Lavoro: consigli per cercare un’occupazione in Italia e all’Estero

Lavoro: consigli per cercare un'occupazione in Italia e all'Estero

Cerco lavoro: CV, colloqui, tirocini e consigli

La mancanza di lavoro è ancora oggi il problema principale che affligge il nostro Paese. Arrendersi e smettere di cercare? Assolutamente no! Seguite i consigli Chiara Casablanca e Giada Marangone per imparare a scrivere un CV efficace, selezionare le migliori opportunità online e offline, sostenere brillantemente un colloquio.

Come cercare lavoro: scrivere il CV e proporsi alle aziende

Sia che siate in cerca della prima occupazione, sia che dobbiate re-inserirvi nel mondo del lavoro, magari esplorando nuove strade, la prima cosa da fare è redigere un buon curriculum vitae.
Dedicate molta attenzione alla prima stesura perché a questa dovrete apportare alcune modifiche, in base al destinatario di riferimento.

Se l’azienda è vicina a voi potete anche consegnare il CV personalmente, altrimenti meglio l’invio per posta elettronica (basta accedere alla sezione “Lavora con noi” sul sito web dell’impresa che vi interessa, prendere nota dell’indirizzo e-mail o compilare l’apposito form).

Ecco alcune indicazioni utili:

  • Tenete in archivio 1 CV in formato europeo (alcune aziende lo richiedono espressamente) e 1 CV creativo, in cui proporre le vostre competenze in modo più accattivante e meno “ingessato”.
  • Siate chiari ed esaustivi, ma sintetici (max 3 pagine): utilizzate i punti elenco per facilitare la lettura.
  • Allegate sempre una foto che offra di voi un’immagine curata e professionale.
  • Siate sinceri: aggiungere esperienze che non avete vissuto o scrivere che il vostro inglese è ottimo, quando il livello è solo scolastico… diventerebbe argomento (non piacevole!) durante il colloquio.
  • NON inviate il curriculum in allegato lasciando vuoto il corpo della mail (o senza aggiungere una scheda di presentazione): il CV sintetizza le vostre esperienze formative e professionali, ma è necessario spiegare perché avete deciso di presentare una candidatura (spontanea o in risposta ad un annuncio) e perché a quella determinata azienda. La motivazione è tutto in un processo di recruiting.
  • Ogni candidatura dev’essere diversa dall’altra e inviata ad una sola impresa per volta: evitate i copia/incolla a decine di indirizzi! Inoltre: leggete attentamente le richieste. Se l’azienda desidera un candidato disponibile ad effettuare trasferte all’Estero, ma voi non siete favorevoli, inutile inviare il CV. Stesso discorso per gli annunci poco chiari: se c’è scritto “azienda leader nel settore” chiedetevi per quale motivo non ci sia il nome o un indirizzo… soprattutto se la job description si riduce a: “cerchiamo persone motivate e dinamiche”. Sì, ma per fare cosa? Per andare dove?
  • Selezionare le offerte di impiego è il primo passo per evitare stress inutili e cocenti delusioni. Senza dimenticare che le truffe sono dietro l’angolo: MAI pagare per lavorare, ma lavorare ed essere pagati! Ricordatelo sempre.

I modelli di CV più comuni sono: cronologico (con tutte le esperienze in ordine di tempo, dalla più recente alla meno recente), funzionale (con obiettivi e skill in primo piano, specie se il vostro fine è ricollocarvi), visuale (con infografiche o video, per dare una marcia in più).

Lavoro: consigli per cercare un'occupazione in Italia e all'Estero
Lavoro: consigli per cercare un’occupazione in Italia e all’Estero http://bit.ly/1loHbOo @6sicuro

Il colloquio: alcuni consigli per fare centro

Evviva, vi hanno chiamato! Al telefono cercate di mantenere la calma, tenete a bada l’euforia e al tempo stesso non rispondete a monosillabi. Darete subito una buona impressione. Spesso un tono sorpreso, incerto o infastidito potrebbe compromettere l’approccio con il selezionatore/la selezionatrice. Se la risposta positiva arriva via e-mail, curate ugualmente il linguaggio, siate cortesi e rispondete in tempi rapidi.

Una volta concordato l’appuntamento ricordate di essere puntuali: potrebbe danneggiarvi sia un anticipo eccessivo, sia un ritardo mostruoso. Nel primo caso potete rimediare facendo un giretto nelle vicinanze  e poi tornare in sede di colloquio, nel secondo caso cercate di avvisare con tempismo e una volta arrivati a destinazione scusatevi senza dilungarvi oltre.

Studiate bene l’azienda con cui entrerete a contatto e scegliete un abbigliamento adeguato: in alcuni casi è meglio mantenere una certa formalità, in altri potrebbe giocare a vostro favore uno stile più estroso. Sicuramente, dovrete essere sempre e comunque curati.

Guardate negli occhi il vostro interlocutore, senza eccessi, ma giusto il tempo di mostrare sicurezza. Stesso discorso per la stretta di mano: né troppo energica né troppo debole.
Dite sempre la verità, perché altrimenti potreste contraddirvi facilmente: alcune domande, infatti, mirano a verificare la coerenza di quanto racconterete rispetto al CV presentato.

Se richiesto, spiegate perché non lavorate più per l’azienda X, ma non prendetelo come spunto per criticare vecchi colleghi o datori di lavoro. Siate propositivi: magari dite che non sapete utilizzare Photoshop, ma siete disposti ad imparare in fretta.
Infine: non chiedete subito informazioni sulla retribuzione. Ci sarà un secondo o terzo incontro per approfondire l’argomento.

Tirocini formativi, volontariato e stage

I Tirocini sono modalità di inserimento temporaneo destinate a tutti i soggetti che hanno assolto l’obbligo scolastico. Si possono avviare presso strutture pubbliche o private: l’obiettivo è di acquisire competenze tecniche, relazionali e trasversali utili ad agevolare le scelte professionali del tirocinante.
Il Tirocinio è realizzato con finalità formative e di orientamento per i neo diplomati e i neo laureati, con finalità di inserimento o reinserimento al lavoro per  i soggetti disoccupati.

Soprattutto i più giovani hanno l’opportunità di accedere al mondo del lavoro, in Italia e all’Estero, usufruendo di progetti ad hoc che, oltre ad arricchire il curriculum, possono aprire molte porte:

  1. Progetto Erasmus: nato nel 1987 per opera della Comunità Europea, permette di effettuare un periodo di studio, dai 3 ai 12 mesi, in un Ateneo straniero, sostenendo esami in lingua.
  2. Progetto Leonardo: consente di effettuare un’esperienza di formazione e lavoro all’Estero per un periodo compreso tra le 10 e le 26 settimane. La borsa copre i “costi di mobilità”: viaggio, assicurazione, soggiorno, organizzazione, tutoraggio del tirocinio e corso di lingua.
  3. Servizio Volontario Europeo: attività di volontariato all’Estero, da 2 a 12 mesi, per partecipare a progetti locali in vari settori.

Trovare lavoro online: le risorse migliori

La Rete offre numerose risorse utili per la ricerca di un lavoro. Ecco le più celebri e affidabili:

EURES (lavoro all’Estero)

Che cos’è?

European Employment Services – Servizi Europei per l’Impiego (Eures) è una rete di cooperazione per facilitare la libera circolazione dei lavoratori all’interno dello Spazio Economico Europeo (paesi dell’Unione Europea, Norvegia, Islanda e Liechtenstein), a cui partecipa anche la Svizzera. I partner della rete sono i servizi pubblici per l’impiego dei singoli Paesi, i sindacati e le organizzazioni dei datori di lavoro.

Attraverso il portale Eures si ha accesso a quasi due milioni di posti di lavoro, alle informazioni relative alla mobilità professionale, agli strumenti per la ricerca di lavoro e alle offerte di lavoro in tutti i settori, nei vari paesi dell’Ue.

(EURES – Candidati alla ricerca di un impiego – Trova un lavoro)

Candidati

I candidati possono creare (e memorizzare) i profili di ricerca, ricevere un avviso via e-mail quando si presenta un lavoro in linea con i profili richiesti.

Il servizio”CV Online” di EURES, disponibile in tutte le lingue dell’Unione Europea, offre la possibilità di pubblicare il proprio curriculum vitae e di renderlo visibile ai consulenti EURES e ai datori di lavoro registrati.

Punti di forza

  • Il servizio è gratuito
  • Offre consulenza (1200 consulenti), un servizio personalizzato e di assistenza in ogni paese membro (31 paesi: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Islanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Regno Unito, Norvegia, Svizzera)
  • Garantisce una mobilità equa, informazioni sulle condizioni di vita e di lavoro (e sulla normativa nazionale) di tutti gli Stati e la parità di accesso al mercato del lavoro

CLICLAVORO

Che cos’è?

È il Portale pubblico per il lavoro, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, nato per “favorire e migliorare l’intermediazione tra domanda e offerta di lavoro e il raccordo tra i sistemi delle imprese, dell’istruzione, della formazione e delle politiche sociali”.

Attraverso il portale Cliclavoro, cittadini (a seconda della classe di appartenenza, ad esempio: giovani, under 30, donne, disabili, over 50, ecc.) e imprese possono pubblicare candidature, offerte di lavoro, fare ricerche per entrare in contatto con chi cerca o offre lavoro attraverso il link diretto ai servizi. Il sito offre, inoltre, una serie di servizi aggiuntivi (e-learning, aggiornamenti su normativa e contratti), sondaggi e statistiche, informazioni relativi ai progetti di politica attiva del lavoro attivati dal Governo e su come avviare un’attività autonoma, sui bandi e concorsi pubblici, news su tirocini, formazione, incentivi e opportunità riguardanti il mercato del lavoro, la possibilità di visionare la rassegna stampa relativa al “mondo lavoro” e di ricevere una newsletter.

È infine possibile restare costantemente aggiornati tramite la“galassia social network” (i profili Facebook, Twitter, Linkedin e il BlogCliclavoro) con contenuti redazionali, notizie, sondaggi, discussioni e approfondimenti dedicati al mondo del lavoro.

Candidati

I candidati possono creare il proprio curriculum vitae (che resterà attivo, salvo proroga, per la durata di 6 mesi), inserirlo in una banca dati contenente oltre un migliaio di offerte di lavoro, quotidianamente aggiornate, e inviare la propria candidatura per profili in linea con il proprio profilo professionale. Possono altresì visionare le opportunità formative (nazionali ed estere) per accrescere il proprio bagaglio culturale.

Punti di forza

  • Il servizio è gratuito
  • La georeferenziazione dei principali sportelli per il lavoro, distribuiti sul territorio nazionale (Cerca servizi)
  • Le offerte di lavoro e i curricula sono direttamente inseriti dagli utenti sul Portale (previa registrazione)
  • Il Portale svolge il ruolo di collettore delle opportunità di lavoro presenti sul web, avendo come bacino una serie di siti certificati di ricerca e selezione di personale

 

infografica-come-funziona-linkedin

 

LINKEDIN

Che cos’è?

È il social network più diffuso in Italia (e nel mondo) che consente di creare una rete professionale e intrattenere relazioni online. Attraverso LinkedIn è possibile trovare: offerte di lavoro, persone, opportunità di business (con il supporto di qualcuno presente all’interno della propria lista di contatti o del proprio network). Per iscriversi è sufficiente una password e un indirizzo e-mail valido.
I datori di lavoro possono pubblicare offerte e ricercare potenziali candidati. La sezione “Offerte di lavoro” è uno spazio di matching in LinkedIn (incontro domanda e offerta di lavoro).

Candidati
LinkedIn permette di creare il proprio profilo professionale (foto, curriculum vite completo con formazione, competenze ed esperienze professionali aggiornate)  in 41 lingue diverse.  Le persone in cerca di lavoro (o che vogliano migliorare la propria situazione professionale) possono leggere i profili dei reclutatori e scoprire se tra i propri contatti si trovi qualcuno in grado di metterli direttamente in contatto con loro. È possibile inoltre candidarsi alle offerte di lavoro presenti ed iscriversi a “Gruppi”, formati da utenti del social network accomunati da una qualche cosa (ad esempio: un particolare percorso di carriera lavorativa, interessi di business o di competenze, provenienza geografica similare o altro). Per i fruitori di questo social dedicato alle opportunità iscriversi a un determinato gruppo e partecipare attivamente alle sue attività può risultare utile per la nascita di nuovi contatti e relazioni.

Punti di forza

  • Il servizio base è gratuito (a pagamento i pacchetti advance)
  • È utile per creare networking
  • È uno strumento per sviluppare le attività a basso costo

 

colloquio-errori-da-non-fare

 

 

Lavoro: consigli per cercare un'occupazione in Italia e all'Estero
Salvatore Russo

Responsabile Marketing di 6sicuro dal 2011, ideatore del blog e coordinatore generale dell’intera squadra di blogger e giornalisti che scrivono per 6sicuro. Mi occupo di Digital Marketing Strategy, Consulenza Aziendale e Formazione dal 1998. Ho partecipato alla progettazione, sviluppo e gestione di importanti portali e piattaforme di e-commerce italiani.

Commenti Facebook

2 Commenti

  1. Avatar
    silvia maggio 21, 2014

    Molte grazie per questo specchietto informativo.Io sto cercando lavoro da 7 mesi e mandato oltre 230 cv (tra autocandidature e risposte ad annunci , sono riuscita a fare 3 colloqui, ma nulla di concreto fin’ora.Sarà soprattutto l’età (37 anni) che non aiuta, però non voglio perdermi d’animo.Ogni suggerimento e ogni consiglio è da valutare e se si può migliore è necessario farlo!Grazie ancora.

    Rispondi
  2. Avatar
    nino agosto 11, 2015

    è la prima volta che tento via internet per la ricerca di un lavoro

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*