Nel presente sito 6sicuro fa uso di cookies al fine di fornire una migliore esperienza di navigazione all'utente. Potrebbero essere presenti, inoltre, cookies di terze parti. Continuando a navigare nel sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi l'informativa .
6sicuro > Blog > Detrazioni per figli a carico: novità 2013
Confronta 18 Assicurazioni Online
Confronta 18 assicurazioni

Detrazioni per figli a carico: novità 2013

25 febbraio 2013 | In: Blog | Tags:

Detrazioni per figli a carico: novità 2013

Delle novità fiscali per il 2013 abbiamo già parlato in questo articolo, ma alcune di esse meritano un approfondimento. Partiamo con le nuove e maggiorate detrazioni per figli a carico, in vigore dal 1° gennaio 2013 e che incidono positivamente già sulle buste paga dell’anno in corso, mentre chi percepisce redditi da lavoro autonomo ne osserverà i benefici in sede di compilazione del modello Unico 2014 per i redditi relativi al 2013.

Detrazioni per figli a carico

Un figlio è considerato fiscalmente a carico se non ha percepito nel corso dell’anno un reddito superiore ad euro 2.840,51, al lordo degli oneri deducibili, ricomprendendo nel reddito imponibile anche il reddito dell’abitazione principale e delle inerenti pertinenze. Insomma parliamo dei figli non economicamente autonomi.

Nuove detrazioni

La legge di stabilità 2013 prevede un incremento delle detrazioni per figli a carico che passano da 900 a 1.220 euro per i figli con meno di tre anni e da 800 a 950 euro per quelli di età pari o superiore a tre anni. Inoltre, la maggiorazione spettante per i figli portatori di handicap sale da 220 a 400 euro. Si tratta di importi teorici che decresceranno al crescere del reddito percepito dal genitore; per semplificare diciamo che con un solo figlio e 10.000 euro di reddito la detrazione effettiva sarà pari a 850 euro. In sostanza per ciascuna famiglia le detrazioni andranno a variare in base a:

  • reddito;
  • età dei figli;
  • numero di figli;
  • eventuali handicap.

Tabella riepilogativa

Figli a carico

Minori 3 anni

Maggiori 3 anni

Minori di 3 anni

portatori handicap

Maggiori di 3 anni

portatori handicap

1

1.220 euro

950 euro

1.620 euro

1.350 euro

2

1.220 euro

950 euro

1.620 euro

1.350 euro

3

1.220 euro

950 euro

1.620 euro

1.350 euro

4 e oltre

1.420 euro

1.150 euro

1.820 euro

1.550 euro

Ripartizione tra genitori

Le detrazioni per figli a carico devono essere essere ripartite al 50% tra entrambi i genitori, in alternativa, e previo accordo, è possibile attribuirle interamente al genitore che ha il reddito più elevato. In quest’ultimo caso si riesce a prevenire quel fenomeno denominato “incapienza” in base al quale non si riescono a sfruttare interamente le detrazioni perché uno dei due coniugi ha un ridotto debito IRPEF.

FAQ

1. Posso mettere mio figlio a mio carico se non ho reddito?
Non avendo tu reddito, non sei tenuto a presentare alcuna dichiarazione e dunque non sarà possibile nemmeno dichiarare un figlio a carico.

2. Il mio coniuge è disoccupato, posso metterlo a mio carico?
Se il coniuge nel corso dell’anno non ha percepito un reddito superiore a 2.840,51 euro, può essere indicato a carico del coniuge lavoratore.

3. Posso mettere i miei figli a carico al 100%?
1) puoi mettere i tuoi figli a carico al 100% esclusivamente se sei il coniuge con il reddito più alto;
2) le detrazioni, spese mediche incluse, relative ai figli seguono la percentuale stabilita per i figli a carico, quindi con i figli al 100% hai diritto all’intera detrazione;
3) se sei dipendente devi comunicare la tua volontà di metterli a carico al 100% al tuo datore di lavoro, in modo da usufruire delle detrazioni per figli a carico direttamente in busta paga. Dopodiché dovrai indicare la nuova percentuale anche sul prossimo 730.

4. Fino a quando mio figlio potrà rimanere a mio carico in dichiarazione?
Tuo figlio rimarrà a tuo carico finché il suo reddito annuo non supererà 2.840,51 euro.

5. Come funzionano le detrazioni in caso di separazione?
- se non siete separati legalmente, hai diritto al solo 50% della detrazione;
- se siete già separati legalmente e tu sei il genitore affidatario, puoi indicare il 100%.

6. Detrazioni per figli a carico e assegni famigliari sono la stessa cosa?
No, sono due temi diversi. Per gli assegni famigliari rinvio all’articolo dedicato.

nota

avatar

Dagli studi professionali tra Milano e Torino al blog personale, passando per un'esperienza televisiva che ha segnato la svolta. Tre grandi passioni: la scrittura, il fisco, la semplicità. Meglio nota in Rete come @mammaeconomia, sempre in equilibrio tra famiglia e professione tra comunicazione e aggiornamento fiscale.

Commenti Facebook
166 Commenti
  1. avatar

    Ciao Marco,
    non avendo tu reddito, non sei tenuto a presentare alcuna dichiarazione e dunque non sarà possibile nemmeno dichiarare un figlio a carico.

  2. avatar

    siamo una famiglia con due figli uno di 29 anni e l’altra di 24 anni Il grande lavora da circa un anno è ha un suo reddito, la seconda studia all’università. Le chiedo: mio figlio a novembre 2013 vuole uscire dal mio nucleo familiare e mettersi per conto suo, può prendersi a carico la sorella e uscire dal mio nucleo familiare?
    Vorrei una risposta quanto prima in quanto a riguardo ho avuto risposte molto differenti. Ciao Andrea

  3. avatar

    Ciao Andrea,
    per poter indicare tua figlia a carico del fratello, bisognerebbe che entrambi uscissero dal tuo stato di famiglia, andando a vivere altrove entrambi.
    Finché sarete tutti nello stato di famiglia, tua figlia resterà a tuo carico.

  4. avatar

    BUONGIORNO VOLEVO CHGIEDERLE,
    SONO UNA LAVORATRICE DIPENDENTE PERCEPISCO INTORNO AI 720 EURO MENSILI,
    HO UNA BAMBINA DI 4 MESI E VOLEVO METTERLA A CARICO MIO PERCHE MIO MARITO NN LAVORA.
    SONO ANDATA AL CAF PER FARE LE PRATICHE MA DALLA NASCITA DI MIA FIGLIA A OGGI NON MI E’ PERVENUTO NIENTE.
    HO PROVATO A PARLARE CON LA COMMERCIALISTA E MI HA DETTO CHE DEVO COMPILARLE UN MODULO…LA MIA DOMANDA E’ CON UNA BIMBA DI 4 MESI E LO STIPENDIO CHE HO QUANDO RIUSCIREI A PERCEPIRE AVENDOLA A CARICO?
    E IN PIU’ I MESI PASSATI ORMAI ANDRANNO PERSI?
    BE MI PREOCCUPO PERCHE’ NON E’ UNA SITUAZIONE FACILE,QUINDI MI FAREBBE COMODO ARROTONDARE QUALCOSINA.
    ATTENDO UNA SUA RISPOSTA LA SALUTO E LA RINGRAZIO ANTICIPATATMENTE

  5. avatar

    Salve. sono incinta e fra pochi gg diventerò mamma di una bimba..sia io che mio marito siamo lavoratori dipendenti e nel nostro stato di famiglia compaiono anche i miei genitori di cui papà in pensione e mamma disoccupata.. le chiedo: il fatto che mio padre compaia nello stato di famiglia e percepisca la pensione andrà ad influenzare l’ammontare dell detrazioni x figlio a carico?
    grazie mille!

  6. avatar

    Ciao Sonia,
    le detrazioni per figli a carico non dipendo assolutamente dal fatto che tu conviva o meno con tuo padre, quindi tranquilla.

  7. avatar

    Ciao Anna,
    le detrazioni per figli a carico vengono determinate direttamente sulla tua busta paga, quindi hai diritto ad uno stipendio netto un po’ più consistente.

  8. avatar

    buona sera sono rumena lavoro da 1 gennaio come badante sono coniugata o una figlia di 2 anni ha fatto a 1 agosto, sono tutte 2 in romania e mio marito non lavora, qualche amiche a detto ciò poso prendere qualche soldi ma devo andare da caf ,io adesso no lo so cosa devo dire al caf detrazione per figlia o pure per tutte 2 anche per mio marito o pure assegno famigliare. grazie spero che lei mi possa aiutare.

  9. avatar

    Ciao Georgia,
    le tue amiche ti hanno dato un ottimo consiglio. Devi andare al CAF e raccontare la tua situazione come hai fatto qui in modo da capire se hai diritto sia agli assegni familiari che alle detrazioni.

  10. avatar

    Salve sono una dipendente assunta dal 2009 con contratto a tempo indet. Sono sposata da sett 2013 e mio marito è disoccupato dal 2011… Posso metterlo a mio carico e come si fa? Grazie infinite

  11. avatar

    Ciao Debora,

    dovrai indicare al tuo datore di lavoro che tuo marito è a tuo carico da settembre 2013. In dichiarazione dei redditi (quella che compilerai la prossima primavera per l’anno 2013)indicherai “coniuge a carico” per 4 mesi (da settembre a dicembre).

  12. avatar

    Buon giorno. vorrei avere se possibile alcune informazioni:
    1) sono mamma di due bambini (la seconda nata ad aprile). posso mettere a mio carico al 100% entrambi i miei figli (avendo io reddito più alto) anche se mio marito NON risulta essere inadempiente? mio marto però non riceve stipendio da due mesi..nonostante lavori e riceva busta paga.
    2) se entrambi i miei figli fossero a mio carico: le loro spese mediche (intestate a loro) potrei detrarle SOLO io al 100%?
    3) se potessi metterli entrambi a mio carico al 100% da QUANDO potrei far valere questa cosa? (fin ora il primo figlio era al 50%). Presentando la variazione in seguito all’avvenuta nascita della seconda figlia? in questo caso il primo figlio sarebbe al 50% da gennaio ad aprile e al 100% da aprile ad oggi? meglio aspettare e metterli a mio carico entrambi da gennaio?…non vorrei fare pasticci col 730 ma al tempo stesso vorrei recuparare qualcosa di più nel mio attuale stipendio al 30% (essendo in maternità facoltativa)

    grazie infinite
    elena

  13. avatar

    Ciao Elena,
    1) puoi mettere i tuoi figli a carico al 100% esclusivamente se sei il coniuge con il reddito più alto;
    2) le detrazioni, spese mediche incluse, relative ai figli seguono la percentuale stabilita per i figli a carico, quindi con i figli al 100% hai diritto all’intera detrazione;
    3) se sei dipendente devi comunicare la tua volontà di metterli a carico al 100% al tuo datore di lavoro, in modo da usufruire delle detrazioni per figli a carico direttamente in busta paga. Dopodiché dovrai indicare la nuova percentuale anche sul prossimo 730.

  14. avatar

    Salve, volevo gentilmente qualche informazione: sono un padre separato legalmente e passo alla mia ex moglie gli alimenti per lei e per i miei due figli di 13 anni e 24 anni, volevo pero’ sapere una cosa; dato che i miei figli sono a carico mio, mia figlia ha deciso di andare ad abitare da sola in un altra casa cambiando residenza, dato che ancora non lavora e’ sempre a carico mio anche abitando da un altra parte? Grazie

  15. avatar

    Salve volevo un informazione. Io lavoro come dipendente e mio marito autonomo dvolevo sapere visto che il mio reddito e piu alto posso mettermi le bimbe a mio carico al 100 % lui a le detrazioni al 50% cosa mi consiglia oppure dichiarare come ho fatto i redditi ciao grazie

  16. avatar

    Salve sono sempre Giovanni volevo gentilmente un altra informazione; mia figlia e’ a carico mio e non sta lavorando, ma sta decidendo forse di chiedere la partita iva per aprirsi una piccola attivita’, volevo sapere quando non sara’ piu’ a carico mio? al momento che chiede la partita iva o quando comincera’ ad avere degli introiti? saluti e grazie per la risposta

  17. avatar

    Ciao Kikka,
    consiglio di mettere a tuo carico le bimbe al 100%, questo significa che usufruirai solo tu delle detrazioni a loro spettanti.

  18. avatar

    salve .. ho un figlio di 21 anni e da 18 anni smesso di avere assegno famigliare per lui visto che diventato un magiorenne ma ora leggo e rileggo qui…e non capisco posso chiedere qualche rimborso per figlio di 21 anni che non lavora quando vado a fare 730 ?? o come ??

  19. avatar

    buona sera .. ho un bimbo appena nato … abbiamo 2 residenze diverse con mio compagno (padre di bimbo) ,,,, lui pò chiedere assegni famigliari per bimbo essendo padre naturale ma non residente con figlio ? o posso chieder solamente io visto che bimbo residente con me e quindi fa parte del mio nucleo famigliare ?? grazie

  20. avatar

    Ciao Naty,
    per i tuoi figli maggiorenni hai diritto all’assegno familiare esclusivamente se sono universitari o apprendisti.
    Per quanto concerne le detrazioni per figli a carico nel 730, avrai diritto a richiederle finché i tuoi figli percepiranno un reddito inferiore ai 2.840,51 euro annui.

  21. avatar

    salve ,, 1.sono sposata legalmente ma da un pò che abbiamo le residenze diverse ( separati di fatto ) e sono incinta da un altro uomo …come procede con riconoscimento ..nascituro viene considerato figlio di mio marito ??? quindi mio compagno non pò riconoscere senza permesso di mio marito legittimo ??? 2. poi se si pò riconoscere da me e da suo padre naturale(essendo in matrimonio con un altro uomo ) posso chiedere assegno maternita e assegni famigliari per bambino ?? p.s. forse non in tema le mie domande ma se riesce a rispondere la ringrazio in anticipo..

  22. avatar

    Buonasera, vorrei chiarimenti:io sono disoccupato da Aprile 2013 e mia moglie a sempre percepito lei gli assegni familiari dei nostri figli di 6 e10 anni mentre le detrazioni sono al 50 per cento.purtroppo solo ora ho pensato che mia moglie potrebbe avere anche per me e detrazioni e la parte restante del mio 50per cento. e sara possibili la retroattivita fino ad aprile 2013 ?e che valore avrebbero dato il reddito di mia moglie e di 22000 .grazie

  23. avatar

    Salve,vorrei un chiarimento,mio padre pensionato con reddito attorno ai 16000 euro netti all’anno ,ha suo carico sua moglie e suo figlio che era disoccupato (figlio),da poco il figlio lavora a part time con circa 730 euro al mese,mi puo’ dire piu’ o meno quanto perdera’ in euro all’anno a fronte dei 16.000 che prendeva quando il figlio era ancora a carico?
    Nell’attesa di una risposta ,vi ringrazio.
    Saluti Carmine.

  24. avatar

    posso percepire gli assegli familiari per mio figlio maggiorenne di anni 25 disoccupato^? e inoltre posso percepire anche assegni familiare per il convivente a carico avendo io uno stipendio di euro 800?
    grazie aspetto risposta.

  25. avatar

    Salve, vorrei sapere se la percentuale di detrazione per figlio a carico,che si può variare in qualsiasi momento in corso d’anno, ha si effetto nel momento in cui viene chiesta ma parte sempre dall’inizio anno e conguagliata a dicembre? Per esempio io posso avere nel 2013 mio figlio a carico 8 mesi al 50% e 4 al 100 (avendo comunque il reddito più alto)?
    Grazie

  26. avatar

    Salve, vorrei porre un mio dubbio che concerne la domanda per la borsa di studio. Sia io sia mia sorella siamo in possesso dei requisiti per fare domanda borsa di studio. Il problema sussiste se consideriamo l’ISEE. Mi spiego.
    Io, Filomena, faccio residenza presso un’abitazione in via XXX, insieme a mia madre (casalinga) e mio padre (dipendente Inpdap).
    Mia sorella, invece, risiede presso casa dei due nonni materni in via YYY.
    Tuttavia, mia sorella è a carico IRPEF di mio padre (dal quale ovviamente è sostenuta).

    Quando mia sorella in passato ha fatto domanda per borsa di studio presso la sua Università, consegnava un ISEE in cui si considerava sia il reddito dei nonni (presso i quali risiede), sia il reddito di nostro padre (al quale è a carico Irpef).
    Se invece consideriamo il mio ISEE, in esso si tiene conto solo del reddito di mio padre (perchè risiedo presso la sua residenza).

    Quando ci è capitato in passato di fare domanda per altre borse di studio, solitamente vi erano scadenze diverse. Se ad esempio scadeva prima il bando che interessava me, facevamo un ISEE per me (in cui consideravamo me, madre, padre e sorella); poi, scaduto il “mio” bando, il commercialista elaborava un altro Isee per mia sorella così che potesse poi far lei domanda per il “suo” bando (e nel suo Isee si consideravano: padre, madre, io, lei, in più i due nonni). Il nuovo Isee andava ad annullare il vecchio, ma il che non comportava problemi, perchè ciò che contava era che ogni ISEE fosse valido fino al giorno di scadenza del bando di concorso perla borsa di studio.

    In questo caso, invece, il problema è che io e mia sorella partecipiamo allo stesso bando e la data di scadenza è UNICA, quindi non possiamo fare che, ad esempio, prima una delle due fa domanda con il proprio Isee, poi il bando scade, si va a fare un nuovo Isee così che anche l’altra possa far domanda! Cioè, non si possono avere due Isee diversi contemporaneamente, ma solo uno e, qualora un Isee viene modificato o rinnovato, automaticamente il vecchio Isee viene annullato. Come dobbiamo comportarci?
    Se presentiamo un Isee sia per me che per mia sorella, in cui consideriamo sia il reddito di padre, sia il reddito dei nonni, dichiareremmo il vero per mia sorella, ma il falso per me.
    Se presentiamo un Isee in cui si considera solo il reddito di padre, allora per me si dichiara il vero, ma per mia sorella si dichiara il falso.

    Il bando non specifica nulla a riguardo, parla solo di “nucleo familiare”. In teoria, il nucleo familiare di mia sorella è composto dai nonni, ma comunque lei è anche a carico del padre
    saluti lucia

  27. avatar

    Salve, un figlio maggiorenne che non ha reddito fino a tutto giugno, e da luglio a dicembre ha un reddito complessivo superiore, anche se di poco, ai 2.840,51 può essere a carico per i primi 6 mesi ? Grazie.

  28. avatar

    Ciao Sofia,

    il bambino deve essere riconosciuto dal padre naturale e potrai chiedere per lui gli assegni familiari. Vista però la tua situazione complessa, non so a che punto sia la tua separazione ecc. ti consiglio comunque di rivolgerti all’ufficio del personale dell’azienda in cui lavori oppure ad un CAF oppure ad un commercialista.

  29. avatar

    Ciao Massimo,
    non sono in grado di determinare il valore delle tue detrazioni ma posso dirti che tua moglie nella dichiarazione del prossimo anno, relativa ai redditi percepiti nel 2013, potrà sicuramente mettere i figli a carico al 100%.
    Potresti essere a suo carico anche tu nel caso il tuo reddito 2013 non superasse i 2.840,51 euro.

  30. avatar

    Ciao Carmine,
    non sono in grado di determinare il nuovo reddito di tuo padre, ma certamente suo figlio non sarà più a suo carico se ha percepito un reddito annuo superiore a 2.840,51 euro.
    Per dettagli ed eventuali simulazioni ti consiglio di rivolgerti ad un CAF oppure ad un commercialista.

  31. avatar

    Ciao Angela,
    gli assegni familiari per i figli maggiorenni spettano solo nel caso i figli stesi siano universitari o apprendisti, in caso di disoccupazione non si ha diritto agli assegni, nemmeno per il coniuge.

  32. avatar

    Ciao Lucia,

    la vostra situazione mi sembra abbastanza complessa. Non sono in grado di darvi una risposta esaustiva e per questo vi consiglierei di consultarvi innanzitutto con il vostro commercialista e poi di informarvi presso la segreteria dell’Ente che eroga la borsa di studio.

  33. avatar

    Salve sono ELISA E HO BISOGNO DI UN CONSIGLIO…MIO MARITO è UN OPERAIO ASSUNTO A TEMPO INDETERMINATO, IO SONO ASSUNTA CON UN CONTRATTO DI PRESTAZIONE SPORTIVA.l’ANNO PROSSIMO IL MIO REDDITO NON MI DARà PIU’ LA POSSIBILITà DI ESSERE A CARICO DI MIO MARITO M,A I MIEI FIGLI DI 2 E 7 ANNI SARANNO ANCORA A CARICO DI MIO MARITO?

  34. avatar

    ciao michela, ho un problema . I miei due figli sono a carico al 100% di mia moglie che ha un reddito di poco più basso del mio.Poco tempo fa dall’agenzia dell’entrate è arrivata un imposta da pagare perchè i figli non sono stati messi a mio carico(690 euro).é corretto tale accertamento ? Ma se io non ho usufruito di detrazioni perchè a mia moglie viene contestata la metà delle detrazioni percepite? grazie ti prego rispondimi

  35. avatar

    Ciao Elisa,
    dal prossimo anno potrete scegliere se mettere i figlia a carico per il 50% a testa o per il 100% nella dichiarazione del genitore che percepisce il reddito più elevato.

  36. avatar

    Ciao Corrado,
    purtroppo devi pagare quelle imposte richieste. Attualmente la norma dice che i figli vanno messi a carico al 50% per ogni coniuge o in alternativa al 100% in dichiarazione del coniuge che percepisce un reddito maggiore.

  37. avatar

    Buonasera Sign.ra, ho un quesito da porgere. Sono padre di 3 figli, con moglie a carico, viviamo a casa dei genitori di mia moglie, per lavoro dovrei spostarmi e cambiare residenza in italia.
    Chiedevo cambiando residenza, ho ancora diritto agli assegni familiari, sia per moglie e per figli a carico?
    Ringrazio anticipatamente

  38. avatar

    Buongiorno Michela,
    a febbraio nascerà il mio primo figlio.
    Io e la mia compagna siamo lavoratori dipendenti (reddito oltre i 35.000 lordi/annui) non siamo sposati e abbiamo residenze diverse.
    Due domande:
    1. La detrazione per figlio a carico conviene associarla al 100% a chi ha lo stipendio maggiore? o conviene 50% e 50%?
    2. Per la nostra situazione, abbiamo diritto all’assegno familiare entrambi, uno dei due, o nessuno?

    Grazie in anticipo delle sue risposte.

  39. avatar

    Buongiorno, chiedo un’informazione, sono mamma di un bambino di due mesi, ho la maternità fino a gennaio, vorrei sapere se posso beneficiare della detrazione e assegno famigliare se prendo la dissocupazione, mio marito non lavora. Grazie

  40. avatar

    Buongiorno Michela ,
    ho una situazione identica a Guido !( la mia bimba nasce 1 mese prima!)
    mi associo a lui nel ringraziarla per le risposte.
    fabrizio

  41. avatar

    Salve,
    vorrei sapere se sono divorziata e il mio ex marito muore poco dopo il divorzio, mio figlio posso portarlo in detrazione come “primo figlio in mancanza del coniuge?”
    Grazie
    Paola

  42. avatar

    Salve sono Monika e le volevo chiedere un informazione. Io ho una bimba di 8 mesi e una settimana fa ho iniziato a lavorare e mi é stato chiesto di compilare la detrazione x i figli a carico. Visto che con il mio compagno ci stiamo lasciando e lui ha il 100% perché lavora, volevo chiedere cosa deve fare lui per rinunciarci e cosa devo fare io per richiederlo e dove devo andare. Posso andare tipo alla cgil o inca? E quanto tempo ci vuole? Visto che mia figlia starà ora con me volevo sapere come bisogna fare perché entro qualche giorno dovrei riconsegnare il contratto con la detrazione, quindi volevo chiedere se magari posso già consegnare con scritto 100% o rischio una multa? Ho bisogno di saperlo. Grazie

  43. avatar

    Ciao Guido,
    per quanto riguarda le detrazioni potete operare entrambe le scelte, bisognerebbe solo capire cosa conviene fare perché magari uno dei due non ha IRPEF a debito sufficiente e si potrebbero perdere dei soldi (allora 100% a chi guadagna di più).
    Per quanto riguarda gli assegni, essi spettano al genitore che convive con i figli.

  44. avatar

    Ciao Flavia,
    da quel che scrivi capisco che non sei più una lavoratrice dipendente, per cui non avresti diritto agli assegni familiari, ma dovresti informarti presso INPS e Comune per capire se ci sono altri aiuti economici per mamme disoccupate.
    Per quel che concerne le detrazioni continui ad averne diritto se presenti la dichiarazione dei redditi.

  45. avatar

    Ciao Monika,
    - se non siete separati legalmente, hai diritto al solo 50% della detrazione;
    - se siete già separati legalmente e tu sei il genitore affidatario, puoi indicare il 100%.
    Rivolgiti pure a qualsiasi CAF per ulteriori chiarimenti.

  46. avatar

    Salve, sono un pensionato inps, mia figlia è una studentessa universitaria posso chiedere all’inps gli assegni familiari se si quanti anni di arretrati posso chiedere. Grazie

  47. avatar

    BUONASERA,
    SONO STATA ASSUNTA A FEBBRAIO 2013 PERCEPISCO €250 MENSILI CHE A FINE ANNO FORMERANNO UN REDDITO DI €3000,00 SONO ANCORA A CARICO DI MIO MARITO. PERDERO’ QUALCOSA NELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITTI (730) 2014.
    CONVIENE TOGLIERMI A CARICO DI MIO MARITO??
    GRAZIE

  48. avatar

    salve, sono un divorziato e ho un figlio di 4 anni che abita con me anche se la tutela la detiene sua madre, visto che lei non lavora posso metterlo in carico io?

  49. avatar

    Salve mio figlio ha compiuto 18 anni sono separato e la moglie non lavora per cui mio figlio ce l’ho io al 100% nelle detrazioni .Adesso che è diventato maggiorenne posso cmq fruirne se lui non studia e non lavora non percecisce nessun reddito a parte il mio mantenimento di 400 euro mensili e non ha la residenza con me ,ma con la madre?Grazie

  50. avatar

    Salve, sono disoccupato e non avro’ alcun reddito nel 2013 a parte l’abitazione principale e una cantina di 15 mc sita in altro luogo non pertinente all’abitazione principale .
    Mi hanno detto che non devo fare quindi nessuna dichiarazione dei redditi
    ma come faccio se ho delle spese mediche tipo ticket farmacia,visite specialistiche,fatture x ristrutturazioni edilizie.
    Posso farmi mettere a carico di mia moglie che lavora nel suo 730 e detrarre cosi’ tutte le mie spese dal suo 730 ?

    Grazie

  51. avatar

    salve michela
    sono un lavoratore dipendente e la mia ex compagna è lavoratore autonomo.
    abbiamo una figlia di 4 anni in affidamento congiunto.
    in relazione alla detrazione figli a carico ho sempre detratto la misura del 100% in quanto avente tra i due il reddito più alto.
    mi è stata ratificata ora una cartella esattoriale di 397 euro in relazione alla dichiarazione 730/2011 relativa all’anno d’imposta 2010 in quanto risulta che la figlia è fiscalmente a carico anche della madre.
    c’è un errore al quale posso appellarmi oppure ho sbagliato dal principio a dichiarare il 100% io stesso?
    saluti e grazie

  52. avatar

    Salve ho un quesito importante da porle il 13 luglio 2012 e nata la nostra bimba allora io ero in maternita e mio marito lavorava, su consiglio della consulente abbiamo messo la bimba al 50% per quanto riguarda le detrazioni imposta a carico dei figli io allora avevo percepito stioendio fino a ottobre per poi andare in disoccupazione da novembre 2012 a luglio 2013 inserendo sempre la bimba al 50%. Da agosto 2013 a novembre 2013 sono stata disoccupata ma non abbiamo comunicato al consulente che le detrazionj andavano operate al 100 % su mio marito possiamo recuperare almeno il 50% non ususfruito da agosto a dicembre in qualche modo grazie

  53. avatar

    sono divorziato da anni… oggi ho ricevuto dalle agenzie delle entrate 3000 da pagare perche la mia ex moglie ha dichiarato il 100% di carico dei nostri figli, io invece il 50% come da accordi di anni fa. cosa posso fare? come mai lei puo cambiare e passare da 50% a 100% o viceversa a mia insaputa?e poi io ricevo 3000 euro da pagare perche lei si comporta in questo modo?

  54. avatar

    Buon giorno signora Michela calculli vorrei che lei mi aiutasse per chiarire e saper come muovermi.. Io sono un operaio da quasi 3 anni e ho un cud di poco più dI 11.000 all’anno e la mia compagna che ha la residenza da sua madre che ha la casa comunale e vive con lei insieme al fratello cioè non lavora e ha sempre lavorato in nero dato che è minorenne ma non è un problema dato che quando nascerà il nostro figlio ne avrà già 18 .volevo sapere come muovermi e cosa mi converrebbe fare come muovermi con questa cosa della residenza detrazioni etc.. La ringrazio in anticipo..

  55. avatar

    Buongiorno sig.ra Michela.
    Ho una pensione di circa 10.500 euro l’anno più un reddito di 4000 euro, mia moglie ne ha uno da 7000 euro(reddito). La figlia a carico l’ho messa io per avere meno detrazioni dalla pensione. E’ giusto?
    Grazie
    Saro

  56. avatar

    Salve, volevo gentilmente un informazione, sono un pensionato Inps(separato) e ho i miei due figli a carico al 100% di cui una maggiorenne che dal mese di Novembre ha la partita iva perche’ vuole aprire (non so’ quando) una piccola attivita’, la mia domanda e’questa: essendo a carico mio quando devo comunicare all’Inps la variazione su mia figlia riguardo le detrazioni subito ad inizio anno per evitare eventuali differenze di soldi poi da restituire, o aspettare quando aprira’ l’attivita’ con eventuali introiti e segnalare la variazione per togliere mia figlia a carico? saluti e grazie anticipatamente per la risposta e buone feste.

  57. avatar

    Buon giorno sig.ra Michela:
    Ho un figlio di 40 anni . L’anno scorso ha lavorato per circa sei mesi superando cosi’ il limite per essere dichiarato a mio carico.
    Quest’ anno non ha piu’ lavorato . Posso dichiararlo a mio carico ?
    Posso dedurre tutte le spese mediche che ho dovuto sostenere per lui ?
    Se si cosa devo fare ? Grazie per la risposta

  58. avatar

    Buon giorno sig.ra Michela
    Volevo sapere una cosa ho una figlia di 8 messi e la moglia in carico
    8 messi fa a il mio datore di lavoro ho fato una domanda per asegnio famigliare e lui ma fato compilare un foglio ,poi fra 8 mesi visto che sulle busta paghe non vedo i assegni sono andato al caf con le buste paghe dove mi anno dieto che io ho compilato il modulo per detrazioni a figli in carico e dovevo compilare anche il modulo assegnio per nucleo famigliare adeso ho copilato il modulo per asegni famigliari e volevo sapere come vengono pagate i asegni tramite buste paghe o diretamente dal inps e come scaricare 8 messi persi di asegni ho vengono pagate automaticamente grazie

  59. avatar

    buon giorno e auguri vorrei gentilmente un’informazione all’inizio dell’anno ho fatto richiesta presso la mia azienda per la messa a carico del secondo figlio durante l’anno non ho mai percepito la sua quota solo adesso nella busta paga di novembre ho riscontrato la sua quota (circa 65 euro) ma tutti i mesi precedenti da che ho fatto richiesta (con modulo debitamente compilato) mi verranno erogati? la ringrazio anticipatamente e rinnovo i miei migliori auguri .PS puo’ rispondermi anche su fa..come messaggio

  60. avatar

    Buonasera sono un dipendente statale…dovrei mettere a carico al cento per cento mia figlia e chiedere l assegno familiare ma tutto cio incide sulla detrazione del risparmio energetico non e che chiedendo una cosa ne perdo un altra grazie

  61. avatar

    Salve ho aperto partita iva a giugno 2012 pur rimanendo per lo stesso anno a carico dei miei genitori volevo saperese sono tenuto per il 2012 a pagare contributi previdenziali pur avendo guadagnato 1000 euro

  62. avatar

    Buonasera, sono una ragazza rumena, sono sposata e con un bimbo…fino a settembre 2013 ho lavorato e mio marito prendeva l’assegno famigliare, da settembre non lavoro più ed a dicembre mio marito ha preso l’assegno famigliare sempre uguale, non è cambiato nulla, mi aspettavo che un aumento per il bimbo e anche per me perché mi ha presso a carico… il suo datore ci ha detto che il cambiamento sarà a giugno prossimo con il prossimo cud. E’ vero questa cosa?

  63. avatar

    Ciao Pasquale,
    se tua figlia è studentessa universitaria e non percepisce reddito, hai diritto agli assegni familiari.
    Per quanto concerne gli arretrati ti consiglio di rivolgerti direttamente alla sede INPS di tua competenza.

  64. avatar

    Ciao Alessandra,
    con un reddito di 3.000 euro superi la soglia massima per rimanere a carico di tuo marito. Quindi non rientrerai più nella sua dichiarazione.

  65. avatar

    Ciao Andrea,
    la tua detrazione al 100% in quanto genitore con il reddito più elevato è corretta. Mi domando se nella dichiarazione della tua ex moglie non fosse indicata erroneamente la detrazione al 50%.

  66. avatar

    Ciao Elisa,

    per recuperare quel 50% è opportuno vi rivolgiate al consulente del lavoro della ditta di suo marito. In modo da operare un conguaglio.

  67. avatar

    Ciao Giuseppe,

    purtroppo nel tuo caso credo sia necessario rivolgersi ad un avvocato nonché ad un commercialista per individuare i passi da compiere nei confronti della tua ex moglie e dell’Agenzia delle Entrate.

  68. avatar

    Ciao Giuseppe,
    sì puoi rimettere tuo figlio a carico ed inserirlo in dichiarazione detraendo le spese che hai sostenuto per lui.

  69. avatar

    Ciao Teresa,

    per gli arretrati le consiglio di rivolgersi al consulente del lavoro della sua azienda o, se esiste, all’ufficio amministrativo.

  70. avatar

    Ciao Kin,
    dipende dalla gestione INPS alla quale sei iscritto, in alcuni casi ci sono dei contributi minimi obbligatori che vanno assolutamente versati.

  71. avatar

    Ciao Gabriela,

    sicuramente c’è stata una variazione nella vostra situazione. Per le tempistiche ti consiglio di rivolgerti ad un caf.

  72. avatar

    Salve Michela, forse potrai chiarirmi una volta per tutte il mio “particolare” caso.
    Io risulto residente con i miei genitori, ma sono sposato e ho il domicilio nell’indirizzo di residenza di mia moglie.
    Il problema riguarda le agevolazioni fiscali dei miei genitori, esenzione ticket, assegni pensionistici, ecc.
    Davvero, in questi casi, il mio reddito si somma a quello di mio padre (pensionato)? Anche se non sono a loro carico e ho formato un nucleo familiare con mia moglie?
    Da quello che ho letto, mi pare che lo stato di famiglia e nucleo familiare siano due cose separate, e in questi casi dovrebbe contare il secondo, non il primo?
    Mi sbaglio?
    Grazie in anticipo.

  73. avatar

    Buongiorno Michela, fino a giugno 2013 mio marito ha avuto le detrazioni al 100% a suo carico( praticamente quasi tutto il periodo che io sono stata in maternità del mio secondo figlio’). Percepisce anche gli assegni familiari dei ns due figli. In occasione della nuova dichiarazione la sindacalista del caf ha consigliato di effettuare le detrazioni al 50 e 50 perché altrimenti rischiavamo anche solo di poco di dovere pagare di più. Ora al conguaglio di dicembre mio marito si è trovato comunque un conguaglio di 860e rotti €, inoltre io sono in disoccupazione da quando mi è scaduta la maternità 23/05/2013, sempre su consiglio della stessa sindacalista mi è stato consigliato di dichiarare in sede di richiesta di dissoccupazione nessuna detrazione per carichi di famiglia….ma allora abbiamo perso il 50% delle detrazioni che ci spettavano…abbiamo sbagliato a fare le due dichiarazioni o e’ un modo che ci è stato consigliato per recuperare poi col 730? Grazie anticipatamente per l’attenzione.
    Caterina

  74. avatar

    Salve sono separata ho due ragazzi di 16 e14 anni, ho io la affido esclusivo, volevo sapere il padre senza il mio consenso li può mettere a carico fiscale lui? io lavoro come collaboratrice domestica sono assicurata e percepisco io gli assegni familiari. le spese specialistiche se lui non li ha a carico fiscale le può recuperare? Spero di essere stata abbastanza chiara ti ringrazio in anticipo per la risposta

  75. avatar

    Salve mia moglie ha una figlia di 11 anni da precedente matrimonio. Poi ora abbiamo un figlio insieme. Io posso richiedere le detrazioni e assegni familiari di sua figlia?

  76. avatar

    buon giorno volevo chiedere non essendo sposati con due figli e nello stesso nucleo famigliare posso prendere a carico la mia compagna disoccupara? grazie

  77. avatar

    Gent.ma Dott.ssa Michela,
    Le pongo un quesito al quale nessuno dei commercialisti ai quali mi sono rivolto, è stato in grado di dare una risposta chiarificatrice.
    Ho una figlia di 36 anni laureata e fiscalmente a carico perché disoccupata. La stessa dal 02.12.2011 al 22.12.2012 ha frequentato un corso per un Master Universitario di II livello indetto dall’Università e finanziato dalla Regione Calabria.
    L’importo lordo del voucher è stato di 14.600 euro di cui 6.300 sono stati versati per tasse ed è stato erogato in due tempi: una prima parte nel 2012 e il resto nel 2013.
    Poiché gli esperti ai quali mi sono rivolto, non mi hanno saputo dare
    una risposta chiara,nel dubbio,e per non avere grattacapi con l’Agenzia delle Entrate,ho deciso di non inserire mia figlia nel 730 dei suddetti anni.
    Non ho quindi usufruito della detrazione per figlio a carico e cosa ancora più onerosa,non ho portato in deduzione l’importo di 6.300 euro delle tasse pagate,cosa che potevo fare,in quanto in possesso delle ricevute di versamento e di una dichiarazione dell’Università rilasciata in data 9 aprile 2013, in cui si precisa che:
    “[...] ai fini fiscali i costi sostenuti sono oneri deducibili perché il Master in oggetto ha i requisiti richiesti dalla circolare ministeriale 101/2000… e altre leggi che qui non menziono[...]

    Il dubbio che a tutt’oggi mi resta è quello di sapere se ho fatto bene a non considerare mia figlia fiscalmente a carico. L’addetto al CAF al
    quale mi sono rivolto mi ha detto che ho tempo fino alla dichiarazione dei redditi di questo anno (2014) per un eventuale recupero.

    Mi ha inoltre chiarito che un modo sicuro per verificare se l’importo
    percepito costituiva redditto, consiste nel verificare se presso l’Agenzia delle Entrate esiste un Mod.770 emesso dall’Ente erogatore (Regione Calabria) a favore di mia figlia,perché a suo dire gli Enti sono tenuti a farlo per legge.

    Tutto ciò premesso Le chiedo:
    - Se avevo diritto alla detrazione è vero che sono ancora in tempo
    per porvi rimedio?
    -Se NON avevo diritto (come presumevo) posso portare in deduzione,ora per allora,le tasse pagate con la prossima dichiarazione dei redditi?

    Ringrazio per l’attenzione,la disponibilità e l’utilità della sua iniziativa e porgo i più cordiali saluti. Peppe.

  78. avatar

    Ciao Luigi,
    ti confermo che ai fini della dichiarazione dei redditi conta il tuo nucleo familiare, a meno che tu non produca reddito. In quel caso potresti essere a carico dei tuoi genitori.

  79. avatar

    Ciao Caterina,
    purtroppo non ho tutti i dati per capire quale sia la scelta più conveniente per voi. Sicuramente tu potrai recuperare qualcosa in fase di dichiarazione.

  80. avatar

    Ciao Loredana,
    essendo tu il genitore affidatario, hai diritto alle detrazioni al 100%, salvo diversi accordi con il tuo ex marito.

  81. avatar

    Ciao Mirko,
    se tua moglie è l’affidataria della bambina sì, puoi chiedere gli assegni e metterla a tuo carico in dichiarazione.

  82. avatar

    Buonasera volevo chiedere la mia ex moglie ha l affido esclusivo di mio figlio ma o fatto richiesta per il condiviso posso chiedere successivamente la ripartizioni delle detrazioni? Anche se lei ha un reddito nettamente maggiore? E un altra domanda visto che lei si e sempre tenuta il 100% senza accordo potrei chiederle gli arretrati?visto che mi ha chiesto gli arretrati delle spese straordinarie per altro versate e con udienza negatele..grazie del attenzione e della disponibilità.

  83. avatar

    Salve Michela,
    vorrei sapere se la mia fidanzata, unica fonte di reddito nella sua famiglia, composta anche da mamma e sorella 24enne , ovviamente disoccupate, può fare richiesti di assegni familiari per loro due.
    Grazie.

  84. avatar

    Salve Michela.
    Sono separato consensualmente e pago un assegno di mantenimento mensile di 2350 euro alla mia ex moglie (650 a lei e 850 ciascuno per i due figli). I figli possono essere considerati fiscalmente a mio carico anche se percepiscono redditi propri maggiori dei 2450 previsti derivanti dal mantenimento ? Grazie e saluti

  85. avatar

    Salve Michela, vorrei porle una domanda, lavoro su uno studio di consulenza del lavoro, mi è pervenuto un modello di detrazioni fiscali di una dipendente a luglio 2013 la quale mi dichiarava per l’anno 2013 n. 3 figli a carico al 100%. A dicembre è stato effettuato il conguaglio anche per i primi 6 mesi del 2013.
    Adesso mi viene riferito che l’interessata le ha dichiarate da luglio perché fino a giugno “forse” deve verificare i figli li ha messi a carico del marito ma non si sa in che % se 50 o 100.
    Il mio dubbio è il seguente: i figli minori se dichiarati sono a carico per tutto l’anno o lo possono essere anche solo per 1 mese o 6 come nel mio caso? Eventualmente l’interessata doveva chiaramente specificare che li voleva a carico solo per 6 mesi?
    Grazie Carla

  86. avatar

    buongiorno,ho lavorato nel 2013 per l’intero anno percependo un reddito di poco superiore agli 8000 € che è l’unico reddito della mia famiglia, cioè non ci sono casa nè terreni nè fabbricati, sono esonerata dal presentare la dichiarazione dei redditi?

  87. avatar

    Buongiorno. Sono divorziata e ho una figlia. L’affidamento di mia figlia è, per legge, “condiviso” col mio ex marito. Visto che in realtà mia figlia vive sempre con me e tutte le spese le sostengo io (il padre non lo vede mai) posso fruire delle detrazioni figlia a carico al 100% anzichè al 50%, anche se il padre guadagna più di me? Premetto che lui sarebbe d’accordo perchè lui stesso dice che è assurdo che si detragga il 50% quando per sua figlia non spende un centesimo. Grazie.

  88. avatar

    Buongiorno, io ho avuto una bimba a liglio2013 ma non sono state messe detrazioni figlia a carico in busta paga fin ora .cosa si fa in questi casi? Essendo lavoratrice dipendente non è possibile dichiararlo solo con il730?sono perse ormai?

  89. avatar

    buongiorno, ho una figlia che lavora a roma, io sono residente in calabria, essendo un lavoro che la porta sempre a spostarsi non ha cambiato residenza.
    io sono un dipendente statale nel fare la dichiarazione ISEE devo indicare anche i redditi di mia figlia, visto che risulta residente con me in calabria.

  90. avatar

    salve, ho 2 figli entrambi universitari rispettivamente di 22 e quasi 25 anni, vorrei sapere fino a che età ho diritto alle detrazioni x figli a carico

    grazie

    Ferdinando

  91. avatar

    Salve Dottoressa Michela Calculli
    Sarei veramente lieto se potesse darmi delle delucidazioni in merito ad un “cambio di residenza e le sue conseguenze”.
    Mio zio ha un nucleo famigliare di 4 persone , lui è pensionato , la moglie disoccupata , inoltre ha 2 figli uno che lavora e l’ALTRO DISOCCUPATO , quest’ultimo cambiando residenza e quindi uscendo dallo stato di famiglia che spese comporterà al padre??? oltre alla detrazione per figli a carico cos’altro comporterà?? esempio aumento spese sanitarie o roba del genere?
    Grazie mille anticipatamente per il tempo DEDICATOMI.
    Saluti
    Vullo Aleandro

  92. avatar

    sono convivente ed ho un figlio di 6 anni a carico al 100% sia nelle detrazioni che assegni familiari il mio compagno può dichiarare solo le detrazioni al 50% anche se lui ha il redito più alto in cosa vado incontro,cosa mi consiglia di fare. Grazie per la sua risposta

  93. avatar

    Buongiorno, ho un dubbio sulla compilazione della domanda sulle detrazioni; il mio compagno lavora in svizzera, conviviamo e abbiamo una bimba di 2 mesi. Io invece lavoro part time in Italia. Le detrazioni devo metterle al 50% o al 100%? Grazie

  94. avatar

    ciao o due figli minori lavoro in coop. sono convivente la mia convivente non lavora pero io prendo gli ass.famigliari dei minori pero non o fatto la domanda che in coop si fa ogni e anno delle detrazioni perche mi anno detto che poi li prendo quando faccio il 730 qualcuno mi sa dare una risposta grazie

  95. avatar

    Ciao Mauro,
    in caso di affido esclusivo le detrazioni spettano al 100% al genitore affidatario, mentre per l’affido condiviso potrai usufruire delle detrazioni al 50%.

  96. avatar

    Ciao Alessandra,

    se il tuo compagno presenta la dichiarazione in Italia potete sceglie di detrarre il 50% ciascuno oppure di attribuire il 100% a chi tra voi due percepisce il reddito più elevato.

  97. avatar

    Buongiorno Michela, complimenti.
    Le chiedo questo: ho appena spostato la residenza della mia bimba c/o i nonni materni. Rusulta ancora a carico del 50% a me e del 50% a mio marito? Dobbiamo comunicare qualcosa in ufficio?
    Il nostro stato di famiglia ora è composto solo da noi due, giusto? La bimba entra a far parte dello stato di famiglia dei nonni?
    Grazie….

  98. avatar

    Buongiorno,
    Mia moglie (disoccupata) è di nazionalità russa e ha una figlia di 4 anni dalla precedente relazione e quindi con il cognome del padre naturale, sono entrambi nel mio stato di famiglia. Vorrei sapere se posso chiedere io delle detrazioni e assegni famigliari per la bambina, se si cosa indicare come relazione di parentela?
    Grazie

  99. avatar

    Buona sera,
    ho sentito dire che ho la possibilità di detrazione fiscale per la famiglia di mio figlio che è rimasto disoccupato fin dal 2011 ( la moglie lavora a part-time per 600 euro mese) ed ha due figlie che studiano.
    Abitano in una casa di mia proprietà e non pagano fitto, mentre io pago tutto (gas, luce, acqua, assicurazione macchina, bollo, ecc), tutto documentabile perchè pago ogni cosa on line dal mio conto corrente Bancoposta.
    Ovviamente non sono sul mio stato di famiglia. Grazie

  100. avatar

    Ciao Miko,
    in linea di massimo ti direi che la bambina può essere messa fiscalmente a tuo carico, ma ti pregherei di rivolgerti ad un legale per verificarne lo status e l’effettivo diritto a detrazioni ed eventuali assegni familiari.

  101. avatar

    Ciao Ciro,
    dal momento che tua nuora guadagna più di 2.840,51 euro in un anno, tuo figlio e le bambine sono fiscalmente a suo carico.

  102. avatar

    Buon giorno signora Michela:Vorrei sapere che cosa significa detrazioni per i figli a carico. Nella mia busta paga non sono ne anche inseriti i figli.Io ho un contratto parti time a tempo indeterminato CCNL dal 2008(650€ circa) mia moglie lav.domestica 30 ore settimanale,dal 2002. prendiamo asegno fam.(dobiamo prendere qualche soldino in piu?) Grazie!!!

  103. avatar

    Mia moglie è straniera. Tra poco tornerà in Italia portando con sè il figlio minorenne, avuto dal precedente marito. Sarà a mio carico, mia moglie non lavora. Posso usufruire delle detrazioni Irpef (oltre a quelle per la moglie a carico, di cui già usufruisco) anche per suo figlio? Grazie per la cortese attenzione. Massimo Catellani

  104. avatar

    Mi sono recato oggi dal mio fiscalista.per farmi compilare il modulo per detrazioni per figli e coniuge a carico.nel compilarle il mio fisc.mi ha messo detrazioni solo al 50% per i figli e niente per mia moglie che non lavora,dicendomi che poi le recuperemo sul 730.volevo conferma se questa cosa e possibile oppure fa gli interessi dello stato.grazie

  105. avatar

    sono “ragazza-madre” e ho figlia che compiuto 18 anni in questo mese che studia a liceo ,ho diritto di qualche assegno (soldi )? figlia non stata riconosciuta da padre e sta 100 % a carico mio.

  106. avatar

    Buongiorno e grazie per l’attenzione.
    Ho comunicato alla mia ditta la variazione delle detrazioni del mio bimbo di 7 anni da 100% in carico al papa’ al 50% ciascuno.
    La variazione mi interessa per l’anno 2014, in ditta avevo gia’ consegnato il modulo con il 100% e ho comunicato questa settimana la decisione di variazione. E’ possibile che me l’abbiano rifiutata? Hanno respinto il modulo nuovo perche’ ormai è tardi…dicono.Io essendo molto NON AFFERRATA al riguardo mi sono fidata..ora pero’ mi sorge un dubbio…..secondo Lei devo insistere??Il termine di consegna non è 30 Aprile 2014?
    Attendo un Suo consiglio,
    grazie mille.

  107. avatar

    Buongiorno dottoressa,volevo farle una domanda.
    Mia figlia che ha 29 anni non ha reddito in cerca di una prima occupazione ed è a mio carico come spese sanitarie e tutto il resto che ne consegue, anche se dagli inizi di quest’anno non vive più con me.
    Volevo sapere se l’anno prossimo posso ancora nella mia dichiarazione del 730 inserire le sue spese essendo a mio carico.
    La ringrazio
    Distinti saluti
    sb

  108. avatar

    Gent.ma ho sempre dichiarato nel 730 una figlia maggiorenne senza reddito con invalidita 90%.ora e iscritta in una coop.non attiva non percepisce reddito.devo continuare a dichiararla?Grazie

  109. avatar

    Buongiorno Dottoressa,
    sono lavoratore dipendente e convivo con la mia compagna e suo figlio.
    la mia compagna è titolare di una ditta individuale.
    posso mettere suo figlio a mio carico per il 100%.
    abbiamo avuto da poco una bimba, e questa risulta a mio carico per il 100%
    grazie
    michele

  110. avatar

    Buongiorno dottoressa, dal 2007 sono disoccupata ed ho l’esenzione per redditto sui vari ticket sanitari. Da poco mi è arrivato l’accertamento fiscale della ASL di competenza chiedendomi i ticket dell’anno 2011 – in cui ero incinta – adducendo questa motivazione:IL REDDITO DEL NUCLEO FISCALE RISULTA SOPRA SOGLIA – IL TITOLARE NON RISULTA OCCUPATO NELL’ARCHIVIO MDL.Io a tutt’oggi non ho reddito, sono iscritta all’agenzia del lavoro di competenza, da cosa dipende questo accertamento e cosa vuol dire quella motivazione: Grazie

  111. avatar

    Salve Dottoressa Michela, avrei bisogno di una mano visto che i mie datori di lavoro sono proprio dei pidocchi, ho compilato la richiesta dei assegni familiari e me lo anno rimandato in dietro per che devo togliere dalla pagina del nucleo familiare per che già a compiuto 18 anni ma non a nessun redditto lui studia , la mia domanda è devo farlo ho questa sa meno di me di come si compila.
    GRAZIE

  112. avatar

    Buonasera, vorrei sapere se mia madre con la pensione di reversibilità può usufruire della detrazione fiscale di figlio a carico in quanto sono disoccupata e come farne richiesta. grazie

  113. avatar

    Buonasera..un informazione.. da sei anni non sono pii insieme alla mamma di mio figlio. Non eravamo sposati. Io fino a quest anno non ho mai fatto il 730 in quanto non avevo nulla da dichiarare. Quest anno però l ho atto e ho messo mio figlio a carico al 50% e la mia ex l ha messo sempre al 100% .. lei percepisce il 100% delle detrazioni ancje se è lei quella con lo stipendio piu basso! La domanda è ho sbagliato a metterlo a mio carico al 50 o sbaglia lei a metterlo al 100 ?

  114. avatar

    Salve,
    Vorrei sapere in che percentuale posso scaricare mio figlio
    Visto che prendo un’assegno di €350 mensili. Sono sposata
    Con altra persona e col padre di mio figlio non lo sono mai
    Stata! Ringrazio anticipatamente

  115. avatar

    Ciao Dumy,
    devi indicare la presenza dei figli al datore di lavoro. Con le detrazioni per figli a carico paghi meno tasse sulla tua busta paga.

  116. avatar

    Ciao Massimo,
    la tua situazione è complessa. Dipende da molti fattori la possibilità di poter mettere o meno a carico la figlia di tua moglie. Ti consiglio di valutare la situazione con un CAF o un consulente.

  117. avatar

    Ciao Lello,
    se tua moglie non lavora potresti mettere i figli interamente a tuo carico, se invece lei in corso d’anno ha lavorato, il fiscalista recupererà effettivamente le detrazioni nella sua dichiarazione.

  118. avatar

    Ciao Salvatore,
    tua figlia potrà restare a tuo carico finché non percepirà un reddito annuo superiore a 2.840,51 euro.

  119. avatar

    Ciao Michele,
    per la situazione del figlio della tua compagna ti consiglio di rivolgerti ad un consulente.
    Ci sono degli aspetti legali da considerare.

  120. avatar

    Una lavoratrice dipendente ha percepito 15.000,00 di reddito, il coniuge in regime di vantaggio 25.000,00 nel quadro LM, può la lavoratrice dipendente usufruire della detrazione del 100% per i due figli?

  121. avatar

    Ho due figli minorenni nati in Italia e residenti all’estero (USA) con la mia ex-moglie al quale sono stati affidati dopo il divorzio. Premetto che negli U.S.A. la mia ex non percepisce ne assegni ne sgravi con il suo lavoro. Io sono dipendente dell’Arma e percepisco sia sgravi che assegni al 100% solo per i figli ovviamente previa dichiarazione firmata dalla mia ex..
    Il tutto ovviamente lo verso a mia moglie insieme agli assegni di mantenimento che puntualmente verso. Sono in regola o?
    Sia la mia ex ma anche le mie figlie hanno nazionalità Italiana e America. Grazie per collaborazione.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Preventivo Assicurazione
 
Cerca Assicurazioni Auto
Cerca
Guide Assicurazioni
 
Google Plus
 

newsletter
Iscrizione
NEWSLETTER
Seguici su Facebook Seguici su Google+ Seguici su Twitter Iscriviti ai Feed