Tutor: come contestare una multa

Tutor: come impugnare una multa

Quando si parla di Tutor o più correttamente di Sistema Informativo per il controllo della velocità (SICVE), ogni automobilista italiano ha una sua versione sia riguardo il funzionamento che la possibilità di evitare contravvenzioni. Il Safety Tutor, introdotto sulla rete autostradale italiana all’inizio del 2005, è un sistema per la misurazione media della velocità di un veicolo. Ha un funzionamento semplice e pressoché infallibile, non solo perché difficilmente si riesce ad evitare una multa in caso si superino i limiti prefissati, ma in particolare perché l’utilizzo del sistema ha ridotto del 75% il tasso di mortalità sulle tratte controllate dai Tutor. Ma cosa succede se pensiamo che il tutor abbia sbagliato?

Il SICVE è un sistema tanto innovativo – applicato da poco anche in Francia – che come spesso accade entra in conflitto con la realtà burocratica nostrana. Il sistema elabora una velocità media tra due “porte” che, distanziate dai 10 ai 25 Km, possono trovarsi fisicamente in città/provincie differenti. Risultando difficile determinare il punto preciso in cui è stato violato il Codice della Strada, viene meno il criterio delle territorialità previsto dall’ordinamento giuridico, il quale stabilisce che in caso si violi una norma a Roma essa possa essere impugnata esclusivamente presso il Giudice di Pace della capitale. Apparentemente un “malfunzionamento” del sistema giuridico, ma che invece serve a tutelare i cittadini da un “mercato della giustizia” che in certi casi potrebbe permettere di appellarsi a Giudici più accondiscendenti o favorevoli.

  • Come impugnare una multa dovuta al sistema Tutor?

In caso si voglia contestare una contravvenzione SICVE, per eccesso di velocità notificata tra due porte poste su un tratta di strada, il criterio da utilizzare per determinare la competenza del Giudice di Pace è quello di considerare la “porta d’uscita” ovvero quella posta alla fine del tratto preso in considerazione per il rilevamento medio della velocità. Le cose si complicano nel caso in cui ci siano due o più rilevamenti, che notifichino il superamento del limite della velocità, rilevati da due o più porte d’uscita. In questo caso il conducente sarà costretto a presentare ricorso a due o più Uffici del Giudice di Pace.
Ad esempio se un automobilista in viaggio da Roma a Milano, viene segnalato dalle porte di Firenze, Bologna e Milano, dovrà fare ricorso a tre Giudici di Pace. Impugnare una multa in questo caso diventa difficile, ma soprattutto oneroso per qualsiasi automobilista.

Dopo numerosi casi di mancata chiarezza e difficoltà per le “vittime” del tutor, la Suprema Corte ha stabilito che per le contravvenzione da SICVE non è possibile accorpare le condotte illecite, non si può applicare il principio di concorso formale di reati (consentirebbe di rivolgersi al Giudice dell’ultima violazione compiuta) e nemmeno le norme sul reato continuato (applicabili in caso di ambito penale, previdenze o assistenza obbligatoria).

Di soluzioni per “raggirare” i SICVE e/o autovelox ce ne sono tante, ma la prudenza è l’unica funzionante al 100%.

Francesco Del Franco

Social media specialist, community manager, consumatore di cultura audio-video-testuale. Vede la comunicazione in ogni prodotto, parola, gesto e gli piace osservare e scrivere di quelle accezioni sempre un po’ nascoste.

Commenti Facebook

1 Commento

  1. Avatar
    Luca luglio 17, 2014

    Guido da 20 annie nn ho mai avuto incidenti, così come non ho mai nè mai lo farò, rispettato limiti imbecilli, come molte delle cose che avvengono in italia.imparai a guidare con dei catorci con gomme finite,che avendo sicurezza sotto zero, ti insegnano la prudenza, a “sentire”l’auto e a prevenire possibili incidenti.I limiti sono fatti per rinco…la gente,Con pioggia forte, penso sempre a possibili acquaplaning, e magari rallento molto di+del limite,così come in caso che le condizioni di traffico o ambientali (possibilità di ghiaccio,nevischio, strade umide)non siano da me ritenu tesicure,se ho la precedenza,penso che qualche cogl…ne non la rispetti, e cerco di prevenire anche su eventuali errori di altri.Ma alle rotonde, non mi fermo se non necessario, guardo prima di arrivare, sono sveglio attento e prudente, così come posso superare di 100km limiti assurdi.Detesto le cinture, non le metto, son fatti miei, così come difendo, da astemio, i poveri bevitori moderati, che non possono fare una cena con 2 sani bicchieri di vino.
    Non sono un tecnico, ma i livelli di sicurezza di una vettura attuale(capacità di frenata, abs airbags ecc eccc)sono imparagonabilmente evoluti rispetto alle macchine di 20 anni fa, perchè questi limiti vetusti?
    Qua in italia tutto è fatto senza una logica e purtroppo invece di formare persone responsabili, lo stato(volutamente minuscolo)forma generazioni di persone psichicamente deboli, paurose e timorose.
    Non si formano uomini e donne, ma ometti e femminucce incapaci sulla strada, così come nella vita, a prendersi responsabilità e affrontare qualsivoglia difficoltà.
    Che vergogna essere italiani, oggi, con uno stato che altro non è che una cricca/mafia di personaggi che taglieggiano una intera nazione,dicendo che lo fanno “per il nostro bene e la nostra sicurezza” e purtroppo hanno il seguito di una parte di popolazione dormiente.

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*