Nel presente sito 6sicuro fa uso di cookies al fine di fornire una migliore esperienza di navigazione all'utente. Potrebbero essere presenti, inoltre, cookies di terze parti. Continuando a navigare nel sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi l'informativa .
Confronta Gratis le Migliori Assicurazioni Online
6sicuro > Blog > Consigli per risparmiare > Canone RAI: come disdire o chiedere l’esenzione
 
Confronta 18 assicurazioni

Canone RAI: come disdire o chiedere l’esenzione

28 gennaio 2014 | In: Consigli per risparmiare |

canone RAI

Canone RAI

Il canone televisivo italiano, più comunemente noto come canone RAI, è un’imposta sulla detenzione di apparecchiature abilitati alla ricezione di radioaudizioni televisivi nazionali. Quindi è una tassa sul possesso di qualsiasi dispositivo capace di ricevere un segnale radiotelevisivo, non sull’utilizzo o meno dell’emittente televisivo come potrebbe indurre a pensare il nome con cui è conosciuta l’imposta, Praticamente come il famigerato bollo auto.

Quando Pagare?

Entro il 31 gennaio bisogna pagare 113,50€ per il canone TV. Quest’anno non c’è stato nessun aumento della tassa, come è accaduto per il 2013, ed è sempre possibile richiedere la rateizzazione del canone TV in due o quattro mesi. Conviene pagare entro la data di scadenza per non esser soggetti a sanzioni amministrative che aumentano gradualmente nel tempo.
Attenzione, circola in rete una falsa abolizione prevista dalla Corte Europea

Esenzione e Rimborso del canone RAI

I cittadini italiani possono richiedere l’esenzione, presentando domanda, direttamente all’Agenzia dell’Entrate. La domanda, accompagnata da un documento di riconoscimento, costituisce dichiarazione sostitutiva e attesta il possesso dei requisiti minimi necessari all’esenzione del pagamento del canone RAI. I soggetti che possono beneficiare dell’esenzione devono avere i seguenti requisiti:

  • Aver compiuto almeno 75 anni di età;
  • possedere un reddito che, unitamente a quello del coniuge, non sia superiore a 6.713,98€ nell’anno d’imposta antecedente a quello per il quale viene richiesta l’esenzione/rimborso.
  • di non convivere con altre persone diverse dal coniuge, titolari di reddito proprio.

L’agevolazione è prevista solo per il canone ordinario: non è possibile richiederla nel caso in cui l’apparecchio sia ubicato in un luogo diverso da quello di residenza. Una volta ottenuta l’esenzione, negli anni successivi non è necessario presentare nuovamente la dichiarazione se le condizioni di esenzione permangono. Perdendo i requisisti necessari all’esenzione il soggetto dovrà versare spontaneamente la quota prevista per il canone.
Ecco la pagina dedicata del’Agenzia delle Entrate

Canone RAI: come disdire o chiedere l’esenzione

Disdetta del canone RAI

Al verificarsi di determinate situazioni, il contribuente può richiedere regolare disdetta del canone RAI all’Agenzia delle Entrare. La disdetta può essere richiesta se:

  • il contribuente cede a terzi tutti gli apparecchi capaci di ricevere radioaudizioni nitidamente e fornisce i dati (generalità e residenza) del nuovo detentore;
  • il contribuente comunica di non possedere nessuno apparecchio (es. furto, rottamazione, incendio) fornendo comunicazione dettagliata;
  • il contribuente richiede il suggelamento degli apparecchi, ovvero richiede di rendere inutilizzabili i dispositivi attraverso la chiusura in appositi involucri.

Questi sono gli unici casi in cui contribuente italiano è libero di non pagare il canone RAI.
Per sapere a chi inviare la richiesta, utilizzate questa pagina

Canone RAI: come disdire o chiedere l’esenzioneCanone TV: come disdire o chiedere l’esenzione http://bit.ly/1e4Dxei via @6sicuro

PC, Tablet, Smartphone e Google Glass: il futuro del canone Rai

Le cose stanno cambiando velocemente e la normativa italiana che regolamenta il canone, come accade sempre più spesso, sembra non essere al passo coi tempi. Oggi la TV ha perso quel valore di “focolare domestico” diventando un medium personale, la fruizione è molto più dinamica ed avviene attraverso più dispositivi. Computer, tablet, smartphone e tutto ciò che arriverà nell’immediato futuro (es. Google Glass) permettono agli utenti di accedere ai contenuti televisivi senza utilizzare un’apparecchiatura nativamente programmata a ricevere radioaudizioni, quindi tassabile. Le cose cambieranno, è inevitabile.

Probabilmente presto pagheremo il “canone Rai” per pc, tablet, smartphone, etc. perché i valori del televisore si svincolano dal supporto per approdare su queste apparecchiature, un processo graduale che porterà quasi sicuramente ad un nuovo aggiornamento dei criteri di applicazione della tassa.

nota

avatar

Responsabile Marketing di 6sicuro dal 2011, Salvatore ha un grande know-how di programmazione, progettazione, sviluppo e comunicazione, tutte passioni ed esperienze che ha messo al servizio di importanti portali e piattaforme web italiane. È il coordinatore generale e il principale punto di riferimento dell’intera squadra di blogger, tecnici, grafici e giornalisti che scrivono per 6sicuro.

Commenti Facebook
78 Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Preventivo Assicurazione
 
Cerca Assicurazioni Auto
Cerca
Guide Assicurazioni
 
Google Plus
 
newsletter assicurazione
Iscrizione
NEWSLETTER
Segui 6Sicuro su Facebook Segui 6sicuro assicurazione su Google+ Segui 6sicuro in Twitter Iscriviti al Feed 6sicuro assicurazioni