato ad uso professionale: DJI Phantom 4 è in grado di evitare autonomamente eventuali ostacoli incontrati lungo il volo, soprattutto se si tratta di persone, grazie al riconoscimento delle stesse.

Con i suoi 28 minuti di autonomia, DJI Phantom 4 è in grado di effettuare riprese con risoluzione 4K grazie ad un sensore fotografico di 12 megapixel, e può raggiungere una velocità complessiva di 72 chilometri orari.

Parrot AR

Parrot AR

Ancora un drone dell’azienda francese, progettato per essere comandato a distanza con dispositivi che girano con sistema operativo Android oppure iOS. È uno dei droni più diffusi grazie alla sua leggerezza, qualità che lo rende facile da manovrare ma allo stesso tempo stabile abbastanza da non creare troppe difficoltà durante la guida.

Parrot AR è dotato di una videocamera con movimento da 93° e capace di effettuare riprese ad alta definizione con risoluzione 720p.

Blade 350 QX3

Blade 350 QX3

Ancora un drone che permette di visionare le riprese effettuate dall’alto direttamente dallo smartphone, con capacità di creazione della no fly zone nei pressi di persone, e sensore della videocamera con 16 megapixel e risoluzione 1080p.

L’autonomia si attesta intorno ai 15 minuti, non molti per intraprendere lunghi voli, ma sufficienti per divertirsi con un dispositivo in grado di volare.

Xiaomi Mi Drone

Xiaomi Mi Drone

Chiude la lista il dispositivo di un brand tanto amato negli ultimi tempi quanto in grado di soddisfare diverse esigenze del settore tecnologico: Xiaomi Mi Drone è il drone patrocinato da Xiaomi, ma prodotto da una giovane azienda del ramo.

Si tratta di un aeromobile interessante capace di effettuare il percorso di volo a ritroso quando si perde il contatto con il controllo remoto, o quando le batterie stanno per esaurirsi, e con la sua videocamera 4K rotante garantisce riprese aeree degne di nota, visionabili in tempo reale dallo smartphone.

Una struttura in carbonio caratterizza il drone dell’azienda cinese, che sembra possa percorrere in volo una distanza di circa 3 chilometri, mentre il punto forte resta ancora una volta il prezzo.

Acquistare un drone conoscendo i prezzi

In base alle caratteristiche del modello del drone i prezzi possono aumentare o diminuire, nel caso specifico dei modelli menzionati i costi sono:

  • Parrot Bebop 2 a 799,90 euro;
  • DJI Phantom 4 a 1.599 euro;
  • Parrot AR a 249 euro;
  • Blade 350 QX3 a partire da 490 euro su eBay;
  • Xiaomi Mi Drone a circa 420 euro.

E tu hai già scelto il tuo prossimo drone?

Maria Grazia Tecchia

Web content editor e blogger con due grandi passioni: la scrittura e la tecnologia. Mi occupo di comunicazione online, e per questo passo gran parte del mio tempo a leggere, scrivere, studiare le affascinanti dinamiche del web in evoluzione, e ascoltare (buona) musica.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*