Bollette seconda casa: cosa cambia con la nuova riforma

Bollette seconda casa: da gennaio 2017 c’è stata una vera e propria rivoluzione per il settore energetico e Anche le utenze della seconda casa sono coinvolte. Vediamo cosa cambia rispetto al vecchio regime e qualche consiglio per risparmiare sulla bolletta gas e luce.

bollette seconda casa

Hai deciso di fare un investimento e di acquistare una seconda casa? Hai già una casa in campagna, al mare o in montagna? Bene, devi attivare una nuova utenza gas e luce o (sicuramente) desideri risparmiare sulle bollette seconda casa.

Dal gennaio di quest’anno sono cambiate le tariffe applicate alla bolletta gas e luce, anche per le utenze seconda casa grazie alla riforma delle tariffe.

Bollette seconda casa: cosa cambia da gennaio 2017

Fino a gennaio 2017 le tariffe per l’energia elettrica ed il gas stabilite ogni 3 mesi dall’Autorità per l’energia, il gas e l’acqua erano decisamente più alte per i proprietari di seconda casa rispetto a quelle dedicate a chi è residente.

Insomma, avere una seconda casa (quasi) non conveniva ai non residenti, almeno per quanto riguarda le bollette per l’energia elettrica! La bolletta gas per la seconda casa, invece, non rientrava in questo schema di fatturazione.

Da gennaio 2017, invece, essere possessore di una seconda casa conviene eccome! Con la riforma 2017 per l’energia ed il gas, infatti, ci sono tantissimi vantaggi dell’essere proprietario di una seconda casa. Scopriamo insieme cosa cambia con l’approvazione della delibera 582/2015/R/eel:

  • il sistema della progressività che prevedeva il pagamento di un prezzo maggiore al kWh se consumavi di più viene abolito;
  • i costi relativi alla distribuzione e al trasporto dell’energia vengono fatturati nella parte fissa della componente energia. Viene, infatti, definita una nuova tariffa TD per i servizi di rete che non vengono più fatturati per i kWh consumati ma per la potenza impegnata;
  • c’è un intervento importante sulla parte della fatturazione riservata agli oneri di sistema (leggi il nostro articolo sui nuovi oneri di sistema in bolletta).

Bollette seconda casa: quali sono le utenze necessarie davvero? Ecco la nostra risposta: “Utenze seconda casa: quali sono necessarie?”.

Confronta tariffe luce

La riforma delle tariffe cambia le carte in tavola!

Con le riforme 2017 come cambiano le utenze per la tua seconda casa? Semplice, le tariffe D2 e D3(ovvero le due tariffe obbligatorie che bisognava pagare rispettivamente per il servizio di trasmissione, di distribuzione e di misura della luce) vengono eliminate. Da gennaio di quest’anno, infatti, è orevista un’unica tariffa DT per il pagamento dei servizi di rete.

Di fatto, l’applicazione della tariffa unica DT permette (finalmente) di eliminare il sistema degli scaglioni di consumo a cui eravamo abituati e portando uguaglianza nel pagamento della bolletta energia.

Se sei proprietario di una seconda casa o sei residente e la tua famiglia consuma davvero tanto sei davvero fortunato: per una volta, consumare tanto “ripaga”.

Scherzi a parte, le tariffe D2 e D3 danneggiavano effettivamente famiglie residenti che consumavano molto. La creazione di una “tariffa unica” per i costi di distribuzione, trasmissione e misurazione dell’energia elettrica premiano i consumi smart ovvero i comportamenti efficienti per un uso dell’energia elettrica che sia davvero necessario.

Per te, proprietario di una seconda casa, la “tariffa unica DT” sostituisce quella precedente D3. Invece di pagare i consumi di una famiglia che consuma tanto pagherai quanto è giusto: in base ai tuoi effettivi consumi. Aumenteranno i costi delle quote fisse da pagare in ogni bolletta dell’energia elettrica ma, al contempo, si ridimensionano perché calcolate sulla base degli effettivi consumi.

In base alla riforma tariffaria 2017 i proprietari di seconde case risparmieranno fino a 100 euro annui sul totale degli importi della bolletta luce. Se, poi, consumi di più – ovvero o sei uno dei fortunati che riesce a farsi 3 mesi all’anno e più di vacanze o hai una famiglia numerosissima ed inviti amici e parenti ogni fine settimana – hai fatto bingo: con la nuova tariffazione energia 2017, infatti, vengono premiati gli alti consumi dei non residenti.

Come cambiano gli oneri nella bolletta energia?

Gli oneri di sistema nella bolletta della luce cambiano da gennaio 2017. Pagati una volta all’anno, gli oneri di sistema comprendono:

  • lo smantellamento delle centrali nucleari (cod. a2);
  • gli incentivi alla produzione di energia proveniente da fonti rinnovabili (cod. a3);
  • i costi da corrispondere alle Ferrovie dello Stato (cod. a4);
  • gli investimenti per la ricerca di fonti di energia alternativi (cod. a5);
  • i costi per finanziare le persone meno fortunate con iniziative come il bonus energia e regimi di tariffe speciali (cod. as);
  • gli investimenti per agevolare l’industria italiana, come quelle dedicate alle industrie manifatturiere (cod. ae);
  • con i codici uc4 ed uc7, invece, vengono coperti i costi per la promozione di un uso consapevole (ed efficiente) dell’energia elettrica e la compensazione per le imprese elettriche minori;
  • le compensazioni territoriali agli enti locali che (ancora) usano gli impianti nucleari, invece, vengono identificate con il codice mct.
Bollette seconda casa: cosa cambia con la nuova riformaBollette seconda casa: cosa cambia con la nuova riforma http://bit.ly/2f81UNt via @6sicuro

Il costo degli oneri di sistema che viene fatturato in bolletta è uguale per tutti i fornitori di energia elettrica e applicata sia ai residenti che non. Se possiedi una seconda casa, quindi, ma non vi abiti stabilmente (non sei residente) gli oneri di sistema li paghi “come se fossi a casa tua”, ovvero come sulla prima casa.

Come viene definita la spesa per gli oneri di sistema nella tua bolletta energia per la seconda casa? Se sei residente, gli oneri di sistema vengono calcolati sulla base dei tuoi consumi. Se, invece, non risiedi allora pagherai circa 135 euro annui. Controlla, per ulteriori informazioni, la tua fattura energia così da avere sempre chiari tutti i costi della tua bolletta luce.

Approfondisci sulla questione bolletta energia per la seconda casa: “Contratto energia elettrica: tariffe, recesso, prima e seconda casa”.

Bollette seconda casa: come risparmiare

Ecco calcuni utili consigli “per gli acquisti” sulla bolletta luce quando possiedi una seconda casa:

  • preferisci sempre una tariffa che tenga conto dei consumi della tua famiglia (compresi amici e parenti vari): scegli una tariffa a fasce orarie, meglio mono o bioraria;
  • non è fondamentale la potenza, in vacanza. Se non hai consumi da reggia di Versailles, puoi tranquillamente depotenziare il tuo contatore dell’energia elettrica: basta chiamare il tuo fornitore!
  • occhio ai consumi di elettrodomestici e delle lampadine: prediligi i led ed ottimizza i consumi.

Bonus energia seconda casa: come ci si comporta in proposito?

Cominciamo subito a sfatare un mito: la seconda casa non ti dà diritto ad un secondo bonus energia. Purtroppo, se hai una seconda casa per risparmiare puoi solo seguire i consigli che ti abbiamo dato prima!

Solo se tu abitassi nella tua seconda casa (ovvero risultassi residente lì) potresti – nel caso in cui rientrassi negli standard richiesti dalla legge – usufruire del bonus energia.

Se hai più di una casa, poi, non hai diritto a pagare due volte il canone Rai. Sappiamo che tu vuoi pagare con tutte le tue forze più volte all’anno il canone Rai, ma proprio non puoi. I proprietari di una casa vacanze o seconda casa non ha l’obbligo né il dovere di pagare il canone Rai per la seconda casa, è gratis perché va pagato una sola volta all’anno per nucleo familiare.

Se, e solo se, uno dei coniugi o dei membri di una famiglia abbia una residenza diversa allora il canone si ha da pagare!

Per quanto riguarda l’altra spesa – quella della bolletta gas – l’unico cambiamento degno di nota con la riforma tariffaria 2017 è che le tariffe cambiano in base alla posizione geografica.

Hai dubbi o domande su come funzionano le bollette seconda casa? Scrivici!

Francesca Cora Sollo

Realizzo strategie digitali per raccontare la storia della tua azienda. Mi occupo di Social Media, Copywriting e Blogging. Creativa, vulcanica e colorata il mio posto nel mondo è il web e la filosofia è la comunicazione morbida.

Commenti Facebook

7 Commenti

  1. Avatar
    Santa Bianchini Laerti settembre 17, 2017

    Io sono proprietaria di un unico immobile ma da anni viene considerato seconda casa per l:energia elettrica perché ho a disposizione 6 kwh. Tra l’altro ho fatto richiesta 2 volte di tornare alla fornitura domestica normale. Avviano la procedura ma non cambia nulla e continuo a pagare di più. Grazie

    Rispondi
    • Avatar
      Francesca Cora Sollo settembre 21, 2017

      Salve Santa, mi dispiace molto per l’importo maggiorato! In che modalità hai contattato il tuo fornitore di energia elettrica?

      Rispondi
  2. Avatar
    Mauro settembre 23, 2017

    Non so dove andate a prendere i dati, ma io ho un contratto elettricità con ENEL come seconda casa e da gennaio pago quasi il doppio…
    La voce “Spesa per Oneri di Sistema” che prima era quasi insignificante (es. tutto 2016 pari a 13,98 Euro ca 1 Euro/mese) ora è diventata 92,20 (ca 11,5 Euro/mese) e mancano ancora 2 bollette.
    Nel 2016 ho pagato in totale 180,23 (ca 15,00 Euro/mese) quest’anno, fino ad ora, 210,44 (ca 26,30 Euro/mese) e l’utilizzo della casa è rimasto praticamente lo stesso!

    Rispondi
  3. Avatar
    Francesca Cora Sollo ottobre 02, 2017

    Ciao Mauro, i dati sono quelli ufficiali rilasciati dal Governo e dall’ente ufficiale per l’Energia 🙂

    Hai provato a chiamare il tuo fornitore per capire cosa sta succedendo? Spesso basta una telefonata o una raccomandata per comprendere perché si sta pagando tanto!

    Francesca

    Rispondi
  4. Avatar
    Luciano ottobre 04, 2017

    La realtà è ben diversa e porto il mio esempio di come con la “riforma” è più che radoppiata la bolletta ENEL per una seconda casa: è una casa che si usa esclusivamente nei mesi estivi e prendendo ad esempio un periodo invernale a consumo 0 il risultato è questo: bolletta 29/02/2016 Euro 22,97, bolletta 02/03/2017 Euro 48,36.

    Rispondi
    • Avatar
      Francesca Cora Sollo ottobre 10, 2017

      Grazie per il tuo commento e di aver condiviso la tua esperienza, Luciano.

      Il problema che riscontri è comune: questo dipende dal fatto che, comunque, ogni caso è a se stante nonostante tutte le leggi e le riforme di questo mondo. Ciò che anche nei commenti precedenti si è riscontrato è che comunque, nella maggior parte dei casi, questa riforma è “fumosa” per molti utenti. Si deve mettere anche nel cesto delle buone intenzioni gli adeguamenti delle tariffe, che non sono così immediati. Proviamo a vedere tra un po’ cosa succede 🙂

      Il tuo consumo, comunque, non mi sembra così alto: hai controllato con un consulente ENEL se c’è una tariffa migliore spiegando la situazione?

      Rispondi
  5. Avatar
    ernesto pavolini ottobre 05, 2017

    possibile che devo pagare €45-€50 senza aver consumato 1 solo KW nella mia seconda casa (non residente) in Toscana quando l’altranno il costo era su €20-25? Mi sembra che tutte le nostre società fornitrici di energia elettrica abbiano tassato con oneri di sistema e spese di trasporto e contatore le loro bollette. Il costo dei kw consumati è una minima parte del totale. Comprare una seconda casa non è assolutamente un affare e venderla è ancora peggio visto la loro svalutazione nel tempo.

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*