Rc Auto: la Campania la regione più cara

Caro assicurazioni

Tutti i settori commerciali sono in crisi, ma quello delle auto sembra non riprendersi nemmeno un poco. Il fattore principale di questo collasso è dettato dal fatto che il mercato delle autovetture è vincolato/modificato da ulteriori settori, come quello dei carburanti e delle assicurazioni, a loro volta sono in recessione economica.

Il “Rapporto Auto”, presentato dall’Automobile Club Italia (Aci) e dalla Fondazione Censis, mostra lo spaventoso crollo del settore. I primi undici mesi del 2012 hanno segnato un -20% per quando l’acquisto di vetture, dimezzata anche la propensione all’acquisto di una nuova auto e più del 50% del campione ha dichiarato di non volerla comprare nei prossimi tre anni.

Negativo anche il mercato dell’usato, che ha sempre tenuto a galla le concessionarie. L’italiano risparmia, o almeno ci prova visto che i costi di gestione continuano a salire inesorabilmente.

L’assicurazione auto si conferma la seconda voce di spesa, dopo il costo carburante, per i proprietari di auto. Si usa meno la macchina, ma ci costa di più. Durante il 2012 c’è stata una riduzione del 5%-7% dei km percorsi, quindi minor uso dell’auto privata, a cui è corrisposto un amento del +3.8% dei costi di gestione. In media si spendono 738€ annui per l’Rc auto (+3.2% rispetto al 2011) con un livello di tassazione che sfiora il 26% del costo polizza, una percentuale molto sopra la media europea ferma al 18%.

I prezzi medi di listino delle polizze continueranno a salire: l’IVASS (ex ISVAP) con l’iniziativa Pentalogo aveva dato dei suggerimenti sul come risparmiare, ma il “segreto” è quello di muoversi molto prima della scadenza dell’Rc Auto e lavorare di mouse. Online si possono valutare molte alternative, comprendere quale scelta sia migliore e servirsi di consulenze professionali anche gratuite. A prima vista la cosa può spaventare, ma un portare come 6sicuro è idoneo anche a chi è alle prime armi con la polizza assicurativa.

Il costo delle polizze auto varia da regione a regione, secondo i dati raccolti da 6sicuro.it durante il 2012 è la Campania la regione in l’Rc auto è più costosa, mentre in Valle d’Aosta le cose sembrano andare meglio. Sottoscrivere un polizza via web può farvi risparmiare fino a 800€, ma prima di richiedere un preventivo è opportuno conoscere dei dati fondamentali della vostra polizza e dell’auto. Ci sono altri piccoli “accorgimenti” che possono far diminuire il prezzo finale della vostra polizza.

La “guida esclusiva” è uno di questi, ma come sempre ci sono dei pro e dei contro. Se siete single e non vi capita mai di prestare l’auto, potrete prendere in considerazione l’opzione di esclusività. Le garanzie accessorie possono far lievitare il prezzo della polizza auto, quindi bisogna valutare bene quali attivare e quali evitare.

Una delle garanzie accessorie più richiesta dai guidatori è quella per gli atti vandalici o garanzia eventi sociopolitici, che va a coprire i danni arrecati al veicolo da terze parti e che non siano riconducibili alla garanzia furto e incendio. Infine c’è la garanzia “furto e incendio”, anche se proposte quasi sempre insieme, che è possibile sottoscrivere anche solo per una delle due casistiche e quindi risparmiare qualche euro.

La polizza auto è uno costo oneroso per tutti gli automobilisti, quindi è d’obbligo l’attenzione e la curiosità che può permettervi un risparmio niente male.

Francesco Del Franco

Social media specialist, community manager, consumatore di cultura audio-video-testuale. Vede la comunicazione in ogni prodotto, parola, gesto e gli piace osservare e scrivere di quelle accezioni sempre un po’ nascoste.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*