Anomalie negli studi di settore: il Fisco invia 147.000 lettere

Va avanti l'operazione compliance dell'Agenzia delle entrate. A disposizione le informazioni relative alle anomalie riscontrate nel triennio 2013-2015 per oltre 147 mila contribuenti.

Anomalie negli studi di settore

È in corso da qualche giorno la campagna informativa 2017 dell’Agenzia delle Entrate per evitare i controlli fiscali legati alle anomalie registrate negli studi di settore. Il Fisco ha inviato 147.000 lettere ad altrettante imprese per comunicare le anomalie e per invitarle a rettificare spontaneamente gli errori nelle dichiarazioni, evitando così un accertamento.

Anomalie negli studi di settore nel periodo 2013-2015

A ricevere le lettere di compliance saranno i contribuenti per i quali l’Agenzia delle Entrate ha rilevato delle anomalie nei redditi dichiarati nel periodo compreso tra il 2013 e il 2015.

Come accade nel caso delle lettere di compliance inviate ai cittadini per i redditi non dichiarati, i contribuenti che ricevono la comunicazione da parte dell’Agenzia ritroveranno nel proprio cassetto fiscale tutte le informazioni riguardanti le anomalie riscontrate e le istruzioni per provvedere alla rettifica della propria dichiarazione. Se l’anomalia rilevata dall’Agenzia delle Entrate ha una giustificazione bisognerà motivarla senza dover ovviamente modificare la dichiarazione presentata.

Oltre a poter consultare le comunicazioni del Fisco tramite il cassetto fiscale, i contribuenti che hanno abilitato il servizio riceveranno un avviso anche via SMS ed email.

Anomalie negli studi di settore: il Fisco invia 147.000 lettereAnomalie negli studi di settore: il Fisco invia 147.000 lettere http://bit.ly/2r8rf1E via @6sicuro

Online i modelli da usare per comunicare le anomalie all’Agenzia delle Entrate

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate, nell’area dedicata agli studi di settore, sono presenti i modelli da usare per comunicare le anomalie. In totale sono 70 i possibili casi di anomalia tra quanto dichiarato e i dati riferiti agli studi di settore, 8 casi in più rispetto a quelli individuati lo scorso anno. I casi si riferiscono all’attività d’impresa (58 tipi), all’attività professionale (6 tipi) e a entrambi i tipi di attività (6 tipi).

Le lettere di compliance inviate dall’Agenzia delle Entrate servono a comunicare delle incongruenze tra le caratteristiche dell’attività e lo studio di settore effettivamente presentato. Gli studi di settore stanno per essere superati una volta per tutte, ma prima di accogliere i nuovi indici di affidabilità, bisogna fare i conti con i controlli del Fisco e gestire le richieste di compliance.

Luana Galanti

Ho una laurea specialistica in Consulenza e direzione aziendale e, da sempre, un legame indissolubile con le parole scritte. Le mie due anime – quella creativa e quella pragmatica – si confondono nel mio lavoro di web writer e business writer freelance.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*