Samsung Galaxy Note 8 sempre più vicino

Pronto a rimpiazzare le glorie di Galaxy S8 e il disastro di Note 7, il nuovo Samsung Galaxy Note 8 potrebbe essere presentato con tutte le sue caratteristiche di punta già alla fine di Agosto.

galaxy note 8

C’è bisogno di presentazioni? No, poiché in questo articolo parleremo del Galaxy Note 8, uno dei dispositivi più chiacchierati e attesi dell’anno. Il nuovo phablet di Samsung arriva all’ottava edizione, contando la doppia versione flat/edge del 2014.

Le prodezze della fascia alta dei Note di Samsung sono sotto gli occhi di tutti. Anche se l’ultima edizione presentata non è stata esattamente un fiore all’occhiello della produzione.

Il disastro di Galaxy Note 7

Hai presente la catastrofe dello scorso anno iniziata poche settimane dopo l’ufficializzazione di Galaxy Note 7? Si trattava del device flagship di Samsung del 2017, che avrebbe dovuto fare scintille nel cuore dei consumatori e che, purtroppo, ne ha fatte letteralmente.

Scoppi e surriscaldamenti inattesi delle batterie montate a bordo del Galaxy Note 7, incidenti uno dietro l’altro e incolumità dei clienti messa a rischio per (forse?) troppa superficialità nei controlli ai prototipi, a favore di design, peso piuma, e spessore ridotto all’osso.

E così dopo sole poche settimane dalla commercializzazione, Samsung fu costretta a ritirare tutte le unità di Galaxy Note 7 presenti sul mercato, per poi arrivare a chiedere ai suoi consumatori di restituire tutti i Note 7 già acquistati, facendo particolare attenzione nel riporlo in una speciale confezione anti-esplosione.

A questo cataclisma per il brand coreano è seguito un deciso aumento della produzione di Galaxy S7 per cercare di colmare l’enorme buco alle vendite che si andava profilando sempre più minaccioso dalle perdite del famoso phablet del 2017, con relativo rimborso della differenza.

Da quel momento, gli ingegneri di Samsung hanno dovuto misurarsi con la creazione e messa a punto più sicura che mai di Galaxy S8, lo smartphone che ha portato con sé l’arrivo dell’Infinity display che però non è bastato a convincere appieno i consumatori.

In particolare, sebbene le vendite dello smartphone top di gamma procedano ad alte quote, non riescono comunque a raggiungere quelle del Galaxy S7 dello stesso periodo corrispondente dello scorso anno.

Un pesante fardello da portare

L’assenza di un phablet di punta si sente, siamo a quasi due anni dalla commercializzazione dell’ultimo Galaxy Note di Samsung funzionante ed efficiente: riuscirà il nuovo Note a sopportare il peso di tanta attesa, scetticismo, paura, e necessità per l’azienda di risollevarsi dalle ingenti perdite dello scorso anno?

Non possiamo ancora saperlo, ma quel che è certo è che in casa Samsung i test si sono intensificati, e sebbene si temesse per un periodo molto più lungo per scongiurare l’effetto Note 7, anche stavolta Samsung potrebbe presentarsi puntuale all’appuntamento annuale dell’ultimo quadrimestre dell’anno.

Presentazione di Galaxy Note 8

Voci vicine alla compagnia, infatti, sembrano puntare sicuro su una presentazione ufficiale di Galaxy Note 8 prevista per il 23 Agosto, con tanto di location già stabilita e identificata in quel di New York. Ciò significa sostanzialmente due cose:

  1. Samsung è pronta a debuttare con un nuovo phablet senza passi falsi a una settimana dall’inizio dell’IFA di Berlino, che potrebbe essere il palcoscenico perfetto per chi vorrà vedere Galaxy Note 8 da vicino;
  2. Ancora una volta i coreani sono preparati a giocare d’anticipo contro Apple e la presentazione dei nuovi iPhone che si attende per la metà di Settembre come da tradizione.

Ma davvero Samsung è pronta a combattere la solita sfida a colpi di smartphone con quelli di Cupertino, o l’anticipo è semplicemente dovuto al timore di doversi poi misurare con le loro nuove proposte nello stesso arco di tempo di presentazione?

galaxy note 8

Fonte: wccftech.com

Samsung Galaxy Note 8 sempre più vicinoSamsung Galaxy Note 8 sempre più vicino http://bit.ly/2uNBmcY via @6sicuro

Possibili caratteristiche tecniche

Arrivati a questo punto è necessario provare ad indovinare quali saranno le caratteristiche tecniche che ci delizieranno a bordo di Samsung Galaxy Note 8: iniziamo con la carrellata di rumors più succulenti e verosimili riguardo il famoso phablet di Samsung.

Partiamo prima di tutto dal design, che sembra riprendere in tutto le linee infinite del corrispettivo in forma di smartphone (il Galaxy S8), con cornici abbandonate a favore di un’esperienza visiva migliorata, e con qualche pixel in più grazie alla diagonale di poco maggiorata che arriva ai 6.4 pollici. Risoluzione dello schermo AMOLED in QHD (2960 x 1440 pixel), oppure supporto al 4K? Lo scopriremo solo attendendo.

Pochi dubbi per quanto riguarda il processore di Galaxy Note 8: Exynos, ovvero la divisione dedicata alla realizzazione di processori di mamma Samsung, ha appena presentato il suo 8895, facile indizio del nuovo equipaggiamento del nuovo phablet, sostituito da uno Snapdragon 835 per la versione oltreoceano.

I più audaci azzardano ipotesi sulla fotocamera grazie alla presentazione della tecnologia ISOCELL Dual di Giugno e ai render che si susseguono in rete, che stavolta potrebbe essere composta da 2 sensori affiancati in maniera orizzontale, con capacità di scatto di 12 megapixel ciascuno e apertura focale F/2.0

Seguono speculazioni su tagli di memoria abbondanti da 64 e 128 GB sempre espandibili fino a 256 GB via microSD, memoria Ram che arriva finalmente ai 6 GB, batteria – esigua? – di 3300 mAh, e il tanto amato S-Pen che da sempre ha contraddistinto la linea Note, con tante nuove funzioni ancora da scoprire.

Non può mancare la certificazione IP68, che decreterebbe Galaxy Note 8 come dispositivo immune alle infiltrazioni di polvere e capace di resistere all’acqua fino a 3 metri e per più di un’ora.
Tutto ciò amministrato dall’ultima versione di Android 7.1.1

Un prezzo da paura?

Secondo gli esperti del settore, Samsung potrebbe questa volta chiedere davvero un capitale per mettere le grinfie sul Galaxy Note 8: la somma potrebbe superare di poco i mille euro in Italia, dal momento che nel Belpaese grazie alle tassazioni locali il prezzo è sempre più alto rispetto al resto d’Europa, e che la necessità di recuperare le perdite dello scorso anno è più impellente che mai.
Staremo a vedere.

Maria Grazia Tecchia

Web content editor e blogger con due grandi passioni: la scrittura e la tecnologia. Mi occupo di comunicazione online, e per questo passo gran parte del mio tempo a leggere, scrivere, studiare le affascinanti dinamiche del web in evoluzione, e ascoltare (buona) musica.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*