Pneumatici con l’etichetta, come il frigo

Scegliere il pneumatico in base alla sua efficienza economica e ambientale, così come avviene per gli elettrodomestici. Dal 1 novembre 2012 ogni gomma prodotta dopo il 1 luglio 2012 dovrà essere dotata di un’etichetta che ne indichi, oltre appunto l’efficienza, anche la sicurezza, ovvero la la resistenza al rotolamento, il rumore esterno e l’aderenza su bagnato.

Sette le classi di merito: dalla lettera A alla G. Per quanto riguarda la resistenza al rotolamento, ad esempio, si deve tenere presente che la differenza di consumo fra una classe A e una classe G equivale, come riportato dal Corriere della Sera, ad un maggior impiego di carburante pari al 7.5%.

Un altro esempio: in merito all’aderenza sul bagnato, il pneumatico di classe A frena ad una distanza il 30% inferiore rispetto alla classe peggiore: ciò significa che, viaggiando a 80 km/h, le gomme di classe A riducono la frenata di 18 metri rispetto a quelle di classe G.

Il valore del rumore viene invece espresso in tre barre, a seconda dei decibel espressi: il miglior risultato è dato da una barra sola, che significa che la rumorosità è inferiore al valore limite futuro.

Salvatore Russo

Responsabile Marketing di 6sicuro dal 2011, ideatore del blog e coordinatore generale dell’intera squadra di blogger e giornalisti che scrivono per 6sicuro. Mi occupo di Digital Marketing Strategy, Consulenza Aziendale e Formazione dal 1998. Ho partecipato alla progettazione, sviluppo e gestione di importanti portali e piattaforme di e-commerce italiani.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*