Guida in stato d’ebbrezza: tutto quello che c’è da sapere

guida in stato d'ebbrezza

Mettersi alla guida di un veicolo ubriachi significa rappresentare un pericolo per se stessi e per gli altri. La guida in stato d’ebbrezza è uno dei reati disciplinati dal Codice della Strada, per la precisione dall’articolo 186 (e 186 bis), che prevede un limite legale massimo il tasso alcolemico di 0,5 grammi/litro. Questo significa che guidare un’auto o una moto al di sopra di tale limite diventa automaticamente reato, punito con la perdita di 10 punti della patente, cui aggiungere sanzioni accessorie.

Basta un bicchierino di troppo, quindi attento!

Guida in stato d’ebbrezza: tutto quello che c’è da sapereGuida in stato d’ebbrezza: tutto quello che c’è da sapere http://bit.ly/13q40yp via @6sicuro

Etilometro, tasso alcolemico e sanzioni

Le misurazioni sono effettuate con l’etilometro, un particolare strumento che misura la quantità di alcol contenuta nell’aria espirata. Per sicurezza l’esame è ripetuto due volte a distanza di 5 minuti l’una dall’altra, visto che la costituzione fisica del singolo individuo, come noto, può alterare i risultati.

Se l’apparecchio etilometro rileva un tasso alcolemico:

  • tra 0,5 e 0,8 g/litro: si paga una sanzione da 500 a 2.000 euro e si va incontro alla sospensione della patente da 3 a 6 mesi;
  • tra 0,8 e 1,5 g/litro: la faccenda si fa molto più seria e si è puniti con una multa che varia da 800 a 3.200 euro e arresto da cinque giorni (limite minimo secondo quanto previsto dall’ex art. 25 comma 1 del Codice Penale) fino a un massimo di 6 mesi, a cui vanno sommati la sospensione della patente da 6 mesi a un anno con ritiro immediato (su strada) e applicazione della sospensione cautelare prefettizia;
  • oltre gli 1,5 g/litro: la pena è ancora più grave, infatti è prevista una sanzione da 1.500 a 6.000 euro, l’arresto da 6 mesi a un anno, la sospensione della patente da uno a due anni con ritiro immediato (su strada) e applicazione della sospensione cautelare prefettizia, sequestro del veicolo salvo che il veicolo non sia intestato a una terza persona, in quest’ultimo caso la durata della sospensione della patente è raddoppiata. Inoltre è prevista un’aggravante (ridetermina la pena fino a 1/3), nello specifico, gli artt. 589 e 590 in caso di omicidio colposo e di lesioni colpose gravi o gravissime causate da un soggetto in stato di ebbrezza alcolica.

Dopo la recente riforma, generalmente il tasso etilometrico rilevante è fissato a 0,8 g/litro.

Esistono però quattro categorie di soggetti per i quali vige il divieto assoluto di guida dopo aver ingerito sostanze alcoliche, nello specifico:

  1. conducenti infraventunenni;
  2. conducenti che abbiano conseguito la patente di guida B da meno di tre anni;
  3. conducenti che effettuano “attività di trasporto di cose “ ad esempio autotrasportatori e assimilati, secondo quanto revisto dagli artt. 86,86 e 87 del Codice della Strada, o “persone” secondo quanto previsto dagli artt. 88, 89 e 90 del Codice della Strada;
  4. conducenti di autoveicoli con massa a pieno carico maggiore di 3,5 tonnellate oppure di “treno“ (autocarro con rimorchio) con massa complessiva maggiore di 3,5 tonnellate, oppure di autoarticolati, autosnodati autobus o altri mezzi adibiti al trasporto di persone con oltre otto posti disponibili.

 

Guida in stato di ebbrezza, accertamenti ematici e alcoltest

Cosa accade se l’automobilista che ha causato un sinistro stradale è sospettato di essere in stato di ebbrezza e viene invitato dalle forze dell’ordine ad effettuare i prelievi ematici?

Secondo quanto ha stabilito la sentenza n. 1546/2016 della Corte di Cassazione è obbligatorio che le forze dell’ordine informino l’automobilista della finalità del prelievo ematico pena la nullità delle sanzioni penali previste in caso di illeciti. È infatti facoltà dell’automobilista chiedere di essere assistito da un legale di fiducia essendo pendente il giudizio sulla contestazione di illeciti amministrativi. In mancanza di una scorretta (mancata) informazione le sanzioni penali derivanti da un possibile rifiuto da parte dell’automobilista a sottoporsi a tali accertamenti è da considerarsi nulla.

Per gli stessi motivi, la Cassazione Penale, sezione quarta, n. 42667/2013 ha ritenuto che vada considerato nullo l’alcoltest eseguito all’automobilista senza  che quest’ultimo sia precedentemente informato da parte delle forze del’ordine della possibilità di farsi assistere da un avvocato di fiducia.

 

Revoca patente di guida

La patente di guida è sempre revocata quando:

  • si tratta di conducenti di autobus o di veicolo destinato a trasporto merci (con massa complessiva superiore a 3,5 tonnellate) – per queste categorie c’è infatti l’obbligo di avere un tasso alcolemico pari a zero;
  • in caso di recidiva entro un periodo di due anni (la stessa persona compie la medesima violazione in un arco di tempo inferiore a un biennio).

La revoca della patente viene inoltre disposta quando il conducente ha tasso alcolemico superiore a 1,5 g/litro o è sotto l’effetto di droga e stupefacenti. Se il conducente in stato di ebbrezza provoca un incidente sotto l’effetto di droga o alcol tutte le pene fin qui elencate sono automaticamente raddoppiate. Inoltre è disposto il fermo amministrativo per una durata di 180 giorni, salvo che appartenga a una persona estranea all’illecito.

In caso di guida in stato di ebbrezza chi provoca un sinistro stradale può restare privo di patente di guida per un periodo di 3 anni (o più). La circolare del Ministero dei Trasporti n. 938/2016 ha stabilito che tale periodo decorre dal momento del decreto di condanna (dalla sentenza) e non dall’accertamento del reato.

 

Guida in stato di ebbrezza e RC auto

Spesso le polizze RC auto non sono operative se viene contestata la guida in stato di ebbrezza.

Con l’ordinanza n. 9448, dell’11 maggio 2015, della VI sezione della Cassazione si è stabilita l’inoperatività della polizza RC auto in caso di ubriachezza del conducente. In sostanza, l’RC auto non viene applicata (non è quindi previsto indennizzo per l’assicurato) qualora il conducente del veicolo è “beccato” con un tasso alcolemico superiore a quanto previsto dalla normativa. Nel caso in questione il sinistro era stato provocato dallo stesso conducente che guidando il veicolo era finito fuori strada procurandosi lesioni gravissime;  il suo tasso alcolemico era di 6 volte superiore a quello consentito e gli esami tossicologici dimostravano anche la positività all’assunzione di droga.

Per questi motivi l’assicurazione è stata esonerata dal risarcimento dei danni. Secondo il principio di cui all’art. 1900 del Codice Civile, l’assicurazione non si estende ai rischi provocati volontariamente e con colpa grave del beneficiario, e trova applicazione anche nel caso in cui la condotta dolosa o colposa dell’assicurato non sia stata l’unica causa del verificarsi dell’evento dannoso. L’assicurazione cioè non si estende, ex lege, ai rischi causati da dolo e colpa grave, per cui le clausole contrattuali che negano l’indennizzo in tali ipotesi non possono dirsi vessatorie.

Le clausole vessatorie sono le clausole presenti nei contratti che producono uno squilibrio dei diritti a danno del consumatore. Pertanto, se non espresso per iscritto la vessatorietà di una clausula è valutata in base alla natura del bene o del servizio del contratto e alle circostanze di esclusione; in casi dubbi l’interpretazione deve essere favorevole al consumatore. La clausula considerata vessatoria è inefficace e pertanto il giudice può rilevarla d’ufficio.

Con l’ordinanza n. 9448, dell’11 maggio 2015, della VI sezione della Cassazione si è stabilita l’inoperatività della polizza Infortuni del conducente collegata alla RC auto in caso di ubriachezza del conducente. In sostanza, la garanzia per gli infortuni del conducente non viene applicata.

Giada Marangone

Giornalista e blogger, collabora con alcune testate e magazine nazionali e si occupa di comunicazione on e off line e marketing per Enti, imprese ed associazioni. Possiede una consolidata esperienza nella direzione marketing e comunicazione di affermate realtà del panorama italiano ed internazionale. È stata referente per la Provincia di Udine dei redazionali e del sito internet del Servizio Lavoro, Collocamento e Formazione.

Commenti Facebook

25 Commenti

  1. Avatar
    Giuliano settembre 10, 2013

    Non trovate che le commissioni mediche si sostituiscano di fatto al codice ed alla legge? Hanno rifiutato di mostrarmi il protocollo cui affermano di attenersi; in tre casi apparentemente simili hanno avuto comportamenti diversi.

    Rispondi
  2. Avatar
    Riccardo dicembre 02, 2013

    Con queste leggi si creano nuovi delinquenti: depositi giudiziari (tariffe da capogiro: 10 euro al giorno), psicologi (70 euro per un colloquio di 5 minuti), avvocati (da scriverci un libro), commissioni mediche legali (ma anche no), analisi cliniche (chiedono tariffa doppia: prima per controllo privato e se va bene fanno il legale)

    Rispondi
  3. Avatar
    maurizio gennaio 20, 2015

    Vorrei capire su quale basi la cml determina il periodo di validità della patente in base agli esami ematochimici.sembra che facciano come vogliono….quindi a cosa servono?esiste un iter da consultare
    ?

    Rispondi
  4. Avatar
    evabbè gennaio 30, 2015

    che giro di soldi ben architettato,come muore qualcuno ecco il business e che bel concentrato…..uno 0,5 gl è realmente assurdo come tasso….!!!!!!!!!!!!!!!!!bisogna essere proprio degli idioti per fare danni con un’auto….ubriachi….va bene 6 cocktail…in realtà un’idiota perde coscienza e riflessi soprattutto se mischia e beve per perdere lucidità…..tutta questa bella morale per nascondere il giro di soldi…….non sò magari ci metterete anche dei limiti per camminare a piedi?!in futuro?

    Rispondi
  5. Avatar
    LeM luglio 01, 2015

    Sono stravolto nel leggere i commenti: ma quale vessazione???
    Se si beve, non si guida, e basta!
    Non si gioca con la vita degli altri, guidare un’auto è una cosa che non deve essere fatta con leggerezza, ma pensando alle conseguenze delle proprie azioni.

    Rispondi
  6. Avatar
    zerocom agosto 09, 2015

    Salve a tutti volevo chiedere, a mio fratello 3 anni fa è stato fermato dalla polizia, ed aveva un tasso alcolemico da 1,05 a 1,01 e adesso gli è arrivata la multa da pagare di 5250 eurozzi. Volevo sapere è normale che sia così alta? cosa succede se non viene pagata? grazie

    Rispondi
    • Avatar
      angelo agosto 19, 2016

      cioe la multa è arrivata dopo? non capisco.

      Rispondi
  7. Avatar
    dario ottobre 04, 2015

    Che è tutta una mangeria si sa, ma morire per colpa di un ubriaco non mi sembra neanche giusto . Quando si guida non si beve punto cosi evitiamo di foraggiare un sistema di parassiti che non aspettano altro. Poi c’è caso e caso, io a 0,5 sono già ubriaco e qualcuno a 1,5 è ancora semi lucido, l’agente che ti ferma questo non lo può sapere per questo esistono paletti. Troppi giovani e non hanno perso la vita per un bicchiere di troppo, 20 anni fa non c’era un fine weekend senza morti e molti giovanissimi. Vorrei un informazione se qualcuno è ferrato in materia, se sei sotto lo 0,6 con la macchina avendo patente anche auto articolato ti sospendono solo la B o anche le altre? grazie

    Rispondi
    • Avatar
      giovanni maggio 29, 2016

      te le sospendono tutte

      Rispondi
  8. Avatar
    Antonio gennaio 31, 2016

    Buonasera mentre parcheggiavo ho toccato il paraurti di una macchina, siccome i vigili hanno visto la scena si sono avvicinati e mi hanno fatto alcoltest risultato 2,2. mi hanno fatto un verbale con articolo 186 2c sequestrato il mezzo. secondo voi con l’avvocato ci può essere attenuante? Perché ho solo strisciato un’auto e non in realtà fatto un vero incidente. Che speranze ho se faccio un ricorso al giudice di pace?

    Rispondi
    • Avatar
      carlo landi marzo 31, 2016

      il problema è che guidavi con un tasso di 2.2 .. non imoprta danno piccolo o enorme sei stato fortunato che non sono andati sul pesante perché avresti potuto anche essere arrestato e detenuto fino ad un anno con quel valore alcolemico

      Rispondi
    • Avatar
      Paolo aprile 03, 2016

      Stessa cosa a me quando avrò notizie ti farò sapere ma per ora a piedi e auto con fermo!

      Rispondi
    • Avatar
      enrico aprile 10, 2016

      A me hanno ritirato la patente per 6 mesi nel 2008 a seguito di controllo e non avevo fatto assolutamente nulla. Non hai speranze, avevi un tasso molto alto e penso che avrai sospensione lunga e multa salata.

      Rispondi
  9. Avatar
    G aprile 06, 2016

    A me sabato sera è successo l’incredibile, ero di ritorno da una festa della birra ed avevo bevuto. Mettendomi alla guida mi sono accorto di essere ben “oltre” e come si dice qui da noi di farla “fuori dal vaso”.

    Mi sono fermato in un parcheggio, ho spento la macchina ed acceso l’autoradio.

    Poco dopo è passata una ronda, mi ha visto, mi ha chiesto i documenti e fatto l’etilometro. Sono risultato 0,83, patente ritirata, 10 punti dalla patente tolti, multa e penale.

    Cosa ne dite?

    Rispondi
  10. Avatar
    solange giugno 06, 2016

    ma si puo…. ero 0,52 confisca patente e via la macchina che per fortuna non è intestata a me. 10 punti patente e 531 di multa… non vi sembra esagerato..?

    Rispondi
    • Avatar
      luca agosto 29, 2016

      Ciao,
      a me è successa più o meno la stessa cosa, devi fare anche le analisi del sangue per riavere la patente?
      Puoi richiederla in alcune fasce orarie per andare a lavoro?

      Grazie

      Rispondi
  11. Avatar
    Carlo rinaldi giugno 22, 2016

    Non faccio uso di alcolici,per un malore in macchina ho sbattuto contro un muro.tasso alcolemico rilevati a P. S Dove sono arrivato in coma 0.5. L’assicurazione al conducente prevede come limite massimo 0,5 . Prendo molti farmaci antitumorali dove non vi sono limitazioni alla guida. Come e’ possibile ? Non sono stato mai sanzionato.

    Rispondi
  12. Avatar
    Carlotta settembre 03, 2016

    Mi è stata ritirata la patente qualche anno fa e dopo il primo percorso per ritornare a circolare regolarmente, un’anno e mezzo fa non ho rifatto gli esami del sngue e di conseguenza non mi sono neanche presentata per ottenere il rinnovo del permesso per circolare. Se mi fermano a cosa vado incontro? Se causo un incidente a cosa vado incontro?

    Rispondi
    • Avatar
      BAT settembre 10, 2016

      La tua patente ha una validità, se è scaduta non girare assolutamente e recati alla motorizzazione, rischi sanzione è soprattutto l’assicurazione non copre.

      Rispondi
  13. Avatar
    Fabio settembre 27, 2016

    Salve a me è successo questo: alle ore 21:15 urto 2 auto parcheggiate creando poco danno proseguo la corsa con L’ auto e mi parcheggio regolarmente in un parcheggio a circa 3 km di distanza spengo l’auto e mi metto a dormire in attesa del carro attrezzi. Dopo circa un ora vengo svegliato da una pattuglia della polizia, che ha sua volta chiama la pattuglia della stradale per far rilevare l’incidente che avevo avuto un ora prima quindi mi sottopongo all’alcotest che mi da 1.73gl quindi 186/c.
    La mia domanda è come fanno ha dire che ero alla guida ubriaco se nessuno di loro mi ha visto alla guida e poi tutti gli atti del 186 perché non l’ha compilati la prima pattuglia che m’ ha trovato parcheggiato e quindi sono loro gli organi accertatori non la stradale che è intervenuta in un secondo momento.

    Rispondi
  14. Avatar
    Giorgia ottobre 27, 2016

    Io ho avuto un incidente con uno che era Palesemente ubriaco. Io quella sera non avevo bevuto perché dovevo guidare e avevo in auto la mia amica. Questo mi viene addosso con luci spente e mi fracassa la macchina, scappa via a piedi e lo ritrovano disteso a terra che dormiva davanti un locale più sotto. Noi che siamo rimaste ferite siamo state portate in ospedale,dove poi é stato portato anche lui . La mia domanda é una: Se ne forze dell’ordine e ne medici hanno eseguito il test cosa succede?

    Rispondi
  15. Avatar
    Beppe novembre 07, 2016

    Domenica, incidente in moto, una vettura si ferma di colpo per far attraversare un pedone sulle striscie (mea culpa ero troppo vicino), per non centrarla in pieno ho sterzato a sx, l’ho presa di striscio lato dietro sx, cadendo li con la moto. Malleolo rotto… prelievi del sangue e urina in ospedale, tasso 1,21… ritiro patente e confisca del motociclo. Rientro nella fascia di media gravità, adesso comincia l’avventura….

    Rispondi
  16. Avatar
    Lele dicembre 14, 2016

    Dopo una serata con amici bevendo 2 birre medie, una piccola e 2 amari il tutto dalle 19 alle 23.30, decido di rientrare a casa.
    Dopo pochi chilometri per foschia e stanchezza della giornata, prendo la decisione di fermarmi a riposare.
    Dopo 3 ore una pattuglia mi sveglia e iniziano i controlli, allorché mi portano in H per accertamenti con il ritiro precauzionale della patente per 10 giorni fino all’esito analisi
    Dopo varie chiamate, al 10 giorno mi presento al comando e sorpresa i risultati sono 1.4 tasso alcolico
    Mi sorgono ora dei dubbi sull’operato delle forze dell’ordine
    Premetto che non mi hanno detto niente su come procedere e sui miei diritti
    Come fare?

    Rispondi
  17. Avatar
    Ivan dicembre 25, 2016

    O fatto un incidente tutto dasolo finendo in un fosso tasso 1,08 che succede grazie

    Rispondi
  18. Avatar
    Marco febbraio 13, 2017

    Buongiorno a tutti, sono uno dei tanti che è inciampato in questo disegno di legge a dir poco ridicolo per alcuni aspetti, un disegno di legge che fa fare soldi a tribunali, avvocati, commissioni patenti e ASL insomma lo stato ingrassa le sue casse dopo che vende legalmente la sostanza alcolica con tanto di monopolio.
    UNICO PUNTO DOVE MI TROVO D’ACCORDO E’ IL RITIRO PATENTE. ( giusto chi sbaglia paghi il suo errore).
    LA CONFISCA DEL VEICOLO LA TROVO UNA COSA A DIRE POCO INGISTA ED ECCO IL PERCHE’: Due individui stesso reato uno ha una vettura da 500 euro l’altro una vettura da 100 mila euro…. il reato è identico ma questo metodo non rende giustizia con la famosa dicitura “LA LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI”
    Sarei per una multa che sia uguale per tutti in base al tasso alcolico e varie opzioni…… la legge come impostata è ingiusta perché non è uguale per tutti.
    Veniamo al penale….. dove mi troverei d’accordo in caso di danni a persone. Per il resto un altro modo per ingrassare avvocati, e un sistema giudiziario dove gli assassini i ladri ecc ecc hanno burocrazia di chi si beve un bicchiere in più.
    Un processo penale per guida in stato di ebrezza……. poi abbiamo liberi spacciatori, stupratori , assassini, ladri , truffatori , ecc ecc.
    Va bene il ritiro patente una multa in base al tasso uguale per tutti e vada i controlli annuali.
    Qui parliamo di persone che non sono criminali ma vengono trattate peggio. Parliamo di persone che per una stupidata già dal ritiro patente perdono posto di lavoro perché non lo possono raggiungere.
    UN ALTRA COSA DA PRECISARE CHI PAGA SONO ONESTI PERCHE’ IN MEZZO A TUTTO QUESTO ABBIAMO MOLTI NULLA TENENTI QUINDI NON PAGHERANNO NULLA DELLA SERIE SIAMO IN ITALIA CHI PAGA SONO SEMPRE GLI ONESTI DOVE NON CI SONO SOLDI NON PERSEGUITANO.
    E non facciamo i bigotti scagli la prima pietra chi non ha peccato o non ha in famiglia un peccatore……. parliamo di una bevanda legale venduta ovunque anche negli autogrill dove lo stato ci mette il suo monopolio e non facciamo la lista dei monopoli di stato dove le persone si rovinano perché non c’è controllo alla base

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*