Una macchina targata Apple? Forse è il futuro

automotive

Ferragamo fa gli occhiali da sole, Hermès i foulard, Lady Gaga i profumi e perché Apple non potrebbe pensare di entrare nel mercato automobilistico? La Apple Inc. gestisce una grossa fetta del mercato dell’elettronica, con un fatturato da capogiro e prodotti venduti milioni di volte in tutto il mondo.

Il prossimo anno la società si lancerà in un nuovo settore commerciale, non troppo distante da quello odierno, puntando a rivoluzionarlo completamente. iTv dovrebbe garantire la migliore fruizione di contenuti online, non fermandosi ai video e ai videogames ma integrando il concetto di applicazione che c’è dietro iOs. Un device per niente economico, ma che sicuramente riuscirà ad attirare l’attenzione di molti consumatori.

Apple adopters” e fanboy sono il punto di forza della Mela, che garantirebbero una base solida per potenziali investimenti in altri settori merceologici. Il giovane designer Shane Baxley ha immaginato cosa potrebbe tirare fuori dal cilindro Apple, nel caso fosse interessata al settore dell’ automotive. Il progetto comprende tre modelli, rivolti a una clientela differente, molto vicini alla stile della “mela morsicata”. iGoè l’auto del futuro, tirata fuori da una fusione delle menti di Jonathan Ive e P.K. Dick, dove il perfetto equilibrio tra tecnologia, meccanica ed elettronica rivoluzionerebbe il concetto di guida.

iMe è una vettura monoposto, dalla dimensioni di una scooter, coperta e a 2 ruote. Una vettura compatta ideale per gli spostamenti in città, un Segway futuristico, con un’autonomia di 55 km e ricaricabile per induzione.

iUs è l’auto per la coppia. Elegante, sportiva e competitiva. Riesce ad accogliere un massimo di due passeggeri, immaginata per gite fuoriporta ma con brio. L’autonomia è di 320 km e le batterie a litio ricaricabili in movimento

iWE è l’auto per la famiglia. Spaziosa, può contenere fino a quattro passeggeri, ideale per i lunghi viaggi (480km di autonomia) anche in “economia” visto che dovrebbe poter viaggiare in “treni di macchine” risparmiando energia. Dovrebbe avere la capacità di ruotare di 360° visto che la parte anteriore e posteriore sono uguali.

Tutti i modelli sono compatibili con i device Apple e con il suo sistema operativo, cosa che fornisce potenzialità infinite alle vetture.  Si tratta solo di una previsione, di come un colosso dell’elettronica di consumo possa rivoluzionare un settore fortemente in crisi, ma di presunte concept car made in Cupertino ne abbiamo viste tante in questi anni e forse continueranno a restare tali.

L’integrazione tra automobile e tecnologia è sempre più proficua. Nuove app permettono di gestire l’elettronica di base presente nelle vettura, offrendo comodità e gestioni mai viste finora. Mercedes fa un passo più grande offrendo, ai possessori delle sue vetture lussuose, un’integrazione tra sedile di guida e app che sarà in grado di personalizzare la seduta di guida per ogni guidatore.

L’app SmartFit sarà in grado di regolare il sedile di guida in maniera ottimale, dopo aver raccolto delle informazioni di base del guidatore. Un sedile capace di offrire un adeguato livello di confort e sicurezza per ogni guidatore, tutto grazie a un’app. L’auto del futuro sarà sempre più personalizzata, la sentiremo sempre più nostra.

Francesco Del Franco

Social media specialist, community manager, consumatore di cultura audio-video-testuale. Vede la comunicazione in ogni prodotto, parola, gesto e gli piace osservare e scrivere di quelle accezioni sempre un po’ nascoste.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*