Nuovo ISEE: funziona la lotta agli evasori

Il Governo diffonde i dati relativi al nuovo ISEE. Crolla la percentuale di italiani che dichiarano di non avere un conto corrente, si è passati dall'80 al 14%.

nuovo isee

Nuovo ISEE: i dati del Governo

Sono molte le modifiche intervenute negli ultimi anni (soprattutto negli ultimi due) sul modello ISEE, indicatore di situazione economica equivalente. Un tempo, ad esempio, fornire un’autocertificazione circa la presenza o meno di un conto corrente e del suo eventuale saldo al 31 di dicembre dell’anno a cui l’ISEE si riferiva.

Era risaputo che fosse in uso, ad esempio, la pratica di svuotare i conti correnti a fine anno in vista della preparazione del modello ISEE, in modo da avere un indicazione più bassa. Oggi non è più così:

  • viene richiesto il dato relativo al saldo, ma anche quello che riguarda la giacenza media sul conto nel corso dell’anno;
  • l’ISEE non viene prodotto direttamente dai CAF ma è necessario che i dati forniti passino al vaglio dell’INPS che li incrocia con i dati dell’anagrafe tributaria, che come sappiamo accede ai nostri conti correnti.

Proprio in quest’ottica il ministro Poletti parla di un ISEE “più equo e più veritiero”, che lascia dunque meno spazio ai cosiddetti “furbetti”. Infatti i soggetti che dichiarano di non avere un conto in banca sono calati dall’80 al 14%. Crolla anche la percentuale di chi dichiara di non possedere immobili, passando dal 70 al 14%.

Nuovo ISEE: funziona la lotta agli evasoriNuovo ISEE: funziona la lotta agli evasori http://bit.ly/2dGIFv2 via @6sicuro

Nuovo ISEE: il parere del Forum famiglie

Il Forum nazionale delle famiglie, non condivide il parere del ministro Poletti. Di seguito le dichiarazioni di Gigi De Paolo, presidente del Forum:

“È probabile che sia più efficace nella lotta all’’vasione fiscale – commenta – ma siamo proprio così sicuri che sia anche più equo?”

Secondo il forum infatti, il nuovo ISEE mostra molteplici difetti:

  • sottovaluterebbe i carichi famigliari;
  • la scala di equivalenza non terrebbe conto dell’impatto dei costi relativi ai figli al crescere del loro numero;
  • penalizzerebbe le famiglie con presenza di minori, disabili, monogenitoriali ecc.

Continua a seguirci per conoscere in tempo reale l’evoluzione di questo importante indicatore.

Michela Calculli

Dagli studi professionali tra Milano e Torino al blog personale, passando per un'esperienza televisiva che ha segnato la svolta. Tre grandi passioni: la scrittura, il fisco, la semplicità. Sempre in equilibrio tra famiglia e professione tra comunicazione e aggiornamento fiscale.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*