Assicurazione auto gratuita: quando è possibile

La case automobilistiche propongono inclusi nel prezzo del veicolo svariati optional, tra questi anche l'assicurazione auto gratuita. Vediamo i dettagli.

assicurazione auto gratuita

Una pratica promozionale che le case automobilistiche adottano sempre più di frequente è quella di includere nel prezzo del veicolo anche l’assicurazione auto. L’idea di ottenere fino a un anno, e in certi casi anche più, di assicurazione auto gratuita rappresenta un’ottima leva di vendita per i marchi e un’interessante opportunità per i clienti. Ma qualche problema è sorto quando, al termine del periodo assicurativo in omaggio, alcuni automobilisti hanno perso i benefici della classe di merito ottenuti prima di acquistare il veicolo.

Assicurazione auto gratuita: libro matricola e con franchigia

Sono due i tipi di polizze offerte nelle varie promozioni da parte delle case automobilistiche in accordo con le compagnie assicurative:

  • assicurazione auto a libro matricola;
  • assicurazione auto con franchigia.

Nel caso di assicurazione a libro matricola la polizza non è intestata al guidatore ma si riferisce ad un intero parco mezzi. Può essere una soluzione comoda quando un’azienda possiede diversi veicoli, questi avranno una data di scadenza assicurativa unica. Le tariffe sono inoltre piuttosto vantaggiose.

L’assicurazione auto con franchigia prevede che una parte del danno causato dall’assicurato sia risarcito dall’assicurato stesso. Con polizze con franchigia “assoluta” l’assicurato paga quando l’ammontare del danno è di importo inferiore rispetto alla soglia minima indicata. Con franchigia “relativa” l’assicurato paga se il danno è sotto tale soglia, mentre al di sopra paga l’Assicurazione.

Assicurazione auto gratuita: interviene l’IVASS

Tuttavia l’Istituto di vigilanza fra le Imprese Assicurative (IVASS) è intervenuto sulla questione risolvendo le controversie. Le compagnie assicurative devono dunque rispettare quando indicato dall’IVASS:

  • nei casi di formula a franchigia, gli assicurati avranno diritto a ricevere alla scadenza un attestato di rischio dalla compagni che ha erogato il contratto. Sull’attestato sarà riportata la CU (classe di merito universale) che il cliente aveva prima di sottoscrivere l’offerta e lo storico dei sinistri provocati negli ultimi cinque anni, incluso il periodo di assicurazione auto gratuito. Nel caso in cui la polizza in omaggio con il veicolo si riferisca a un periodo inferiore all’anno, la compagnia dovrà comunque rilasciare una dichiarazione sostitutiva equivalente;
  • ciò vale anche per coloro che decideranno di assicurarsi presso un’altra compagnia con formula Bonus-Malus. Sarà però necessario considerare gli eventuali sinistri causati dal sottoscrittore dell’assicurazione auto nel periodo in omaggio per determinare la nuova classe;
  • in caso si tratti di prima assicurazione per il sottoscrittore, questi potrà usufruire del Decreto Bersani. L’impresa dovrà riconoscergli la classe di merito universale maturata su un veicolo di proprietà del nucleo familiare. Se nel periodo in omaggio l’intestatario si dovesse rendere responsabile di un incidente e la compagnia dovesse occuparsi della copertura, al termine verrebbe applicato il malus in riferimento alla classe di merito maturata su uno dei mezzi del nucleo familiare.
Assicurazione auto gratuita: quando è possibileAssicurazione auto gratuita: quando è possibile http://bit.ly/2fh5QsS via @6sicuro

Assicurazione auto: i neopatentati ereditano classe di merito del genitore

È bene ricordare che i giovani neopatentati che sottoscrivono per la prima volta un’assicurazione auto non partono dalla quattordicesima classe di merito. Per effetto del meccanismo della Legge Bersani i neo assicurati freschi di patente potranno usufruire della classe di merito di un genitore.

Se stai scegliendo un’auto per neopatentati, puoi trovare interessante il nostro articolo Auto per neopatentati: i 10 modelli migliori.

Francesco Candeo

Studio, pianifico e implemento i modi migliori per raccontare in rete le persone e le loro attività. Amo ogni tipo di linguaggio, specie se digitale, e mi occupo di ciò che rende interessante il web: i contenuti.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*