Assicurazione auto e falsi incidenti: 17 indagati per truffa

Un giro di falsi incidenti per farsi rimborsare dall'assicurazione auto. 100 mila euro complessivi di risarcimento, 17 persone coinvolte.

assicurazione auto truffa incidente

Assicurazione auto e falsi incidenti

Nonostante siano state introdotte delle disposizioni con il preciso fine di limitare le truffe assicurative ai danni delle compagnie di assicurazioni, vi sono ancora simulazioni di incidenti che hanno il solo scopo di attingere ai risarcimenti delle compagnie le quali, spesso, si vedono sottrarre illecitamente denaro e risorse.

È chiaro che un simile meccanismo truffaldino messo in atto da vere e proprie organizzazioni (solitamente non è mai una sola persona), va a discapito della gente onesta la quale si trova costretta a sostenere un pagamento di premio annuo sempre maggiore.

Se questi stessi premi sono statisticamente in diminuzione (è recente una nota che mediamente ha riscontrato una diminuzione di 15-20 euro), è merito anche in parte di queste disposizioni, ma chi vuole aggirare l’ostacolo c’è sempre.

Un giro di falsi incidenti auto è stato scoperto in Sardegna dalla Guardia di Finanza e ha coinvolto 17 persone che ora sono indagate per associazione a delinquere, frode assicurativa, falsa testimonianza e simulazione di reato. Simulando incidenti infatti, spillavano denaro alle compagnie assicurative che risarcivano gli “attori” coinvolti nei falsi sinistri.

Un cinquantaquattrenne, già ampiamente conosciuto dalle forze dell’ordine locali in quanto già indagato per reati tributari e bancarotta, era la mente del raggiro insieme alla moglie e ad un amico carrozziere (parte attiva del raggiro vista la professione esercitata).

assicurazione auto

Come venivano costruiti i falsi incidenti

Il meccanismo era piuttosto elementare: l’uomo coi suoi complici mettevano in atto degli incidenti mai avvenuti realmente, incassando i risarcimenti assicurativi e raggiungendo un gruzzolo nel tempo di circa 100 mila euro a cui andrebbero aggiunti altri 50 mila in attesa di liquidazione. Ora la Guardia di Finanza ha bloccato questi ultimi e sul fatto sarà chiamata ad esprimersi anche la Magistratura.

Sono già tre anni che le Fiamme Gialle stanno lavorando e curando il sistema, passando in rassegna le dinamiche di almeno un centinaio di sinistri, individuandone almeno una trentina falsi. Con l’amico carrozziere tutto era curato nei minimi particolari, anche le ammaccature giustificate con le fotografie. A proposito di fotografie, molte erano scattate addirittura giorni prima dell’incidente già acquistate incidentate, sulla base delle quali veniva poi ricostruita una possibile dinamica di sinistro.

Tutte le auto erano di un certo pregio, dal Porsche Cayenne a BMW di grossa cilindrata, a suv Mercedes o VW Tuareg.  Lo scopo era di avere ricambi costosi per poter ottenere più soldi.

Assicurazione auto e falsi incidenti: 17 indagati per truffaAssicurazione auto e falsi incidenti: 17 indagati per truffa http://bit.ly/2aWLx5T via @6sicuro
Giovanni Bizzaro

Assistente web marketing di 6sicuro, coordino blogger e giornalisti gestendo e pianificando il calendario editoriale. Mi occupo inoltre di strategie sui social network per aziende e privati.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*