Ricevuta canone Rai in bolletta: va conservata 10 anni

Il normale termine di prescrizione delle bollette è di 5 anni, ma l’arrivo del canone Rai in bolletta complica le cose. Dato che il canone è un tributo, la ricevuta di pagamento va tenuta per 10 anni!

ricevuta canone rai in bolletta

Ricevuta canone Rai in bolletta: attenzione alla prescrizione

Preparati ad aggiungere una nuova cartella all’archivio dei documenti di casa: quella destinata a conservare le ricevute di pagamento del canone Rai in bolletta. E sappi che potrai buttare la prima solo alla fine del 2026.

L’arrivo del canone in bolletta rischia di creare confusione riguardo al tempo per il quale si devono conservare le ricevute di pagamento. Mentre le normali bollette dell’energia elettrica vanno tenute per 5 anni, le bollette che includono il canone vanno conservate per il doppio del tempo.

Dal momento che il canone è un tributo a tutti gli effetti, non si applica il termine di prescrizione ridotto, ma il termine di prescrizione ordinario. Ciò significa che bisogna conservare l’originale della bolletta pagata per ben 10 anni.

Ricevuta canone Rai in bolletta: per quanto tempo bisogna conservarla?

Per quanto tempo devi conservare allora la ricevuta di pagamento della bolletta dell’energia elettrica? Ci possono essere due casi:

  • se nella bolletta è inserita la voce per il canone Rai la ricevuta di pagamento va conservata per 10 anni;
  • se nella bolletta non è inserita la voce per il canone RAI (perché non sei tenuto a pagarlo o sei esente) la ricevuta di pagamento va conservata per 5 anni.

È consigliabile conservare sempre il documento in originale, dal momento che potrebbero esserci contestazioni in presenza di fotocopie o di documenti scannerizzati. Se paghi le bollette tramite domiciliazione bancaria, il documento che va conservato è l’estratto conto che dimostra il versamento.

Ricevuta canone Rai in bolletta: va conservata 10 anniRicevuta canone Rai in bolletta: va conservata 10 anni http://bit.ly/2bvnKrj via @6sicuro

Che succede se si perde la ricevuta di pagamento?

Se, prima del termine dei 10 anni, dovessi perdere o buttare la ricevuta di pagamento della bolletta potresti dover pagare di nuovo, sia la bolletta elettrica che la parte relativa al canone.

In particolare, se dovessi buttare la ricevuta dopo 5 anni, come è normale per le bollette, in caso di contestazione da parte dell’Agenzia delle Entrate entro i 10 anni dall’anno in cui è dovuto il canone dovresti pagare di nuovo, non potendo dimostrare di aver provveduto regolarmente al pagamento. Passato il termine di 10 anni il pagamento è invece ormai prescritto.

Naturalmente, questa precisazione sui termini di prescrizione delle bollette riguarda solo la bolletta dell’energia elettrica. Non cambia nulla per le altre utenze, le cui bollette vanno conservate per 5 anni.

Luana Galanti

Ho una laurea specialistica in Consulenza e direzione aziendale e, da sempre, un legame indissolubile con le parole scritte. Le mie due anime – quella creativa e quella pragmatica – si confondono nel mio lavoro di web writer e business writer freelance.

Commenti Facebook

7 Commenti

  1. Avatar
    Stefano Porcu' agosto 17, 2016

    Scusate ma tutto questo è assurdo, lo stato non fa altro che pubblicizzare in pompa magna la digitalizzazione per semplificare la P.A. e poi obbliga il cittadino a conservare le ricevute. Ma se uno ha pagato perché deve tenere le ricevute, non si risale al pagamento visto che esiste un protocollo come nel caso del bollo auto, tutto questo a me pare roba da terzo mondo per non dire peggio. Siamo abbastanza stufi di questa situazione.

    Rispondi
    • Avatar
      Luana Galanti settembre 19, 2016

      Ciao Stefano, la ricevuta serve proprio per dimostrare di aver pagato quanto richiesto. In caso di contestazione è quello il documento che va presentato per essere certi di non dover pagare di nuovo. Se il pagamento è avvenuto in posta o in banca si può provare a risalire al pagamento, ma di certo conservare l’originale della ricevuta è il sistema più semplice e immediato per dormire sonni tranquilli.

      Rispondi
  2. Avatar
    alberto agosto 19, 2016

    Fanno schifo…..
    alberto

    Rispondi
    • Avatar
      Federico agosto 23, 2016

      Che altro aggiungere, è più che sufficiente FANNO SCHIFO!

      Rispondi
  3. Avatar
    ale agosto 24, 2016

    Ho pagato la bolletta con la sostrazioni del canone Rai.ho pagato solo l’electricita. Cosa suede.

    Rispondi
  4. Avatar
    giovanni agosto 28, 2016

    scusate, non c’è una norma che esclude di dover presentare all’amministrazione pubblica documenti che
    sono già in loro possesso? il canone rai non è digitalizzato in qualche file in dotazione all’ufficio di Torino?
    E perchè mai uno deve conservarlo per 10 anni? A me è capitato che l’ufficio imposte mi chiedesse di produrre una dichiarazione fiscale regolarmente presentata: li ho mandati a quel paese ed ho avuto ragione

    Rispondi
    • Avatar
      Luana Galanti settembre 19, 2016

      Ciao Giovanni, la ricevuta va conservata per 10 anni perché quello è il termine di prescrizione fissato dalla legge per i tributi.

      Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*