Tasse sulle imprese: in Italia le più alte d’Europa

Il 64,8% dei profitti commerciali in Italia si trasforma in tasse sulle imprese. A rivelarlo una ricerca della CGIA di Mestre. In Europa nessuno fa peggio dell'Italia.

tasse sulle imprese

Tasse sulle imprese: la ricerca della CGIA di Mestre

La pressione fiscale sulle imprese italiane, è la più elevata d’Europa. Se nel nostro Paese “se ne vanno” in tasse il 64,8% dei profitti commerciali, negli altri Stati UE la situazione è decisamente migliore.

Fanalino di coda insieme all’Italia, sono Francia con il 62,7% e Blegio con il 58,4%. Impressionante però il divario tra Italia e media UE, che si attesta al 43,6%: un distacco di oltre 21 punti percentuali che pesa decisamente soprattutto se si ragiona in termini di competitività delle aziende nostrane.

A commentare i dati Paolo Zabeo, Ufficio studi Cgia di Mestre:

“Pur riconoscendo l’impegno profuso dal Governo Renzi le imprese italiane continuano ad avere un total tax rate che non ha eguali nel resto d’Europa. Pertanto, è necessario che l’esecutivo, in attesa delle riduzioni dell’IRES e dell’IRPEF, attui da subito una moratoria fiscale che sterilizzi qualsiasi aumento di tassazione a livello nazionale e locale ed eviti, come purtroppo è successo negli ultimi 2 anni per i trasporti, la diminuzione delle deduzioni/detrazioni fiscali che si sono tradotte nell’ennesimo aumento di imposta per moltissimi imprenditori”.

Tasse sulle imprese: rapporto tasse/PIL e livello dei servizi

Il rapporto tra tasse e PIL (prodotto interno lordo), ci restituisce un quadro un po’ meno drammatico, ma comunque a tinte fosche se paragonato alla situazione di altri Paesi UE. In Italia tasse e contributi rappresentano il 43,5% del PIL, a fronte del 39,6% della Germania, del 37,8% dell’Olanda, del 34,8% del Regno Unito e del 34,6% della Spagna.

Interviene nuovamente Zabeo sul livello dei servizi offerti alle imprese a fronte del notevole carico fiscale:

“Alle imprese italiane viene richiesto lo sforzo fiscale più pesante d’Europa. Sebbene la giustizia civile sia lenta e in molte aree del paese anche poco efficiente, l’eccesso di burocrazia abbia raggiunto livelli difficilmente riscontrabili altrove, la Pubblica amministrazione sia la peggiore pagatrice d’Europa e il deficit logistico-infrastrutturale sia pesantissimo, la fedeltà fiscale delle nostre imprese è molto elevata. In altre parole, gli imprenditori italiani pagano molto di più dei concorrenti europei, ma, per contro, continuano a ricevere servizi di basso livello qualitativo.”

Tasse sulle imprese: in Italia le più alte d'EuropaTasse sulle imprese: in Italia le più alte d’Europa http://bit.ly/2aJ2gKP via @6sicuro
Michela Calculli

Dagli studi professionali tra Milano e Torino al blog personale, passando per un'esperienza televisiva che ha segnato la svolta. Tre grandi passioni: la scrittura, il fisco, la semplicità. Sempre in equilibrio tra famiglia e professione tra comunicazione e aggiornamento fiscale.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*