Cambio gomme: cosa fare all’arrivo della primavera

Cambio gomme invernali: per chi ha montato pneumatici invernali il termine ultimo per sostituirli con quelli estivi è il 15 Maggio, dopodiché si rischiano multe salate. Vediamo chi deve eseguire la sostituzione.

cambio gomme invernali

Il 15 maggio è l’ultimo giorno utile per fare il cambio gomme invernali

L’obbligo di cambio pneumatici scatta il 15 aprile 2016, ma la circolare ministeriale (n° 1049) concede un mese di tempo per adattare l’auto alle esigenze stagionali. Se i tuoi pneumatici invernali non sono idonei a circolare, dal 15 maggio potresti ricevere una sanzione amministrativa da 419 a 1.682 euro e il ritiro del libretto di circolazione. Per cui rimboccati le maniche e scegli le gomme giuste per la tua auto.

Devi per forza effettuare il cambio gomme estivo?

Dipende dal tipo di pneumatico che attualmente usi. In linea di massima è consigliabile eseguire sempre il cambio gomme estate/inverno per avere gli pneumatici adatti ad affrontare al meglio le condizioni stradali dovute al clima.

Gli pneumatici che la normativa vieta durante il periodo estivo sono riconoscibili dalla dicitura M+S (Mud+Snow) riportata sul lato della gomma. L’uso di questo pneumatico, perfetto per dare al veicolo aderenza su neve e fango, è stato limitato con circolare n.1049 del 17 gennaio 2014 dal Ministero dei Trasporti.

Gli pneumatici M+S da sostituire sono quelli che riportano un indice di velocità inferiore a quello dichiarato sulla carta di circolazione.

Indice di velocità Velocità in km/h
Q 160
R 170
S 180
T 190
U 200
H 210
V 240
ZR Oltre 240

Se lo pneumatico invernale M+S ha un indice di velocità uguale o migliore a quello indicato dalla carta di circolazione può circolare anche d’estate. Al contrario, se ha un indice di velocità inferiore deve essere cambiato. Ecco una sintesi di quanto detto in un’infografica Pirelli.

Cambio gomme invernali

C’è anche un’altra opzione per non cambiare pneumatici: scegliere le gomme all season. Ovvero una via di mezzo tra invernali ed estive che offrono aderenza su diverse condizioni stradali, sia in condizioni di asfalto asciutto che in caso di pioggia o neve. In ogni caso sono un compromesso, e come tale non danno il massimo in nessuna condizione. La regola è sempre la stessa: ogni stagione ha il suo pneumatico.

Conviene cambiare le gomme?

Certo che conviene. In molti casi è obbligatorio per evitare multe salate oltre a possibili incidenti. Se usi gomme all season puoi bypassare il cambio, così come avviene per gli pneumatici con codice velocità uguale a quanto indicato sulla carta di circolazione, ma in ogni caso le prestazioni migliori in termini di risparmio/sicurezza si ottengono con uno pneumatico dedicato.

Molti automobilisti lamentano costi eccessivi per montaggio e smontaggio degli pneumatici sugli stessi cerchioni. Chi abita in montagna o in campagna preferisce rimanere con gli pneumatici invernali date le condizioni del terreno, anche perché i costi del gommista in questi casi possono diventare proibitivi.

In ogni caso il consiglio è chiaro: conviene avere due treni di gomme (uno estivo e uno invernale) montati su quattro paia di cerchioni. In questo modo il cambio gomme invernale o estivo diventa un’operazione semplice.

La tua esperienza

Questa è la notizia da fissare in agenda: dal 15 aprile al 15 maggio devi cambiare le gomme invernali. Per il cambio gomme estive devi aspettare il 15 novembre. Se vieni fermato e le gomme non sono in regola rischi pesanti sanzioni oltre a mettere in pericolo te e le persone che ti stanno intorno. Il costo del cambio gomme si ammortizzerà nel tempo: meglio sostenere una piccola spesa in più e viaggiare tranquilli, non credi? Ovviamente dipende anche dall’uso che fa dell’auto.

Quando cambiare le gomme in inverno?

Il 15 novembre scatta l’obbligo per montare sulla tua auto gli pneumatici invernali o catene da neve. Per la precisione la legge impone il cambio di gomme il 15 novembre salvo ordinanze regionali che indicano diversamente. Potrebbero esserci, infatti, delle condizioni climatiche così rigide da costringere i singoli enti a emanare delle circolari per imporre l’uso degli pneumatici invernali o catene da neve in periodi diversi.

Il calendario per il cambio dei pneumatici è il seguente: dal 15 maggio al 15 novembre quelli estivi, dal 16 Novembre al 14 maggio quelli invernali (o quanto meno le catene da neve).

Per chi non segue le regole c’è una sanzione amministrativa oltre ritiro del libretto di circolazione. Un dettaglio: se il mancato cambio gomme invernali viene registrato dopo un incidente, l’assicurazione probabilmente non coprirà i danni. Stessa cosa vale anche per le gomme estive.

Ma devo per forza mettere le gomme invernali?

Puoi tenere gli pneumatici estivi anche d’inverno, e avere le catene nel bagagliaio. In ogni caso è una soluzione sconsigliata perché gli pneumatici estivi hanno un’efficacia minore su fondi stradali difficili come quelli che si presentano nei periodi invernali. Puoi approfondire leggendo questo articolo di 6Sicuro: meglio catene da neve o gomme invernali? Ovviamente dipende da dove abiti, i tragitti che percorri solitamente e dalle ordinanze locali, in merito scriveremo un post a breve.

Perché è consigliabile cambiare gli pneumatici?

È la domanda che spesso gli automobilisti si fanno: perché il cambio gomme invernali (o gomme termiche) è obbligatorio? La risposta è semplice: sicurezza ed è su questo che ci concentreremo in questo post. Il materiale delle gomme invernali permette di mantenere una buona aderenza quando le temperature crollano e in caso di manto stradale bagnato, grazie a scanalature più profonde e tagli lamellari fitti.

Lo stesso vale, in senso inverso, per le gomme estive: per guidare in tutta sicurezza durante i mesi più caldi devi usare pneumatici con una mescola dura che non si deteriora a contatto con il manto stradale incandescente.

L’elemento fondamentale è la mescola del battistrada: può essere composto da materiali capaci di lavorare con maggiore facilità a temperature basse o alte, quindi caratterizzare gli pneumatici per renderli più efficaci in determinate circostanze.

Nel caso invernale, il freddo irrigidisce le gomme e le rende meno aderenti al suolo: ecco perché hai bisogno di mescole capaci di riscaldarsi e mantenere caratteristiche di flessibilità. Discorso differente per le ruote estive: sono studiate per temperature sopra i sette gradi e per resistere all’usura dell’asfalto bollente.

E per viaggiare sulla neve? Le gomme idonee sono contrassegnate dalle marcature M+S (oppure MS, M-S, M&S) e devono rispondere alle caratteristiche indicate nel libretto di circolazione. L’uso di pneumatici idonei al manto nevoso ti esonera dall’uso di catene da neve, anche se il consiglio è quello di portarle sempre in auto. Inoltre, in molte località, c’è l’obbligo assoluto delle catene a prescindere dagli pneumatici montati.

Cambio gomme invernaliCambio gomme: cosa fare all’arrivo della primavera http://bit.ly/1FazJEF via @6sicuro

La sicurezza del cambio gomme invernali

La sicurezza è un aspetto fondamentale: quando hai una gomma studiata per una determinata situazione puoi contare su spazi di frenata ottimizzati. Questo significa più sicurezza per te e per le persone che ti stanno intorno, oltre a evitare inutili spese per la tua auto. Abbiamo chiesto conferma a Giuseppe di Mauro di Frigerio Gomme, nella sede storica di Piazzale Susa a Milano.

Gli spazi di frenata si allungano quando non hai un battistrada capace di gestire le condizioni dell’asfalto nel miglior modo possibile. Questo vale per un uso scorretto degli pneumatici estivi o invernali, ma anche quando hai gomme usurate.

Quindi la manutenzione delle gomme prescinde dal discorso estate/inverno: un’attenzione in più ti permette di evitare brutte sorprese. Il limite minimo dello spessore delle gomme? Per legge è di 1.6 millimetri. In ogni caso, per ottenere la massima efficacia su ogni tipo di manto stradale, dovresti cambiare gli pneumatici quando lo spessore diminuisce oltre i 4 millimetri.

Salvatore Russo

Responsabile Marketing di 6sicuro dal 2011, ideatore del blog e coordinatore generale dell’intera squadra di blogger e giornalisti che scrivono per 6sicuro. Mi occupo di Digital Marketing Stategy, Consulenza Aziendale e Formazione dal 1998. Ho partecipato alla progettazione, sviluppo e gestione di importanti portali e piattaforme di e-commerce italiani.

Commenti Facebook

29 Commenti

  1. Avatar
    ferdinando maggio 13, 2015

    Vorrei degli indirizzi dove cambiare i pneumatici invernali con quelli estivi, risparmiando, nella provincia di Lecce e Brindisi.

    Rispondi
    • Avatar
      Riccardo Esposito maggio 13, 2015

      Ciao Ferdinando,

      Purtroppo non abbiamo questo tipo di informazioni. Hai già provato a fare una ricerca su Google impostando come località le zone interessate? Dovresti avere dei risultati precisi.

      Rispondi
  2. Avatar
    Enzo maggio 20, 2015

    Io che ho gli pneumatici 4 stagioni, devo sostituirli anch’io ?

    Rispondi
    • Avatar
      Salvatore Russo maggio 21, 2015

      Ciao Enzo,
      no, gli pneumatici 4 stagioni vanno bene, ovviamente devi controllare l’indice di velocità sul libretto

      Rispondi
  3. Avatar
    renzo ottobre 15, 2015

    buongiorno, se posseggo un auto 4 ruote motrici devo montare ugualmente pneumatici invernali?

    Rispondi
    • Avatar
      Salvatore Russo ottobre 15, 2015

      Ciao Renzo,
      sì, devi montare anche tu pneumatici oppure catene da neve

      Rispondi
  4. Avatar
    LeM ottobre 15, 2015

    Obbligo di montare le invernali dal 15/11?
    A me risulta che se viaggio con le catene a bordo non rischio nessuna multa, a meno di recarmi in luoghi dove e’ espressamente indicato l’obbligo di montaggio catene o pneumatici invernali.
    Io abito in pianura dove nevica forse una volta o due all’anno massimo 5-10 cm di neve, perché dovrei mettere delle gomme diverse per 5 mesi invece di montare semplicemente le catene per 2 giorni all’anno?

    Rispondi
    • Avatar
      Salvatore Russo ottobre 15, 2015

      Ciao,
      puoi anche solo tenere le catene nel bagagliaio, dipende dall’uso che fai dell’auto e soprattutto dalle ordinanze locali.
      Ci sono zone in cui, come specificato nell’artico, le gomme da neve non bastano, devi avere anche le catene (e non quindi solo uno dei due).

      Rispondi
  5. Avatar
    Ottavio ottobre 15, 2015

    Buongiorno, premetto che uso i due treni di gomme, ma per chi vuole risparmiare e rischiare quando le 4 stagioni si abbassano di battistrada e molti non le cambieranno per risparmiare ancora quanto diventeranno pericolose?
    Però saranno sempre in regola anche in confronto a chi magari ha una estiva nuova di zecca che a confronto è molto più sicura.
    Allora io direi si 4 stagioni ma con obbligo di cambio almeno ogni 5 anni.

    Rispondi
    • Avatar
      Salvatore Russo ottobre 15, 2015

      Ciao Ottavio,
      infatti il post è più incentrato sulla sicurezza piuttosto che degli obblighi di legge. Dipende tanto dall’uso che si fa dell’auto

      Rispondi
  6. Avatar
    Andrea ottobre 15, 2015

    Confermo quanto ho scritto su, la legge non obbliga al cambio, ma prevede il cambio o le catene a bordo!…

    Rispondi
    • Avatar
      Salvatore Russo ottobre 15, 2015

      Ciao Andrea,
      certo, nel post non viene detto assolutamente il contrario, è stato improntato però su una questione di sicurezza più che di obblighi.
      Per evitare incomprensioni ho fatto aggiungere un ulteriore paragrafo di chiarimenti in merito, grazie mille 🙂

      Rispondi
  7. Avatar
    Andrea ottobre 15, 2015

    Secondo me l’articolo spinge troppo sulla necessità e trascura un altro aspetto, a mio avviso, fondamentale, in termini di sicurezza: la durata in anni di un treno di gomme.
    Infatti, a prescindere dall’usura del battistrada, le gomme vanno cambiate comunque ogni tanto, perché la mescola perde le caratteristiche iniziali.
    Avere due treni di gomme, da usare per metà anno ciascuno (approssimo) porta l’usura del battistrada di ciascuno, alla metà (approssimo: di solito le invernali, se fa caldo, si usurano più in fretta).
    Quindi, a guardare il battistrada, se mediamente cambiassi le gomme ogni cinque anni, col doppio treno, le cambierei ogni dieci anni… e dopo dieci anni la mescola non è più la stessa.

    Altro aspetto trascurato da chi ha parlato di costi: dove metto il treno di gomme inutilizzato? Chi abita in piccoli centri urbani, magari ha un giardino dove trovare un angolo (ma all’aperto, comunque, la gomma si rovina)… ma se abiti in una grande città, senza giardino, senza balcone, senza spazio fuori dall’appartamento? Le tieni in salotto o in camera da letto? Alcuni gommisti si offrono di tenerle, ma anche in questo caso vi è differenza tra la realtà “paese” e quella “città” (le conosco entrambe): nel primo caso, il gommista, lavora spesso in un capannone con ampi spazi, e può tenerti le gomme anche gratis, se sei un suo cliente… in una grande città, dove il gommista lavora in una bottega corrispondente ad “una vetrina” ed usa il sottolocale come magazzino per le gomme nuove o quasi, l’eventuale deposito, te lo fa pagare una fortuna.

    Rispondi
    • Avatar
      Diego marzo 23, 2016

      Sono perfettamente d’accordo sul’linvecchiamento della mescola, e aggiungo che già dal terzo anno di vita le gomme termiche non hanno più l’aderenza iniziale e diventano in pratica come una gomma normale. Perciò, a meno di fare 25-30 mila km annui, secondo me conviene tenere le gomme normali ed essere più attenti nella guida.

      Rispondi
  8. Avatar
    QUATTROCCHI Salvatore ottobre 15, 2015

    EVVIVA LA SICUREZZA !? VEDI COMMENTO INNANZI CITATO SU FACEBOOK. Se non valido, invito cortesemente farmelo sapere che lo ripeto in questa sezione. Grazie e complimenti per il sito. Molto interessante.

    Rispondi
    • Avatar
      Salvatore Russo ottobre 20, 2015

      Ciao Salvatore,
      non ho capito a quale commento ti riferisci purtroppo, se vuoi, riscrivilo qui

      Rispondi
  9. Avatar
    cosimo riondino ottobre 15, 2015

    buonasera,abito a taranto quali pneumatici devo montare?

    Rispondi
  10. Avatar
    bruno ottobre 15, 2015

    posso montare 2 gomme anteriori 4 stagioni e 2 gomme estive posteriori

    Rispondi
  11. Avatar
    Riccardo novembre 10, 2015

    Gli italiani sono tutti (apparentemente) devoti alla legge e ai suoi obblighi…poi ognuno fa il contrario di quello che dice (o scrive). Un padre di famiglia come me, con due figli e una moglie, guadagnando 1.800 euro al mese come li trova i soldi per i pneumatici invernali e per la loro custodia estiva ? In alcune regioni italiane non nevica mai, anche se il Comune di Palermo ha in carico degli operai spalaneve… Cerchiamo di non parlare di sicurezza a vanvera, cominciamo a rendere ben visibili gli attraversamenti pedonali nelle grandi città e a mantenere (anche d’estate ) i manti stradali in ordine.

    Rispondi
  12. Avatar
    giuseppe gennaio 18, 2016

    buon pomeriggio ,
    volevo sapere visto che ho 4 pneumatici estivi , e la trazione della macchina è anteriore, devo cambiare solo gli pneumatici anteriori o anche quelli posteriori?

    Rispondi
    • Avatar
      Riccardo Esposito gennaio 29, 2016

      Ciao Giuseppe,

      Su questo punto il Codice della Strada non è chiaro, ma il buon senso e la sicurezza suggeriscono di cambiare sempre tutti gli pneumatici.

      Rispondi
  13. Avatar
    Giovanni marzo 23, 2016

    Se la velocità massima dichiarata sulla carta di circolazione è 148 km/h si possono lasciare dopo 15 maggio pneumatici Q?

    Rispondi
    • Avatar
      Denis aprile 13, 2016

      Buongiorno Giovanni.
      Se mi permette, rispondo io al suo quesito:

      il parametro che le forze dell’ordine sono tenute a verificare è la misura dei pneumatici coi relativi indice di carico e codice di velocità.
      Poco importa se viene dichiarato che l’auto fa max 148 km/h. Ad esempio, se il libretto di circolazione prevede un codice T (190 km/h), anche se la macchina fa al massimo 150 km/h, con un Q (160 km/h) saresti in multa e fermo amministrativo.
      Lo so bene perchè posseggo una Fiat Qubo a metano, che fa come massima velocità i 150 km/h (in discesa o in scia) ma sono obbligato a montare gomme con un codice di velocità H (210 km/h) sui cerchi in lega e T (190 km/h) su quelli in ferro.
      Tutto molto assurdo, ma è così purtroppo.

      Rispondi
  14. Avatar
    giuseppe rolleri aprile 12, 2016

    quanti km si possono fare con un treno di gomme?

    Rispondi
  15. Avatar
    Fringuelli Fabrizio aprile 13, 2016

    Perchè se ho montato un codice Q non posso andare a più di 160km/h… su quale strada in italia è possibile farlo.. ah già, nessuna.. legge ridicola.

    Rispondi
  16. Avatar
    Valeria Cassola aprile 13, 2016

    Abito a Roma dove, salvo eventi straordinari, e allora non si circola per niente, non cade mai la neve e il fango non invade le strade: uso la macchina solo in città: sono obbligata a cambiare due volte l’anno le gomme, da normali a invernali e vceversa? finora l’ho fatto, ma ad ogni operazione ho dovuto sborsare 50/60 euro ( ho girato un sacco di gommisti ma sono tutti d’accordo nel trarre profitto dalla legge). Posso avere una risposta? così a novembre saprò cosa fare, se piangere o no!…. Valeria, patentata dal 1960 (fatevi pure i conti sulla mia età !….)

    Rispondi
  17. Avatar
    michele aprile 13, 2016

    Buonasera, abito a Palermo citta’ esposta a livello di mare dove non esiste inverno ne pioggia e tanto meno neve ho l’obligo di effettuare il cambio dei pneumatici come dice la circolare ministeriale n.1040, sono soggetto a Sansione Amministrativi ? vale anche x le isole del SUD? Grazie x la risposta

    Rispondi
  18. Avatar
    Cristiano aprile 13, 2016

    Perché si ostinano a verificare il codice di velocità quando in effetti il limite massimo di velocità in Italia è di 130 km/h?

    Rispondi
  19. Avatar
    daniele maggio 15, 2016

    Io non ho mai montato le invernali, uso le Michelin pilot sport3 su FordFiesta S mk5. Dei binari su asciutto e ottima tenuta su bagnato, entro in rotonda a 70kmh e la macchina non scoda. Anche in inverno.
    Poi, adesso abbiamo freddo ad ottobre/novembre e temperature accettabili a dicembre/gennaio… Non da gelate a -4 -8 -15gradi. Non esiste un reale bisogno di cambiarle. Oltre al marketing. 20anni fa non ci si faceva tante paranoie.

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*