Subentro e voltura Enel: costo, modulo e tempi

Hai bisogno di fare il subentro e la voltura Enel del contatore, ma non sai da dove iniziare? Ecco come fare, i costi, i moduli da compilare e la procedura online.

subentro voltura enel

Devi procedere con un subentro o una voltura Enel, ma hai paura di commettere degli errori che il più delle volte si pagano con grandi quantità di denaro? Stai tranquillo e inizia a capire sin dai concetti chiave cosa devi fare.

Subentro e voltura Enel: di cosa si tratta?

Iniziamo col chiarire i concetti necessari che ti permetteranno di non fare errori nella stipula di un nuovo contratto di energia Enel. I termini chiave sono:

  • Subentro e Voltura Enel: quando si stipula un contratto per la fornitura di energia elettrica per un immobile già allacciato alla rete;
  • Subentro Enel: quando il precedente intestatario ha richiesto la cessazione della fornitura;
  • Voltura Enel: quando la fornitura è ancora attiva, quindi non si interromperà il flusso di fornitura, ma si cambieranno solo i dati dell’intestatario del contratto.

Subentro e Voltura Enel: quanto costa?

Nel mercato di maggior tutela il costo per subentro e voltura Enel fissati dall’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas sono pari a:

  • 27,52 euro per oneri amministrativi;
  • 23,00 euro come contributo fisso;
  • 14,62 euro di imposta di bollo.

Il costo totale per il subentro e voltura Enel nel caso di maggior tutela è di 65,14 euro, oltre l’eventuale deposito cauzionale a discrezione del fornitore di elettricità oltre il costo derivante da un eventuale aumento della potenza contrattuale, che verrà aggiunto a ciò che chiede l’Autorità Garante.

Per quanto riguarda il mercato libero, il contributo fisso è stabilito dall’azienda fornitrice. Quindi per avere il reale costo finale di un subentro o voltura bisogna mettersi in contatto con il fornitore stesso. Per un eventuale richiesta di aumento potenza, valgono gli stessi discorsi fatti per il regime di maggior tutela.

Confronta tariffe luce

Modulo e documenti per il subentro e voltura Enel

Per la subentro o la voltura Enel, sia che l’operazione debba essere svolta per la fornitura dell’energia elettrica che per il gas o per entrambe, è necessario porre in essere una procedura che inizia con la compilazione del Modulo del regolare possesso o detenzione dell’immobile secondo il Piano Casa (Legge 80/14) e il Modulo di Adesione (da richiedere esclusivamente presso i canali di contatto Enel), insieme a:

  • Numero cliente che puoi trovare in prima pagina, in alto a sinistra, sotto i dati della fornitura sulla bolletta del precedente intestatario della fornitura di energia elettrica o sul contatore elettronico premendo il pulsante del display;
  • Titolo abitativo – per i contratti uso domestico – che attesti la proprietà o il regolare possesso dell’immobile per il quale si richiede la fornitura di energia elettrica;
  • Cognome, Nome, codice fiscale, recapiti telefonici e mail del nuovo intestatario nel caso di persona fisica, oppure ragione o denominazione sociale, codice fiscale e/o partita IVA in caso di persona giuridica;
  • Indirizzo di recapito (Provincia, Comune, Località, Via e numero civico) dove inviare le bollette, se diverso da quello dell’abitazione/locale da allacciare;
  • Lettura del contatore da rilevare, possibilmente insieme al cliente precedente, sul display del contatore elettronico;
  • Uso della fornitura nel caso di contratto per usi diversi da abitazione;
  • Indirizzo di recapito (Provincia, Comune, Località, Via e numero civico) del cliente precedente, per inviare la bolletta di chiusura conto.

La richiesta di voltura o il subentro Enel luce e gas ha un costo, può essere effettuata con la richiesta online tramite il servizio clienti o contattando il numero verde.

Subentro e voltura Enel: costo, modulo e tempiSubentro e voltura Enel: costo, modulo e tempi http://bit.ly/2j7D3cc via @6sicuro

Subentro e voltura Enel online: come procedere

La procedura online ti farà attivare un nuovo contratto, arriverai nel sito Enel che si occupa di forniture per la casa e qua qui potrai compilare ciò che serve attraverso l’apposito form, indicando se si tratta di una voltura o un subentro.

Dopodiché riceverai una mail con le condizioni contrattuali da firmare e inviare insieme ai documenti richiesti ad Enel. Ricorda che dovrai restituire, compilata e firmata, la documentazione inviata da Enel Servizio Elettrico (spese postali a carico nostro), seguendo le indicazioni riportate nella lettera di accompagnamento e dovrai pagare le spese contrattuali, che di norma sono addebitate sulla prima bolletta.

Se non hai troppa dimestichezza con internet, puoi rivolgerti al Punto Enel più vicino per fare richiesta di voltura o subentro, oppure puoi chiamare il servizio clienti raggiungibile al numero verde 800 900 800 da rete fissa e il numero 199 50 50 55 dal cellulare e chiedendo istruzioni di come procedere.

Monia Taglienti

Social Media Strategist e Blogger, amo pianificare i contenuti da raccontare in rete per le persone e le aziende. Mi attrae ogni forma di comunicazione, da quella digitale a quella artistica, perché il processo di relazione tra persone passa proprio da ciò di cui si parla e ciò di cui non si parla.

Commenti Facebook

4 Commenti

  1. Avatar
    lucio novembre 12, 2017

    Ma la “voltura” Enel è obbligatoria in caso di subentro a causa di morte del precedente contraente e quindi perché si è ereditato l’immobile?
    Da quello che so io si può continuare a mantenere il vecchio contratto senza variare le generalità e senza nessun obbligo di sorta.

    Rispondi
    • Avatar
      Monia Taglienti novembre 13, 2017

      La voltura è possibile solo nel caso in cui c’è stata la disattivazione delle utenze. In ogni caso è possibile cambiare l’intestazione del contratto e mantenere le stesse condizioni. Ti consiglio di recarti nel punto Enel più vicino per i dettagli.

      Rispondi
  2. Avatar
    federica novembre 17, 2017

    Buongiorno, volevo chiedere per contratto di energia elettrica intestato ad un defunto , ma la proprietà dell’immobile è di un’altra persona, come bisogna fare per chiudere il contratto in essere ed attivarne uno nuovo intestato al proprietario dell’immobile, gli eredi fanno rinuncia dell’eredità.
    grazie mille Federica

    Rispondi
    • Avatar
      Monia Taglienti novembre 17, 2017

      Federica non ho ben capito. Il proprietario dell’immobile è in vita e l’intestatario del contratto è defunto?

      Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*