Come creare una brochure di successo

Consigli per promuovere un prodotto tramite la brochure aziendale, efficace strumento di comunicazione capace di intrattenere e informare.

brochure

Se ancora non sai come realizzare una brochure che conquisti, emozioni e attiri l’attenzione di chi si troverà a sfogliarla, ti saranno certamente utili i consigli che ti darò in questo articolo.

La brochure, spesso confusa con il depliant o il volantino, è uno stampato composto da una serie di pagine informative, rilegate tra loro e inserite all’interno di una copertina generalmente più spessa dei singoli fogli, con lo scopo di promuovere un prodotto, un evento o un’iniziativa commerciale.

Tieni presente che non può contenere molte pagine, deve avere dimensioni e spessore moderati per poter essere portata agevolmente e rendere facile la consultazione.

Vuoi conquistare il cliente e fare in modo che si ricordi di te? Sia che tu possieda un’impresa già consolidata o abbia in progetto di aprire un negozio, consegna una brochure aziendale ben fatta, ti permetterà di raggiungere in pieno l’obiettivo promozionale prefissato.

Pensa a un potenziale acquirente che, una volta fatto il giro di diversi venditori oltre a te, non abbia materiale informativo tra le mani. È probabile che alla fine del suo percorso la confusione sia tanta e il ricordo degli articoli visionati vago.

E allora: come realizzare la tua brochure? Essendo una via di mezzo tra catalogo e volantino, devi iniziare a preparare l’elenco delle informazioni principali che vuoi dare, che sia comunque completo ed esaustivo, con la funzione di un vero e proprio “promemoria”, un piccolo vademecum atto ad accompagnare il cliente mentre, una volta solo e lontano dal venditore, riflette sull’eventuale acquisto da effettuare.

Uno strumento di comunicazione immancabile dunque, per tutti coloro che hanno bisogno di promuovere i propri prodotti in modo semplice ma tenendo alta l’attenzione del cliente, il quale avrà, concentrate in poche pagine, tutte le informazioni di cui necessita per decidere e valutare con calma i prodotti da comprare.

pressup

Come si scrive una brochure

Come si scrive una brochure che cattura? Abbiamo già detto che il numero di pagine a disposizione per lo stampato che stiamo andando a realizzare è limitato, vediamo adesso come orientarsi relativamente a due aspetti: contenuti e formato.

Per prima cosa individua il target di riferimento a cui intendi rivolgerti, cercando di capire chi è l’utente finale al quale sono destinati i servizi o i prodotti che stai andando a promuovere, in base a questo potrai decidere se tenere uno stile più leggero e giocoso o invece adottare un tono più pacato ed elegante.

Crea il sommario, senza dilungarti troppo su concetti non pertinenti a ciò che andrai a pubblicizzare. Devi andare dritto al punto, esponendo contenuti chiari e concisi che sappiano valorizzare al meglio quello che stai sponsorizzando.

Ricorda che chi legge non deve concentrarsi su chi sei, ma sull’offerta proposta, inserisci perciò solo le informazioni necessarie a descrivere ciò che stai vendendo, lasciando spazio a immagini e fotografie che lo raffigurino in modo perfetto e con una grafica professionale.

A questo punto dovrai scegliere con attenzione le immagini da stampare, mantenendo una linea sempre coerente con logo e colori di tutti gli altri strumenti promozionali in tuo possesso, quali biglietti da visita, carta intestata, flyer e volantini, sito internet.

Non dimenticare di inserire tutti i contatti necessari a farti trovare, indica città, via, numero telefonico, sito web, indirizzo di posta elettronica.

Un occhio di riguardo andrà riservato al formato della brochure da realizzare, numerosi sono i tipi disponibili sul mercato e la scelta davvero ampia. Considera però delle semplici regole: non scegliere formati eccessivamente piccoli, magari con l’intento di risparmiare, otterrai in questo modo delle pagine troppo cariche di informazioni e poco chiare. Così come sarebbe perfettamente inutile ricorrere a formati particolarmente ampi, se il contenuto da inserire non è molto esteso.

Meglio scegliere la dimensione giusta unicamente in funzione alle effettive necessità di spazio, alla grandezza e quantità delle immagini da stampare. Formati A4, A5 e A6, utilizzati con le opportune piegature delle pagine sono da preferire, ti sconsiglio di prendere in considerazione gli altri formati per la creazione di brochure.

Come creare una brochure di successoCome creare una brochure di successo http://bit.ly/2rRtMfB via @6sicuro

Brochure: esempi

Il segreto per creare brochure di successo è racchiuso prevalentemente nella capacità di saper invogliare il cliente all’acquisto, fornendogli il materiale promozionale giusto da consultare una volta che egli si troverà lontano dal tuo negozio, o magari a dover comparare i tuoi prodotti con altri simili.

Concentrati dunque, oltre che sui contenuti, sulla qualità di stampa, che dovrà essere eccellente e realizzata a regola d’arte. Raggiungere lo scopo promozionale prefissato è possibile e davvero alla portata di tutti, grazie ai moderni ed efficaci servizi di stampa online professionale.

Ecco alcuni esempi di brochure:

Brochure per albergo

È uno dei tipi di brochure più conosciuti, chiunque di noi si sarà trovato almeno una volta a sfogliarne una. Serve per far conoscere il tuo hotel, elencarne i principali pregi e descriverlo con foto di interni ed esterni che lo valorizzino al meglio. Può esserti di grande aiuto nel caso in cui il tuo obiettivo sia quello di aprire un bed and breakfast

È importante inserire una frase che spieghi al cliente perché prenotare proprio presso questa struttura e i vantaggi che offre in più rispetto agli altri, sottolineandone i punti di forza.

Brochure di viaggio

Nessuna agenzia di viaggi può farne a meno, in quanto viaggiare è una passione che accomuna tantissime persone in tutto il mondo. Se fatta bene ha il potere di far sognare destinazioni meravigliose, il suo punto di forza sono senza dubbio le immagini, che devono essere stampate con una grafica perfetta, al fine di attirare l’occhio del potenziale cliente.

Non devono mancare dei testi invitanti, che spieghino in poche righe le caratteristiche del luogo rappresentato e i motivi per cui sarebbe davvero un peccato non visitarlo.

Brochure per ristoranti

Un buon ristoratore conosce il potenziale che può avere il materiale pubblicitario cartaceo, specialmente allo scopo di farsi conoscere a livello locale. Una nuova apertura, un cambio di gestione, l’inaugurazione di un nuovissimo home restaurant , una serata particolare possono essere tra i principali motivi per cui può rivelarsi necessario stampare delle brochure accattivanti, che attirino clienti all’interno del proprio locale.

In questo genere di stampato è consigliato inserire, oltre a immagini di piatti appetitosi, i prezzi e gli eventuali giorni della settimana in cui vengono applicati, senza dimenticare di scrivere indirizzo, contatti e orari di apertura.

Brochure per mostre

Devi pubblicizzare una mostra, un’esposizione fotografica, di quadri o oggetti da collezione? Realizza foto meravigliose per dare un piccolo assaggio di cosa esporrai e stuzzicare la curiosità dei tuoi potenziali visitatori, specifica le date e gli orari di accesso al pubblico, senza dimenticare di inserire qualche riga che spieghi perché sarà davvero interessante e istruttivo venire a vedere la tua mostra.

Brochure per convegni

Create per attirare più iscritti possibili a corsi, convegni, eventi o manifestazioni. Devono contenere informazioni utili su: organizzazione, relatori, luogo e città di svolgimento ed eventuali indicazioni per raggiungerlo, target dei partecipanti a cui è rivolto l’invito, argomenti trattati durante il meeting e suoi sponsor. Non dimenticare di scrivere la data, completa di orari di inizio, fine e pause tra i vari momenti di apprendimento.

Queste sono solo alcune possibilità di personalizzazione, finalizzate ad aiutarti a realizzare la brochure di presentazione perfetta per le tue esigenze. Ci sono, oltre all’ampia scelta di utilizzi e formati, vari tipi di rilegatura, da decidere in base al numero di pagine desiderate e in parte all’aspetto estetico che si vuole ottenere. I più conosciuti e utilizzati sono:

  • Punto Metallico, l’esempio di brochure più semplice e tradizionale, si realizza tramite l’accoppiamento della sequenza delle pagine stampate, che vengono poste una sopra l’altra e fermate tra loro sul dorso con due punti metallici, o graffette. È consigliato in particolar modo per volumi leggeri e sottili e ha una buonissima resa estetica, perfetto quindi per il nostro scopo.
  • Brossura, in questa caso le pagine stampate vengono ancorate perfettamente tra loro e alla copertina, per mezzo di una speciale colla in poliuretano. Una soluzione con un ottimo rapporto qualità-prezzo, che offre praticità unita a una vasta scelta di materiali.
  • Filo Refe, ottenuta dalla cucitura delle pagine tra loro con un apposito filo, sistema che riesce a regalare al tuo stampato maggiori durevolezza e resistenza nel tempo. Questo metodo viene usato prevalentemente per volumi più consistenti, come ad esempio i cataloghi.
  • Spirale Metallica, un sistema di rilegatura semplice dal quale deriva però un effetto estetico elegante. Le pagine informative sono tenute insieme, come dice il nome, da una spirale metallica che le attraversa lungo tutto un lato.

Sono sicura che tra i modelli descritti hai già individuato quello che fa al caso tuo. Sei pronto a creare brochure pubblicitarie in grado di catturare l’attenzione del cliente?

Attieniti a semplici regole, lascia libera la creatività e inizia subito a stampare online, ti stupirai di come ottenere risultati eccellenti sia davvero facile e veloce.

Giulia Bezzi

La SEO non è noia, ma l'arte di farsi trovare su Google. Conquistare il tuo cliente è il mio cavallo di battaglia, posizionamento organico e contenuti le mie passioni. Speaker ed insegnante con l'obiettivo di diffondere sana cultura digitale.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*