Codice della Strada 2013: le novità – Parte 2

Codice della strada 2013

Il Codice della Strada si rinnova, coinvolte tante categorie e aspetti della guida.

Un adeguamento necessario, introdotti  dal decreto sulle semplificazione. Vi abbiamo presentato già alcune delle novità che potete leggere qui, di seguito elenchiamo quelle riguardati la patente di guida.

Quali sono le novità del Codice della Strada?

Patente Moto

Le novità più importanti riguardano proprio questa categoria. Il vecchio patentino, necessario per guidare ciclomotori e microcar, sarà sostituito dalla patente di categoria AM.  Per i ciclomotori a 2/3 ruote con velocità max di 45 km/h e cilindrata di 50cc e per quelli elettri con potenza max di 4kw, sarà obbligatorio sostituire il vecchio targhino esagonale con una vera e propria targa.

Questa sarà rilasciata dalla motorizzazione previa richiesta accompagnata al certificato di idoneità tecnica e le ricevute dei versamenti di euro 50. Chi circolerà con il vecchio targhino sarà soggetto a una contravvenzione pari a 519,67€.

Novità anche per quanto riguarda le condizioni necessarie per ottenere la patente A2 e la A (conosciuta come A3). Per ottenere la patente A2 bisognerà avere 18 anni e si potranno guidare moto con potenza motore di 35 kW (non più 25 kW) con un massimo di 48 CV (non più 34CV). Dovranno essere rispettati limiti riguardanti il rapporto potenza/peso (non superiore ai 0,2 kW/Kg) e il motore del veicolo non dovrà erogare una potenza piena superiore ai 70kW.

Si potrò conseguire l’esame per la patente A (A3) solo dopo aver compiuto il 24esimo anno di età (prima erano 21) e si dovrò superare la prova di guida con una moto con potenza motore superiore i 35kW. Invece, per chi già in possesso dalla patente A2 si passerà liberamente dopo due anni alla categoria A, ma sostenendo un esame di guida integrativo con moto idonea.

Stretta anche sui limiti di velocità per i neopatentati, che non potranno superare la velocità di 90 Km/h sulle strade extraurbane principali e i 100 Km/h sulle autostrade per i primi tre anni di patente.

Patente Over 80

Gli over 80 potranno continuare a guidare tranquillamente solo dopo aver conseguito uno specifico attestato di idoneità alla guida. Attestato che verrà rilasciato dalla commissione medica locale dopo aver sostenuto una visita medica specialistica, a carico del richiedente. La visita dovrà essere ripetuta a cadenza biennale.

Patente cittadino comunitario

Per un cittadino comunitario o di uno Stato dello spazio economico europeo sarà più facile conseguire la patente di guida. Gli basterà dimorare per almeno 185 giorni all’anno in Italia per motivi professionali, personali o di studio.

Revisione Patente

Saranno sottoposti alla revisione della patente di guida anche chi, dopo la notifica di una prima violazione che comporti una decurtazione di 5 punti, commetta ulteriori due violazione con perdita di almeno 5 punti ciascuna nell’arco di 12 mesi dalla prima. L’automobilista potrà recuperare fino a un massimo di 5 punti partecipando a corsi di guida sicura, mentre per i corsi che prevedono il recupero di 6 punti sarà obbligatorio un esame finale.

Permesso Speciale

Un “occhio di riguardo” per chi ha subito la sospensione della patente e necessita del veicolo per recarsi a lavoro. L’automobilista potrà richiedere,  per una sola e solo nel caso in cui non abbia provocato l’incidente, un permesso di guida in determinate fasce orarie (max 3 ore al giorno) per ragioni di lavoro. Nel caso il permesso venga accettato, la sospensione verrà aumentata di un numero di giorni pari al doppio delle ore concesse, arrotondando per eccesso.

Neopatentati

Maggiori controlli e pene più severe per i neopatentati. Decurtazione di 5 punti patente per i minori di 21 anni che vengono trovati alla guida sotto l’influenza dell’alcol. In caso il neopatentato sia soggetto a sospensione della patente, questa verrà aumentata di un terzo alla prima violazione e raddoppiata per le violazioni successive. Regolamentati anche i limiti di potenza delle auto per i giovani automobilisti.

Guida Accompagnata

Viene concessa la possibilità di guidare un veicolo ai ragazzi di 17 anni, che sono in possesso della patente A. Il minore potrò guidare solo se un genitore o chi ne fa le veci richiederà l’autorizzazione al Ministro dei Trasporti, con domanda accompagnata dall’attestazione di versamento di euro 29.24€ sul cc n.4028 e della dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.

Successivamente la motorizzazione verificherà l’idoneità sia del minore che dell’accompagnatore.

Quest’ultimo dovrà avere ottenuto la patente da almeno dieci anni, non avere più di 60 anni e non dovrà essere stato soggetto alla sospensione della patente da almeno 5 anni. Infine il ragazzo dovrà sostenere almeno 10 lezioni presso un’autoscuola, esporre sul lunotto posteriore il simbolo di guida accompagnata (GA), non potrà trasportare passeggeri oltre l’accompagnatore e non potrà guidare veicoli con potenza superiore i 55kW/t.

Violazione dei limiti di velocità

La decurtazione dei punti patente per eccesso di velocità sarà modulata in maniera graduale, più si supera il limite di velocità più punti verranno tolti. La normativa prevede che la violazione dei limite comporterà una sanzione e un decurtamento di: 3 punti in caso si superi di oltre 10km/h il limite con sanzione tra i 155€ e i 624€; 6 punti per chi supera di oltre 40km/h il limite con sanzione compresa tra i 500 e i 2 mila euro; infine sospensione della patente da 6 a 12 mesi per chi supera di 60km/h il limite a cui va aggiunta una contravvenzione che va dai 779€ a 3.119€.

Gli enti proprietari o i concessionari delle autostrade a tra corsie più corsia di emergenza, sulle quali è installato il Tutor, potranno alzare il limite massimo di velocità fino a 150km/h.

Queste elencate sono solo le principali modifiche apportante al Codice delle Strada che abbiamo deciso di analizzare, per chi volesse approfondire e documentarsi su tutti gli aggiornamenti vi consigliamo la guida del sole 24 ore.

Francesco Del Franco

Social media specialist, community manager, consumatore di cultura audio-video-testuale. Vede la comunicazione in ogni prodotto, parola, gesto e gli piace osservare e scrivere di quelle accezioni sempre un po’ nascoste.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*