Bonus casa: detrazioni al 65%

Bonus casa detrazioni: 65% per la riqualificazione degli immobili

Non sempre la parola Fisco è uguale a “cattive notizie”. Stavolta infatti vogliamo darvene una positiva: le detrazioni per i lavori di riqualificazione degli immobili finalizzati al risparmio energetico, salgono dal 55 al 65%. In sostanza su 1.000 euro di spesa prima se ne potevano recuperare 550 attraverso le detrazioni fiscali, adesso quella cifra sale a 650 euro da “spalmare” in 10 anni (nel nostro esempio dunque una detrazione di 65 euro l’anno).
E allora ricapitoliamo quali sono le opportunità fiscali per chi decide di ristrutturare o riqualificare un immobile.

Efficientamento energetico

Per gli interventi si riqualificazione energetica degli immobili, è dunque previsto un bonus del 65% sulle spese sostenute fino al 31 dicembre 2013 (30 giugno 2014 nel caso delle parti comuni dei condomini).
Quali sono gli interventi coperti dalle agevolazioni fiscali?

Presto detto:

  • sostituzione della caldaia con una a condensazione;
  • coibentazioni e isolamento termico;
  • installazione di pannelli solari;
  • sostituzione degli infissi;
  • riqualificazione globale degli edifici. 

Si precisa che i limiti di spesa agevolabile variano a seconda dell’intervento posto in essere.

<<Clicca qui e TWITTALO>>
Sostituire la caldaia e risparmiare il 65% http://bit.ly/14k9ve1 via @6sicuro

Ristrutturazioni

Il bonus ristrutturazioni, che una volta era pari al 36% della spesa, adesso ammonta al 50% e riguarda principalmente le seguenti spese:

  • interventi di manutenzione straordinaria;
  • opere di restauro e risanamento conservativo;
  • lavori di ristrutturazione edilizia effettuati sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e sulle loro pertinenze;
  • tutti gli interventi sopra elencati, effettuati su tutte le parti comuni degli edifici residenziali.

Il bonus si protrae fino al 31 dicembre 2013 per una spesa massima pari a 96.000 euro. Questo significa che nel caso spendessimo 100.000 euro, la detrazione sarebbe comunque pari a 48.000 euro, cioè il 50% di 96.000.

Arredamento

Spesso, a commento dei nostri articoli sui bonus fiscali, ci chiedete se è possibile detrarre le spese sostenute per l’acquisto di arredamento. Finora la risposta era “no”, ma con la proroga delle detrazioni per ristrutturazioni abbiamo una novità: chi effettua la ristrutturazione dell’appartamento, può usufruire di un’ulteriore detrazione, sempre pari al 50%, sull’acquisto di mobili come armadi a muro o cucine, fino ad un ammontare di 10.000 euro (con un bonus massimo, quindi, di 5.000 euro). Si precisa che non vengono coperti dal bonus arredi gli acquisti di televisori, elettrodomestici e computer.

Fotovoltaico

Sul fotovoltaico c’è ancora un po’ di confusione. L’acquisto e l’installazione di un impianto fotovoltaico è assimilato alle ristrutturazioni e garantisce un bonus del 50%. Il bonus del 65% non spetta in questo caso ma solo per gli impianti solari termici per la produzione di acqua calda e non già per quella di elettricità che, come detto, sconta un bonus del 50%.
Anche in questo caso il bonus è valido fino al 31 dicembre 2013 per un tetto massimo di spesa pari a 96.000 euro.

Michela Calculli

Dagli studi professionali tra Milano e Torino al blog personale, passando per un'esperienza televisiva che ha segnato la svolta. Tre grandi passioni: la scrittura, il fisco, la semplicità. Sempre in equilibrio tra famiglia e professione tra comunicazione e aggiornamento fiscale.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*