Taglio IRES confermato per il 2017

Buone notizie per le imprese. Ormai il taglio IRES dal 27,5% al 24% è cosa certa. L'aggiornamento del DEF contiene anche il congelamento dell'IVA e il regime di tassazione per cassa.

taglio ires

Taglio IRES: passerà al 24%

Il Governo ha emanato la nota di aggiornamento al DEF, documento economico e finanziario, indicando le linee guida economico-finanziarie per il 2017.

La nota è il primo passo dell’iter che porterà alla Legge di Bilancio 2017, il nuovo nome di quella che conosciamo come Legge di Stabilità, che verrà presentata entro il 20 ottobre 2016.

Il Ministro dell’Economia, Padoan, nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’aggiornamento, ha confermato in via definitiva il taglio IRES (imposta sui redditi delle società), con una riduzione dell’aliquota che passerà dal 27,5% al 24%. A differenza delle altre misure fiscali annunciate per la Legge di Bilancio, questo provvedimento è già stato finanziato e dunque non subirà modifiche. Gli utili delle società vedranno dunque una riduzione sostanziale della pressione fiscale.

Taglio IRES: confermato per il 2017Taglio IRES: confermato per il 2017 http://bit.ly/2dmyRpC via @6sicuro

Congelato l’aumento IVA

La nota di aggiornamento al DEF contiene ulteriori novità per i privati cittadini, ma soprattutto per chi esercita attività d’impresa o professionale:

  • congelato il tanto temuto aumento delle aliquote IVA, che da un paio d’anni è legato a doppio filo agli obiettivi di recupero dell’evasione fiscale (sono state individuate delle compensazioni attraverso l’aumento del deficit e alcune misure strutturali, ma ne sapremo di più con la Legge di Bilancio);
  • varato il regime di tassazione per cassa per le aziende in contabilità semplificata, quelle cioè che fatturano fino a 400mila euro per i servizi e fino a 700 mila per i beni; pagare le tasse per cassa significa non dover subire l’imposizione fiscale su fatture emesse ma non ancora incassate, con notevoli benefici per la situazione finanziaria aziendale;
  • innalzamento di 10 mila euro delle soglie per essere considerati contribuenti minimi con il diritto di accesso al regime forfettario; ad oggi tali soglie vanno da 15 mila a 40 mila euro a seconda dell’attività svolta.

Prende dunque ufficialmente il via l’iter della Legge di Bilancio, continua a seguirci per conoscere tutte le novità che riguarderanno il 2017.

Michela Calculli

Dagli studi professionali tra Milano e Torino al blog personale, passando per un'esperienza televisiva che ha segnato la svolta. Tre grandi passioni: la scrittura, il fisco, la semplicità. Sempre in equilibrio tra famiglia e professione tra comunicazione e aggiornamento fiscale.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*