Mercato Auto 2013: bene l’usato, nuovo in calo

Auto Trend 2013 (Aci): bene il mercato delle auto usate, nuovo in calo

Inizio 2013 con il mercato auto che procede a doppia velocità. Da una parte l’usato, che continua la sua marcia positiva; dall’altra il nuovo che arranca, anche se meno del previsto.
L’analisi proviene dall’ultimo bollettino Auto Trend dell’Automobile Club d’italia, che prende in esame i dati del Pubblico Registro Automobilistico relativi all’apertura d’anno ed è consultabile sul sito ACI.

Iniziamo dal vistoso calo delle prime immatricolazioni, tendenza peraltro in linea con quanto accaduto nell’anno precedente. A gennaio la flessione è stata del 12,5%: sono state vendute 113.097 automobili rispetto alle 129.252 dello stesso periodo del 2012.

Un anno fa, però, il decremento è stato pari al 19,5%. Flessione sì, quindi, ma più contenuta: che il mercato auto stia trovando un paracadute per frenare la picchiata? Presto per dirlo: basti pensare che per trovare dati simili, in termini assoluti, occorre risalire al livello di vendite del gennaio 1984.Si vende poco, insomma, e i prezzi di polizze e carburante, assieme all’aumento dell’IVA su ricambi e manutenzione, sono degli ottimi deterrenti per coloro che vogliono o stanno pensando di acquistare un’auto.

Intanto, a risentire della cattiva congiuntura economica sono anche le prime iscrizioni di motocicli, che fanno segnare un non proprio confortante -22,4%.

Ma non c’è solo la crisi a pesare sulla compravendita di auto e moto nuove. Auto Trend sottolinea la pesante contrazione di alcune province del nord, dovuta – si legge nel report – alle recenti modifiche alla disciplina dell’Imposta Provinciale di Trascrizione (IPT), che ha collegato alla provincia di residenza dell’acquirente (e non più del venditore) il calcolo dell’importo da pagare. Risultato: Aosta, Trento o Bolzano falcidiate dagli aumenti e soggette a pesanti contrazioni nelle nuove immatricolazioni, mentre altre – Firenze e Roma su tutte – che dopo mesi di risultati negativi (fino al -70%), rialzano la testa (rispettivamente +31,1 e +26,2%).

Musica diversa per l’usato che segna una variazione pari al +9,1% nei passaggi di proprietà rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. A gennaio 2013 per ogni 100 auto nuove sono state vendute 203 usate: questo la dice lunga sulle preferenze accordate dagli italiani a questo tipo di mercato sempre più competitivo e attento alle esigenze dei consumatori, tra “KM zero”, “garantito” e “aziendale”.

I passaggi di proprietà di autovetture, epurati dalle minivolture (che sono i trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa di rivendere il mezzo al cliente), sono cresciuti del 5,6%, per un totale di 374.799 pratiche contro le 355.033 di gennaio 2012. Bene anche le due ruote usate che, al netto delle minivolture, crescono del 3,1% (29.921 pratiche, sono state 28.402 a gennaio dello scorso anno).

Chiudono lo studio le radiazioni dal Pubblico Registro Automobilistico. Un segmento particolare che tiene il ritmo del tasso di ricambio del parco vetture e moto. Nel periodo preso in esame da Auto Trend, per ogni 100 automobili iscritte sono state radiate 139, tendenza dovuta per lo più alle radiazioni finalizzate all’esportazione.
Record per le moto, con le radiazioni che aumentano del 54%. 19.018 motocicli radiati nello scorso gennaio, 12.352 un anno fa.

 

Piero Babudro

Giornalista pubblicista, consulente, social media strategist, community manager, docente. Scrive di nuove tecnologie e comunicazione di massa, studiando da vicino i cambiamenti sociali e di consumo introdotti dai media interattivi.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*