Jaguar e Land Rover presto made in China

Motori che passione Jaguar e Land Rover presto made in China!

Jaguar e Land Rover saranno presto prodotte in Cina. Lo ha rivelato Carl-Peter Forster, direttore generale della JLR che nel corso di una conferenza stampa ha anche dichiarato il suo interesse nell’espandere le vendite dei due marchi di lusso nei Paesi emergenti.

Questo nuovo traguardo spingerà il colosso indiano Tata, che da poco ha acquisito Jaguar e Land Rover, alla chiusura di due fabbriche inglesi del gruppo e a una serie di attività che porteranno, nel giro di due anni, al consolidarsi delle prime partnership locali e all’apertura di nuovi stabilimenti più grandi.

L’espansione verso il Sol Levante non è uno sdoganamento del prodotto britannico: tutte le attività principali avranno sempre sede nel Regno Unito, nonostante l’intenzione di spostare tutta la produzione in Cina. Del resto, la Cina ha scavalcato gli Stati Uniti nella classifica di automobili più vendute.

Ma non è solo la Cina che avanza, tutta l’Asia dell’auto è in gran rispolvero: in Giappone, ad esempio, la Subaru ha aumentato le vendite del 14% e la Suzuki ha chiuso il 2009 con +19%, alla faccia della crisi economica! Inoltre, sta circolando voce che la rampante indiana Tata nel 2011 dovrebbe arrivare sul mercato europeo con la sua vettura economica Nano, prima di sbarcare alla conquista degli Stati Uniti.

L’America sarà pronta a subire l’influsso del grande sorpasso Made in China?

Salvatore Russo

Responsabile Marketing di 6sicuro dal 2011, ideatore del blog e coordinatore generale dell’intera squadra di blogger e giornalisti che scrivono per 6sicuro. Mi occupo di Digital Marketing Strategy, Consulenza Aziendale e Formazione dal 1998. Ho partecipato alla progettazione, sviluppo e gestione di importanti portali e piattaforme di e-commerce italiani.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*